OPINIONE Letto 3689  |    Stampa articolo

Sul MACA e dintroni… ecco cos’è successo

Foto © Acri In Rete
Silvio Vigliaturo – Oesum Led Icima - ODE
Riprendiamo lo scritto “Sul Maca e dintorni” (clicca qui per leggere) a firma della signora Franca Ferraro, pubblicato il 16/09/2016 e, amareggiati, ma ben disposti ad una indagine dalla Procura che possa fare chiarezza e mettere fine a tanta “confusione”, proprio per non restare anche noi in disparte e per rispetto a chi si pone delle domande, rispondiamo, soprattutto, dopo essere stati ricoperti, per tanto tempo, di fango e di invettive calunniose, che non meritano cenno perché smentite dai fatti e dal lavoro per il Museo MACA. Un lavoro quotidiano, che l’Associazione Oesum led Icima, porta avanti a titolo totalmente gratuito (come si può evincere dai bilanci pubblici del Comune). Qualche riconoscimento ed apprezzamento il Museo e, di conseguenza, la città di Acri, se li sono accreditati. Ripercorriamo questi anni e per citare alcune delle notizie su carta stampata, oltre ai quotidiani locali e regionali che ci supportano da sempre, ci viene in mente ad esempio il 3° Rapporto sull’Eccellenza in Italia (dell’Eurispes) che ha inserito il Maca nelle cento esperienze istituzionali e imprenditoriali di successo, oppure qualche articolo su Arte Mondadori, Giornale dell’Arte, Exibart, Archivio -che da circa sei anni pubblica mensilmente pagine degli eventi del Maca-, sul “Venerdì” de La Repubblica, La Repubblica, La Stampa, Bell’Italia, Gente, Meridiani, Qui Touring, Atmosphere, Verve, o il redazionale con copertina sulla Gallery Guide di Europa & Asia; Nell’anno scolastico 2010/2011 Il MACA è stato inserito nella rivista di Turismo scolastico e didattica “Didatour Annuario”, tutte le notizie sul sito Mibact, poi qualcosa di più recente, come la pagina sul Corriere della Sera, dedicata lo scorso anno alla mostra di “Klein Nel Blu dipinto di Blu”, o all’articolo su Donna Moderna e a quello, ancora sul Corriere della Sera, per il “Nuovo Realismo e Mimmo Rotella”, fino all’ultimo recente che in agosto ha visto il Maca (con il merito aggiunto di rendere così il territorio della zona ancora più interessante) nell’articolo “100 motivi per cui la Provincia è cool”, del mensile Idee e Lifestyle del Sole 24 Ore.
Ma torniamo alle domande, anche perché rispondere ci permette di fornire dati (verificabili) e dimostrare che l’attività svolta per il Museo – vorremmo ricordare – inaugurato il 24 giugno 2006 e nato da una donazione del maestro Silvio Vigliaturo di 236 opere,  è sempre stata finalizzata allo sviluppo culturale della città di Acri e del territorio regionale che, ogni anno fin dall’apertura, vede succedersi eventi e mostre di rilevanza nazionale ed internazionale.
domanda 1. Cosa rappresenta il Museo per Acri?
Rispondiamo con una definizione, ormai diffusa, utilizzata dalla Regione Calabria, il MACA è un “attrattore culturale”, un luogo dove si fa arte e cultura a beneficio di tutti e accessibile a tutti, tanto che l’ingresso sia al museo, sia alle mostre è gratuito.
domande 2. 3. Quanti visitatori registra ogni anno ? Quanti sono i visitatori provenienti da Acri, dalla provincia, dalla Regione ?
