OPINIONE Letto 4565  |    Stampa articolo

Raccolta Firme proposta di Legge sulla Legittima Difesa

Foto © Acri In Rete
Francesco Iannazzo
L’iniziativa in oggetto ha l’obiettivo di mettere in atto una raccolta di firme per la legittima difesa con lo scopo di rendere più severe le pene in caso di violazione del domicilio e quindi di tutelare maggiormente chi subisce furti o aggressioni nella propria casa. Nel dettaglio, la proposta di legge è finalizzata a modificare gli articoli 55 e 614 del codice penale.
Con la modifica dell’articolo 55 il disegno di legge intende escludere l’eccesso colposo in legittima difesa, vale a dire legittimare il padrone di casa a poter difendere se stesso e i propri beni senza subire denunce. La modifica dell’articolo 614, invece, richiede l’ aumento della pena fino a 6 anni per chi commette il reato di violazione di domicilio, ed un ulteriore aumento fino a 7 anni nel caso in cui il colpevole sia palesemente armato al momento dell’aggressione. Infine, la proposta di legge intende anche negare il risarcimento danni in caso di lesioni subite dall’aggressore da parte del padrone di casa.
La raccolta di firme per la legittima difesa non costituisce di persè un referendum, ma serve per poter presentare in Parlamento la proposta di legge popolare: secondo la Costituzione, infatti, servono 50000 firme per poter presentare il disegno di legge al Parlamento. Successivamente la proposta dovrà essere discussa ed approvata per rendere possibile la modifica dei due articoli.
La raccolta di firme per la legittima difesa ha avuto inizio il giorno 1 Aprile e continuerà fino al 25 Maggio. Chi è interessato ad aderire all’iniziativa dovrà recarsi presso l’Ufficio Anagrafe o presso la Segreteria del proprio Comune dove troverà l’apposito modulo. Per poter apporre la propria firma è sufficiente essere in possesso della carta d’identità ed essere residente nel Comune in cui si intende firmare.
Per questo carissimi cittadini di acri visti gli episodi di furto che continuiamo a subbire dobbiamo svegliarci e darci da fare, anche perché i nostri cari politici hanno ridotto a zero le forze dell’ordine, e le stesse, quindi, nonostante tutto il loro impegno, non riescono più a garantirci quella sicurezza di cui abbiamo bisogno e a cui avremmo diritto…

PUBBLICATO 10/05/2016





Altre News

NEWS  |  LETTO 650  
Coronavirus. Mobilità elevata (video)
Belle giornate, clima primaverile, festività pasquali, insofferenza dopo un mese di quarantea. Un mix micidiale per indurre i cittadini a tornare in strada ed a rivivere la città.
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 527  
Coronavirus in Calabria. I dati di mercoledì 8 aprile. 13mila tamponi, 859 positivi
Di seguito i dati divulgati dalla Regione. Sono stati effettuati 13527 (+ 900 circa) tamponi. Le persone risultate positive al #Coronavirus sono 859 (+26 rispetto a ieri), quelle negative sono 12.6 ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1203  
Coronavirus in Italia. Fine Pandemia il 19 maggio. Oltre ventimila i morti
Sono previsioni, quindi, soggette ad errori, ma noi speriamo di no. La previsione, rilasciata dall’Istituto per le Misurazioni e la Valutazione della Salute (IHME), e pubblicata su Huffpost, quotidi ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 845  
Coronavirus in Calabria. I dati di martedì 7 aprile. 833 positivi (+16 rispetto a ieri). Migliaia le multe elevate
Di seguito i dati divulgati dalla Regione. In Calabria ad oggi sono stati effettuati 12.622 tamponi. Le persone risultate positive al Coronavirus sono 833 (+16 rispetto a ieri), quelle negative sono ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1366  
Coronavirus nella provincia di Cosenza. Tutti i casi comune per comune aggiornati al 6 aprile
Di seguito pubblichiamo i casi di Coronavirus della provincia di Cosenza, comune per comune, esclusi i deceduti. Cosenza 20, Rende 3, Cassano 2, Corigliano-Rossano 36, Altomonte 3, Amantea 3, Bels ...
Leggi tutto