POLITICA Letto 4486  |    Stampa articolo

Fondazione Mab Sila, il consiglio comunale dice si’ all’adesione. Ecco cosa e’

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
condividi su Facebook
Con quattordici voti a favore ed uno contrario (Turano), il Consiglio Comunale ha approvato lo schema di adesione alla Fondazione Mab Sila.
Assenti i consiglieri Feraudo e Bonacci. Aderire o meno alla Fondazione è stato motivo di discussione, anche aspro, negli anni precedenti.
La precedente maggioranza, quella guidata da Tenuta, si era espressa contraria, sebbene le resistenze dell’assessore all’ambiente, Salvatore Ferraro.
La Fondazione MabSila, lo ricordiamo, trova sede presso gli uffici amministrativi del Parco Nazionale della Sila e, tra i suoi compiti, ha quello di curare la conservazione dei paesaggi e degli habitat, lo sviluppo nell’ottica di piena sostenibilità ambientale, la logistica intesa come attività di supporto alla ricerca e alla formazione.
Tra le numerose attività emerge un ruolo di supporto agli Enti territoriali e le pubbliche amministrazioni locali nella definizione delle politiche di sviluppo economico sociale, anche attraverso la costruzione di progetti da presentare a valere delle strumentazioni di finanza poste in essere dalla Regione, dai Ministeri, dall’Unione Europea, favorire il concreto sviluppo territorio, coniugando le politiche territoriali con le straordinarie opportunità di crescita sociale ed economica generate dal detto riconoscimento, determinare nuove linee di indirizzo sempre più vicine ai fabbisogni sociali e ai cambiamenti richiesti dalle dinamiche del mercato del lavoro, con evidenti, positive ricadute sulle popolazioni residenti e vantaggiose offerte rivolte a quanti, nell’ambito di flussi turistici nuovi e diversificati, sceglieranno l’Area MaB quale destinazione per i propri periodi di vacanza.
Al momento l’Area Mab Sila è composta da 66 comuni di cui 18 facenti parte del Parco Sila e da 230mila abitanti. Il Consiglio di Amministrazione è formato da quindici membri tra cui un Presidente.
La Sila, dopo aver ottenuto il riconoscimento MaB Unesco nel 2014, è attualmente la decima Riserva della Biosfera in Italia ed è entrata a far parte di una rete mondiale che ne conta oltre 600. 
Il Programma MaB, ovvero Man and the Biosphere è stato avviato dall'Unesco negli anni '70 allo scopo di migliorare il rapporto tra uomo e ambiente e ridurre la perdita di biodiversità attraverso programmi di ricerca e capacity-building. Le aree MaB sono considerate a livello mondiale come aree rurali di eccellenza nelle quali vengono sperimentate e attuate le migliori pratiche di sviluppo sostenibile.
Le aree MaB sono destinate alla ricerca scientifica, e l'obiettivo principale è la conservazione degli ecosistemi.
Le zone cuscinetto (buffer zones) rafforzano l'azione protettiva delle core areas e permettono di sperimentare metodi di gestione delle risorse, rispettosi dei processi naturali, in termini di silvicoltura, agricoltura ed ecoturismo mentre le zone di transizione (transition areas) svolgono attività economiche per il miglioramento del benessere delle comunità locali e nelle quali sono presenti insediamenti abitativi, industriali ed attività agricole rispettose dell'ambiente.

PUBBLICATO 10/09/2017 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

AVVISO  |  LETTO 160  
Avis: donazione periodica del sangue
Si comunica a tutti i donatori e a chiunque volesse donare il sangue che sabato 26 settembre 2020 dalle ore 07:30 alle ore 10:30 presso la nuova sede di avis comunale Acri in via Francesco Maria Greco ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 1354  
Referendum, la Calabria avrà 11 parlamentari in meno
In virtù del risultato del Referendum, dal 2023 (se il Parlamento non sarà sciolto prima), la Calabria dovrà eleggere 19 parlamentari invece che 30, quindi 11 in meno. E chi se ne frega!! E ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1478  
Comune. 15mila euro per "indennità di risultato"
Si chiama “indennità di risultato”, ovvero un premio in danaro ai responsabili di settore... ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 584  
Viaggio alla scoperta della magia popolare
Il malocchio o il cosiddetto “piccio” sono delle tematiche antiche ma ancora attualissime soprattutto all’interno di piccoli paesi, dove le tradizioni magiche sono più che mai reali e vengono tramanda ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 295  
Artinborghi si presenta
Finalmente! L'associazione T.A.M.M è felice di lanciare il progetto Artinborghi con la prima giornata, dedicata alla presentazione del progetto.  Il progetto verrà presentato alla stampa in una confer ...
Leggi tutto