Nel 2015 i visitatori sono stati diecimila. Il museo ogni anno riceve, solo nel periodo della Grande Mostra (giugno – ottobre), 6.000 visitatori, presenze documentate e dati riferiti alla Regione Calabria. Inoltre, per l’attività didattica svolta, il museo ospita numerose scolaresche con cui sta sviluppando un interessante programma, esteso anche alle scuole del territorio circostante. Per arricchire l’offerta artistica, Oesum ha ideato il Concorso Youg at Art per i giovani artisti calabresi con un allestimento annuale dedicato ai migliori talenti, che viene presentato in mostre itineranti in tutto il territorio italiano (ad es. a Paratissima a Torino dove ci sono 120.000 presenze i quattro giorni espositivi). A questo possiamo aggiungere tutti i visitatori on line che accedono alle mostre virtuali, citiamo solo il www.museomaca.it, e da tutti i fan delle nostre pagine Facebook. Il totale di questo pubblico si aggira sui 10.000 visitatori on line al mese.
Per quanto riguarda la provenienza geografica dei visitatori del MACA: il 45% è di origine comunale (Acri); il 30% dalla regione; il 20%  nazionale e il 5% internazionale. Infine, per avere ulteriore visione dell’attività culturale del Museo MACA, ci si può informare sui media digitali: la rassegna stampa, gli eventi e le notizie sono innumerevoli. Segnaliamo anche la comunicazione 2.0, quindi l’opinione diretta dei visitatori, che su TripAdvisor consigliano il MACA.
domanda 4. Quali e quante iniziative ha messo in campo durante la sua esistenza ?
I mesi che concludono l’anno 2006, sono una fase di rodaggio, dove, principalmente, ci si dedica a perfezionare l’apparato organizzativo interno, a dar vita  all’ufficio stampa, a far conoscere la presenza del Museo, a programmare i futuri eventi.  
2006- siamo partiti con i giovani. LA DIDATTICA DEL MACA – Workshop Scuole, progetto per elementari, medie, superiori, istituti d’arte. Con il mese di novembre 2006, sono iniziate, per le scuole partecipanti ai workshop, le visite guidate al museo.
2007- L’ANNO DELLA COLOMBA”.…correva l’anno 2007, il 7 luglio, ad Acri nella Sala delle Colonne  del Palazzo Sanseverino Falcone,  sede del  MACA Museo Arte Contemporanea Acri, si è inaugurata la Mostra Contemporanea .
Una  folla di  ragazzi della Calabria con le loro famiglie e i docenti, hanno affollato le sale del Museo.  L’allestimento dinamico della mostra,  i disegni,  le fotografie dei ragazzi, e  la moltitudine di voci hanno creato un clima di grande festa.  “…..in molti lavori, ho visto una fantasia che mi ha affascinato – scrive Silvio Vigliaturo, nel coloratissimo catalogo museale pubblicato e distribuito in occasione della mostra – ho letto scritti inerenti l’arte, concreti, affascinanti, pieni di libertà, come l’arte è e deve essere.  Dover scegliere è stato molto difficile e non era scopo del workshop portare ad una selezione, pertanto i disegni che sono stati esposti ed hanno fatto parte del catalogo della mostra, non sono i disegni “più belli” ma quelli che idealmente li rappresentano tutti….”  Ecco, questo è stato l’elemento portante che ha rafforzato la volontà di proseguire e portare avanti la didattica. In crescendo ha raggiunto il 2016 e l’associazione culturale Oesum Led Icima, ripete questa costruttiva esperienza didattico-creativa, con il coinvolgimento del maggior numero di scuole a livello provinciale e regionale e negli anni, con la partecipazione di scuole del Veneto, Emilia, Basilicata, Puglia.
2007- LO SPAZIALISMO E L’APPORTO VENEZIANO, LucioFontana, Anton Giulio Ambrosini, Virgilio Guidi, Tancredi, Luciano Gaspari,Gino Morandis, Edmondo Bacci, Ennio Finzi, Riccardo Licata, Vinicio Vianello,Mario De Luigi, Saverio Rampin, Bruno De Toffoli, Bruna Gasparini.
