OPINIONE Letto 3948  |    Stampa articolo

Esempi come il suo segnano vite come la nostra

Foto © Acri In Rete
Maria Gabriella Ferraro
condividi su Facebook
Questa la scritta sulla targa regalata dagli alunni delle classi quinte del liceo classico e scientifico “V. Julia” a Gaetano Saffioti, l’imprenditore calabrese ospite oggi nella nostra scuola.
L’incontro e’ stato organizzato dalla prof.ssa maria gabriella ferraro che ha scelto un eroe del nostro tempo per parlare di legalita’ e rispetto.
Il dirigente scolastico, prof.ssa rosa pellegrino, accoglie sempre favorevolmente iniziative di questo genere, convinta che la formazione dei ragazzi passi anche e soprattutto attraverso gli esempi oltre che le parole.  Gaetano saffioti e’ un collaboratore di giustizia che da ben quindici anni vive sotto scorta.
Una scelta coraggiosa la sua, quella di denunciare un sistema ndranghetistico che piega, mortifica ed impoverisce un territorio come quello in cui l’imprenditore vive.
Nato e cresciuto a palmi in una famiglia numerosa gaetano saffioti comincia a lavorare giovanissimo nell'impresa per la produzione d'olio d'oliva del padre; già in quei tempi comincia a scontrarsi con la 'ndrangheta.
Tuttavia, la sua passione è il movimento terra, per questo nel 1981 dà vita alla sua impresa, a cui aggiunge nel 1992 l'impianto di calcestruzzo, vince diversi appalti pubblici e privati ma la 'ndrangheta reclama la sua parte di potere e ricchezza, e sottopone saffioti alle richieste estorsive che sfociano in numerose minacce, intimidazioni, danneggiamenti — come l'incendio di un camion di sua proprietà appiccato dallo stesso autista sotto le minacce delle armi delle 'ndrine e costrizioni, visto che non era libero di utilizzare la propria cava per la sabbia, ma doveva comprarla per forza dalle imprese mafiose.
Tale situazione soffocante si è protratta per diversi anni, durante i quali saffioti è costretto a subire e pagare, finché nel 2002 decide di dare una forte svolta e denuncia il tutto alla magistratura.
Da allora la sua vita diventerà blindata, sempre sotto scorta assieme alla sua famiglia, perderà molte commesse, dipendenti, amici ma decide comunque di restare in calabria e continuare l'attività, rifiutando gli aiuti economici statali per i testimoni di giustizia.
Con le sue dichiarazioni ha dato vita all'importante operazione di polizia tallone d'achille, che ha portato all'arresto e alla successiva condanna, per associazione di tipo mafioso ed estorsione, di 48 esponenti delle famiglie mafiose dei Bellocco, Mazzagatti, Romeo, Nasone, Piromalli e Gallico.
Ha contribuito in modo determinante e significativo in altre operazioni della magistratura contro la 'ndrangheta: nel 2007 operazione arca, nel 2010 operazione cosa mia, nel 2011 operazione scacco matto.
Nel settembre del 2014 è stato l'unico imprenditore ad accettare di abbattere la villa abusiva costruita su area sottoposta a vincolo archeologico dai pesce a rosarno.
Dal 2002 vive sotto scorta nella località di origine a Palmi.
L’imprenditore ha raccontato, ad una platea attenta e silenziosa,  la sua storia, da un episodio importante, accaduto quando aveva solo otto anni, alle estorsioni subite, alle intimidazioni, alle paure, al coraggio di denunciare.
Ha risposto a tutte le domande che i ragazzi gli hanno posto, sottolineando di non essere un eroe, ma un semplice cittadino: chi vive nel rispetto della legalita’ non e’ da considerarsi un eroe, ma un uomo.
«La storia semplice di un uomo semplice in un paese non semplice» afferma saffioti raccontandosi ed esortando i ragazzi a seguire esempi positivi, la famiglia, la scuola, gli esempi belli, e’ grazie a questi ultimi che il mondo cambia, non alle sole parole. “siate come gli uccelli, confidate nelle vostre ali non sul ramo”.
Ancora grazie alla gentilezza e disponibilita’ di un uomo che ha la giusta contezza del coraggio e della paura.




PUBBLICATO 07/12/2017 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 88  
Pronto il defibrillatore a Serricella. E Turano pensa già all Regione
Il primo novembre, a meno di impedimenti dell'ultima ora, verrà installato a Serricella un defibrillatore automatico, collocato su una colonnina, appositamente messa in opera dall'amministrazione comu ...
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 559  
Covid19, ritornano la Dad ed il coprifuoco?
Sono ore concitate. Il vice presidente della regione, Nino Spirlì, starebbe pensando... ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 577  
Il Corto di Muccino sulla Calabria. Si poteva fare di più e meglio
Scriviamolo subito. Non è nostra intenzione giudicare l’aspetto tecnico né i contenuti del lavoro, “Calabria terra mia”, del regista Muccino sulla Calabria, commissionato dall’attuale amministrazione ...
Leggi tutto

CALCIO  |  LETTO 265  
Il punto sulla Promozione. L’Acri pareggia in casa
Quinta giornata. Turno infrasettimanale che premia la Promosport, giunta al quinto risultato utile consecutivo... ...
Leggi tutto

RELIGIONE  |  LETTO 168  
Siamo ambiente
Si pensa che l’ambiente naturale sia un sito esterno da utilizzare la Domenica, oppure uno dei pochi paradisi terrestri per le prossime vacanze. Tutto il resto si può inquinare ...
Leggi tutto