OPINIONE Letto 4246  |    Stampa articolo

La Partita che avrebbe voluto giocare

Foto © Acri In Rete
Anna Vigliaturo
La “Partita del cuore” dell’ 8 agosto allo Stadio comunale di Acri diventa occasione per condividere ricordi, pensieri ed emozioni con le persone care a Salvatore.
Voglio condividere la sua forza nell’affrontare il duro cammino della malattia, il non voler mollare mai, la gioia nei suoi occhi nel rivedere gli amici più cari quando rientrava ad Acri dopo i cicli di terapia, il suo stupore ed allo stesso tempo la gioia e l’emozione nel rendersi conto delle tantissime persone che si informavano e si interessavano del suo stato, il desiderio e la curiosità di sapere chi lo cercava anche quando non aveva più la forza di rispondere al telefono, la forza e la volontà di aggrapparsi ad ogni cosa pur di restare con noi, con me, con i figli, con gli amici.
 Avrebbe fatto di tutto per essere su quel campo insieme ai compagni di tante partite vinte e perse insieme, non aveva più paura di nulla, pur di restare con noi avrebbe fatto e si sarebbe sottoposto a qualsiasi cura, ma il male ha vinto! E’ stato più forte e brutale, ha giocato duro sin dall’inizio ed alla fine ha vinto lui. Su una cosa però non potrà mai vincere, non potrà mai cancellare il dolce ricordo di Salvatore, o Filippo come molti lo chiamavano, niente e nessuno potrà mai cancellare la sua dolcezza, la sua bontà, la sua disponibilità, la sua educazione. La scritta sullo striscione degli Ultras acresi “Chi scrive la storia non muore mai” rende onore a lui, al suo modo di essere, al suo grande cuore, al voler condividere con gli altri la sua grande passione: il calcio.
Non so se il vuoto lasciato dalla sua scomparsa potrà mai essere colmato.
Le tante persone che hanno scritto e scrivono su di lui, tutta la città e non solo, tutti i suoi amici, i suoi ex compagni di squadra, gli ex presidenti ed allenatori, tutti quelli che hanno partecipato alla manifestazione, hanno dimostrato di avere un cuore grande, grande come il suo.
L’affetto e il calore manifestato verso la mia famiglia in questi mesi, anche in occasione della giornata organizzata in memoria di Francesco Coschignano, a cui è stato dedicato lo stadio di San Giacomo, la vicinanza espressa dai genitori di Giuseppe Reale e dai vincitori del Palio dei ciucci, l’impegno e la dedizione prestata da Mimmo Baccillieri, da Carlo Stumpo, dagli sponsor e dai tanti che hanno contribuito all’organizzazione della “partita del cuore”, la gioia di Pasqualino nel correre con gli “amici di papà” su quel campo che tanto ha dato a Salvatore, resterà scolpita nella mente e nel cuore di molti.
Di sicuro resterà nel mio cuore, nel cuore di Ludovica e Pasqualino, e soprattutto in quello di Salvatore, che da lassù ha corso e giocato insieme ai suoi compagni di squadra.



PUBBLICATO 24/08/2015





Altre News

NEWS  |  LETTO 725  
Finanziamenti per i centri storici. C’è anche Acri
La Regione Calabria, Dipartimento urbanistica e beni culturali, ha provveduto ad approvare...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1810  
Alimentazione. Ecco le Montanine, le patatine silane in sacchetto
Le Montanine. Una bella novità sul mercato italiano, le patatine fritte in sacchetto prodotte in Calabria, in Sila, a Camigliatello Silano grazie ad Antonio e Serena Paese, due giovani imprenditori ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 838  
La Notte dei Licei al classico Julia. E venerdì prossimo si replica allo scientifico
Non c’erano dubbi sulla riuscita dell’evento! La Notte Nazionale del Liceo Classico ha registrato un numero di visitatori oltre le aspettative. Genitori, bambini, studenti, cittadini hanno partecipa ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 902  
Verso le regionali. Nel consiglio comunale pescheranno in molti
Continua il nostro viaggio nelle elezioni regionali previste per il 26 gennaio....
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1623  
Molecola contro l’osteoporosi, arriva il brevetto americano. Maria Grano gioisce
Finalmente il brevetto americano è stato concesso. E Maria Grano non nasconde la soddisfazione. La «sua» creatura, quella molecola Irisina che sconfigge l’osteoporosi, ha superato l’ultimo ostacolo ...
Leggi tutto