2007- Attravero Vigliaturo, due suoi collezionisti, il 17 marzo, ad Acri, con Atto Notarile, hanno dato vita a due donazioni al Museo e alla Città di Acri,  rispettivamente:
- UNA DONAZIONE E’ SEMPRE UNA DONAZIONE, l’acquisizione di opere grafiche di artisti del ‘900, dalla collezione Germano Patrito, ex sindaco della città di Chieri(to). La donazione comprende  66 opere grafiche di artisti del 900 italiano.
- PRINCIPE ACHEO, scultura in acciaio e vetro creata da Vigliaturo, dalla collezione Baratta (Torino).
2008- MATERIA & GESTO, tormento ed estasi dell’Informale italiano – opere di Bendini, Corpora, Licata, Perilli, Scanavino, Scialoja, Turcato e altri
2008-  ION NICODIM, dalla terra all’opera la forza delle radici
2008-  LE MONTAGNE SI INCONTRANO, Dorino Ouvrier 
2008-  GIOVANNI CATALDI    -  Inizia il percorso EVENTO ANNUALE, DEDICATO AD UN ARTISTA CALABRESE
2009- PITTORI DEGLI DEI, la più antica arte moderna  - La mostra verte sull´arte aborigena dei primitivi australiani
2009-  ASSISES, SEDUTE IN OPERA - La sedia può essere semplicemente assemblata, frammentata, o associata ad elementi estranei, di qualunque natura essi siano. Vengono presentate le opere di centouno artisti della scena contemporanea francese ed internazionale che si sono cimentati in quello che può essere definito come un « atto di trasfigurazione rivitalizzante del quotidiano »;
2009/2010- REMO BIANCO. ARCHITETTO DI SORPRESE - si inserisce appieno nello stimolante contesto culturale che anima il capoluogo lombardo negli anni ‘50 e ‘60:  le radicali ricerche di Lucio Fontana e di Piero Manzoni, le monocrome pitture di Yves Klein, le riflessioni di Pierre Restany
2010- LUIGI LE VOCI, l’ultimo grande artista bohemien  EVENTO ANNUALE, DEDICATO AD UN ARTISTA CALABRESE
2010- JOËL STEIN  -Personale retrospettiva dal 1960 - Mostra itinerante svoltasi presso il MACA e presso:
Abbaye aux Dames, Caen , Francia - Abbaye sux Hommes, Caen, Francia - MUSINF – Museo Comunale d’Arte Moderna, di Senigallia - LAMEC – Laboratorio per l’Arte Moderna e Contemporanea, Basilica Palladiana di Vicenza
2010/2011- ALDO MONDINO. Maestro di Fantasmagorie
2011- FRANCESCO TORALDO, composizioni musicali  - EVENTO ANNUALE, DEDICATO AD UN ARTISTA CALABRESE
2011- FRITZ BAUMGARTNER. L’ASTRAZIONE , Il ritorno di un austriaco
2011/2012- ASTRATTOCONCRETO - IL GRUPPO DEGLI OTTO, Afro Basaldella, Renato Birolli, Antonio Corpora, Mattia Moreni, Ennio Morlotti, Giuseppe Santomaso, Giulio Turcato ed Emilio Vedova, raccolti attorno al critico Lionello Venturi, costituirono il Gruppo degli Otto.
2012/2013- FRANCESCO GUERRIERI , Dal polimaterico all’essenza della struttura  EVENTO ANNUALE, DEDICATO AD UN ARTISTA CALABRESE
2011 il frutto di collaborazione con il SISTEMA MUSEALE DELLA PROVINCIA DI COSENZA, ha inserito il MACA nei suoi itinerari didattico-culturali
2012- YOUNG AT ART   I Stay Here - Nasce la prima edizione di YOUNG AT ART. Un concorso, dedicato agli under 35 nativi della Calabria, porterà alla selezione di giovani artisti rappresentativi della nuova scena calabrese , per una mostra itinerante: YOUNG AT ART  Aspettando la Biennale (San Demetrio Corone)  -  YOUNG AT ART  Esperimenti Dada (Maca)
YOUNG AT ART(issima), Torino
2012- a partire da quest’anno, il MACA  aderisce annualmente alla SETTIMANA DELLA CULTURA promossa dal Mibact
2012- HANS RICHTER , Dada fino all’ultimo respiro  - Artista poliedrico enormemente affascinato dalle infinite possibilità espressive fornite dal mezzo cinematografico, di cui fu uno dei massimi sperimentatori, Richter fu tra i padri fondatori del Dadaismo, nonché uno dei suoi maggiori esponenti.
2012- ARTE NELLE CASE DI RECLUSIONE?  - Workshop d’arte contemporanea con la Casa di Reclusione di Rossano,
A conclusione, si è tenuto convegno regionale di presentazione del progetto, mentre le opere realizzate dagli ospiti della Casa di Reclusione sono state esposte al Maca, all’interno degli spazi dedicati alla collezione permanente
2013- POP ART A TORINO?   Alighiero Boetti, Piero Gilardi, Aldo Mondino, Ugo Nespolo e Michelangelo Pistoletto.
2013- PINO CHIMENTI , Una gioiosa macchina da guerra  EVENTO ANNUALE, DEDICATO AD UN ARTISTA CALABRESE 
2013- YOUNG AT ART ,Home is where the Art is  -  itinerante: YOUNG AT ART “Virtual”  -  YOUNG AT ART(issima), Torino
2013- GERARDO SACCO, 50 anni di arte orafa nel mondo - un incontro dedicato al Maestro orafo, per celebrare i primi cinquant’anni della sua attività,.
2013- BIENNALE D’ARTE CONTEMPORANEA MAGNA GRECIA - VII EDIZIONE – il Maca si trasferisce nella splendida 
cornice del Collegio di Sant’Adriano, con la raccolta di una collezione di opere di alcuni degli artisti più noti del XX  e del XXI secolo: Arman, Andrea Benetti, Sandro Chia, Piero Gilardi, Vik Muniz, Ugo Nespolo, Mimmo Palladino,  Gianni Piacentino, Michelangelo Pistoletto e Daniel Spoerri.
2013- DA DE CHIRICO A SCHIFANO, La collezione di opere grafiche del MACA, Luca Alinari, Remo Brindisi, Xavier Bueno,
Giovanni Cappelli, Michele Cascella, Bruno Cassinari, Giuseppe Cesetti, Giorgio De Chirico, Raffaele De Rosa, Athos  
Faccincani, Salvatore Fiume, Franco Gentilini, Renato Guttuso, Carlo Mattioli, Francesco Messina, Giuseppe Migneco, Ennio Morlotti, Anton Zoran Music, Ugo Nespolo, Giuseppe Santomaso, Aligi Sassu, Emilio Scanavino, Mario Schifano, Remo Squillantini, Alberto Sughi, Orfeo Tamburi, Mario Tozzi.
2014- FONTANA –VASARELY ,Due mondi, due culture, due scuole a confronto, con opere di Area di influenza di Vasarely:
Martha Boto, Enrique Careaga, Hugo Demarco, Horacio Garcia Rossi, Francesco Guerrieri, Julio Le Parc, Dario,  Perez-Flores, Francisco Sobrino, Jesus Raphael Soto, Joël Stein, Gregorio Vardanega, Yvaral.  Area di influenza di Fontana: spazialismo veneto (Edmondo Bacci, Mario Deluigi, Ennio Finzi, Luciano Gaspari,  Bruna  Gasparini, Virgilio Guidi, Riccardo Licata, Gino Morandis, Saverio Rampin, Vinicio Vianello); spazialismo  lombardo (Giuseppe Capogrossi, Roberto Crippa, Enrico Donati, Gianni Dova, Cesare Peverelli, Emilio Scanavino).
2014- YOUNG AT ART  We Art Calabria    -  itinerante: YOUNG AT ART   MAM Museo Arti e Mestieri, Cosenza  -   YOUNG AT ART Imbiancheria del Vajro, Chieri  -  YOUNG AT ART(issima),   PARATISSIMA 10, Torino  -  YOUNG AT ART  Palazzo Giannettasio, Oriolo (Cs)
2015- Omaggio alla Giornata della Memoria, in ricordo della Shoah e delle sue vittime - HANS RICHTER La Shoah dell’Arte –  il Maca è invitato a partecipare, tra gli altri, insieme a MAMbo, Museo d'Arte Moderna di Bologna, Galleria d'Arte Moderna di Trieste, GNAM Galleria Nazionale di Arte Moderna di Roma, Galleria d'Arte Moderna di Genova, GAM Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino, Museo Ebraico di Casale Monferrato, MART di Rovereto,  Collezione Peggy Guggenheim di Venezia.
2015- RACCOLTA DIFFERENZIATA DI ARTE CONTEMPORANE, Installazione ambientale satirica ispirata e autorizzata da La Lettura del Corriere della Sera
2015- ANNA CAPOLUPO. Dove sono sempre stata EVENTO ANNUALE, DEDICATO AD UN ARTISTA CALABRESE 
2015- YOUNG AT ART,  From South to South,  Over/Under  -  itinerante: YOUNG AT ARTParatissima, Torino  -  YOUNG AT ART, Castello di Corigliano Calabro
2015- … Nel Blu dipinto di Blu… da YVES KLEIN, con opere di altrettanti artisti che hanno utilizzato il “Blu” nel loro percorso pittorico. Per citarne alcuni: Osvaldo Licini, Lucio Fontana, Hans Hartung, Jacques Villeglé, Daniel Spoerri, Ben Vautier, Mimmo Rotella, Vettor Pisani, Marco Gastini, Mario Schifano, Raymond Hains, Georges Mathieu, Mimmo Paladino, Piero Pizzi Cannella, Jan Fabre,  ecc.
2015- il Maca aderisce alla XIV GIORNATA DEL CONTEMPORANEO
2015- il Maca aderisce a F@MU 2015 la Giornata Nazionale delle Famiglie al Museo
2015- il Maca aderisce alla NOTTE EUROPEA DEI MUSEI
2015- il Maca, è presente quale testimonial della Regione Calabria all’EXPO 2015 con opere di Vigliaturo, in due situazioni: in Calabria, Expo - Italia delle Regioni, e Milano – Expo 2015 Padiglione Italia
2016- LA SHOAH DELL’ARTE, Gino Bartali – Julian Beck
2016- MAX MARRA, Traccia e Prospettiva- EVENTO ANNUALE, DEDICATO AD UN ARTISTA CALABRESE 
2016- YOUNG AT ART. BasiCally  -  itinerante: YOUNG AT ART  alla Momart Gallery di Matera, e nasce dalla partnership tra il MACA e ReBAC (Rete Baslicata Arte Contemporanea),  e Fondazione Matera-Basilicata 2019.
2016- NOUVEAU RÉALISME… “L’ESPRIT PROVOCATEUR” DI MIMMO ROTELLA
2016- il Maca aderisce a Kid Pass Days. seconda edizione della grande maratona di eventi family nelle maggiori città italiane tutta dedicata ai genitori e ai bambini da 0 a 12 anni. Si tratta di uno dei più distintivi programmi di attività a misura di bambino che abbia luogo in Italia con lo scopo di diffondere sempre più l'accessibilità e l'accoglienza a loro rivolta nel nostro Paese, in occasione della Festa internazionale della famiglia
COLLANA  “QUADERNI DEL MUSEO” – la visione delle singole mostre è corredata da un proprio catalogo, ad esclusione della mostra di Joel Stein, per la quale è stata editata una monografia biografica di 320 pagine, sull’artista e sulla sua opera. La monografia, tra gli altri luoghi, è ora presente al Centro Pompidou di Parigi.
Quindi, editati  cataloghi in numero di ventisette.
Tutti questi eventi ci hanno dato modo di portare in giro, senza pretese, i nomi Maca e Città di Acri, collaborando con,  Ambasciata  di Romania in Roma e in Venezia,  Isituto di Cultura Rumena in Venezia, Institutul Cultural Roma, Ministerul Culturii si Cultelor in Romania, CAMERA Conseil Audiovisuel Mondial pour les Etudes et Réalisations sur l´Art Francia, Dipartimento Cultura di  Brisbane, Governo di Brisbane, Consolato Italiano d’Australia, Gallerie pubbliche di stato e di governi in Francia ed Australia,  “valzer” approvato dal Commonwealth (cultural heritage) di    Arte Contemporanea e Arte Aborigen, Association A Vol D’oiseau du Cercle di Parigi,  Ambassade De France in Italie, Abbaye au Dames di Caen in Francia,  Abbaye auz Hommes di Caen, Camera di Parigi, CICT UNESCO di Parigi, Regione Bassa Normandia…
TURISMO CALABRIA – Nel tempo, un congruo numero di  visitatori, ha movimentato,  seppur in piccolo, inevitabilmente,  le situazioni commerciali e ricettive di Acri, o per ospitalità verso i facenti parte alle esposizioni, o per visitatori provenienti da altri luoghi.  Da alcuni anni, una attiva collaborazione si è venuta a creare con un Operatore Turistico calabrese, che è stato il tramite per dirottare al Museo già alcune delle  presenze citate.  L’intenzione è quella di dare un senso d’insieme del nostro territorio. A tal proposito, due “pacchetti” di tour, sono stati accettati da operatori canadesi e operatori americani, oltre che dalla nostra Nazione. Circuiti turistici che prevedono la presenza di Acri e del MACA:  DAL MAGNO GRECO AL FUTURISMO ….nel tour è dedicato un giorno ad Acri – e - ENOTRI GRECI BRUZI ROMANI …nel tour è dedicato un giorno ad Acri
LA FABBRICA DELLE IDEE (Progetto aperto a tutte le scuole, giovani, con un pensiero contemporaneo)
Nasce dopo una visita al museo degli studenti del Liceo V.Julia di Acri che, con una lettera a Silvio Vigliaturo……..<<…Liceo V. Julia, 11 dicembre 2012. Studenti e studentesse tutte, trascorse le prime ore di lezione, condividono un insolito stato di agitazione. Non si tratta di compiti o interrogazioni bensì di un incontro che nasconde una speranza, punto d’arrivo e forse di partenza. Chi, dunque, è capace di destare l’attenzione di cotante e discordi giovani menti, svegliandole dal torpore mattutino? Un uomo, un artista, un maestro, Silvio Vigliaturo…>>,sollecita la volontà di ideare “La Fabbrica delle Idee”.
In quattro anni di interazione, tra docenti, studenti, museo e artista, si sono svolti incontri periodici con artisti, personaggi del territorio, critici e curatori d’arte. Uno fra tutti, l’incontro con Paolo Coen, docente di Storia dei linguaggi e delle tecniche artistiche all’UNICAL. L’incontro con Vigliaturo, programmato durante le sue visite ad Acri, genera argomenti e stimoli diversi con un risultato comune, dove l’arte è al centro delle sfaccettature. Tutto questo, nell’ottica di proseguire e incrementare l’attività didattica rivolta ai giovani
Progetto ALTERNANZA SCUOLA LAVORO – firmate le convenzioni tra l’Associazione Oesum, per il MACA, con gli Istituti: Liceo Scientifico e Classico “Julia” di Acri – Istituto Omnicomprensivo  Luzzi, Scuola Secondaria di I Grado “L. G. Coppa”,  
Liceo Classico, Liceo Artistico “E. Iuso” di Luzzi - I.T.C.G.T. "G. Falcone” di Acri. Ragazzi che dallo scorso anno, alternandosi, hanno interagito con il MACA.
domanda 5. Quante risorse finanziarie assorbe annualmente e, per quali specifiche destinazioni ?
Parliamo di Associazione Oesum, che nasce nel 2009. Le risorse variano e dipendono dalla possibilità di avere o meno contributi sul territorio e regionali, da cittadini privati, aziende, banche, fondazioni, mettendo in conto che parte degli eventi è sostenuta economicamente dall’Associazione stessa. La destinazione delle risorse riguarda tutto quanto concerne un evento o una mostra, dalla raccolta delle opere, trasporti, assicurazioni, cataloghi, materiale stampa, ospitalità…..
domanda 6. il Museo riesce a finanziarsi interamente con le risorse regionali, o assorbe anche risorse della comunità locale, ed in che misura ?
La sua gestione in termini economici  è semplice, diciamo che è divisa in due parti: spese “ordinarie” e spese “culturali”. Le spese “ordinarie”, come ad esempio l’elettricità e i quattro dipendenti comunali, presenti a rotazione durante l’apertura del museo, sono sostenute dal Comune; le spese “culturali”, quindi l’attività didattica con le scuole, l’organizzazione e la realizzazione di mostre e di qualsiasi iniziativa, sono a carico dell’Associazione Oesum, di  Vigliaturo e, dal 2015, dell’azienda ODE.
7. Quanto costa, in termini di risorse, la società privata che si occupa della gestione dei finanziamenti ?
La ODE nasce a seguito di un bando regionale che prevedeva la presentazione di un complesso progetto d’impresa, dedicato alla gestione degli attrattori culturali.   133 sono stati i Beni candidabili, indicati preventivamente dalla Regione Calabria, come nodo della costituenda “Rete delle Eccellenze di Beni Culturali regionali”, per i quali altrettanti amministratori di Enti e/o Comuni aderenti, hanno firmato il concordato con la Regione nel 2014. Su oltre 300 proposte presentate, l’azienda si è classificata al quarto posto della graduatoria pubblica. La società privata non ha nessun peso economico, dal momento che non ha costi ne per il Comune ne per i Cittadini e invitiamo a prendere atto della Concessione prevista dalla Regione e stipulata tra Comune e ODE.
L’Azienda ha un compito: lavorare per la promozione del Maca e del Territorio. Certo, sempre con margini di miglioramento!

La ringraziamo  per essere intervenuta nel dibattito e speriamo di aver risposto con chiarezza alle sue domande.

PUBBLICATO 05/10/2016





Altre News

NEWS  |  LETTO 1372  
Ufficio del lavoro. Da oggi riaperto
Da oggi, mercoledì 11, riapre l’ufficio del lavoro sito all’interno della sede dell’ex comunità montana. Per il momento sarà aperto solo il mercoledì dalle 9 alle 12,30 ma dalla regione hanno preso ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1357  
Scuola. Ecco i tre nuovi indirizzi scolastici
Nuovi indirizzi scolastici e nuove opportunità. Dal 7 al 30 gennaio, genitori e studenti....
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 932  
Rifiuti. Nominato il Commissario che dovrà individuare il sito dell’ecodistretto
Acri in rete, la testata che per prima ha scritto dell’ecodistretto, continua a seguire con attenzione la questione rifiuti. Il dipartimento Ambiente della Regione ha nominato Ida Cozza, 49 anni, Co ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 457  
Ritorna la luce del Classico
Secondo appuntamento con “La luce del Classico”, la manifestazione che si tiene all’interno del liceo classico nelle ore pomeridiane ed organizzata da studenti ed alunni. L’evento “Smartphonizzazi ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 2431  
Carabinieri, presto il trasferimento in altra sede
A molti di noi mancherà. Si tratta della caserma dei carabinieri sita in via delle Filande, ovvero in un luogo centrale dove, in auto o a piedi, ci si passa con facilità e spesso. E non può essere a ...
Leggi tutto