COMUNICATO STAMPA Letto 2050  |    Stampa articolo

Help me!

Foto © Acri In Rete
Associazione Aracne
condividi su Facebook
La nostra bella terra presenta varie criticità che spingono i cittadini ad organizzarsi in associazioni per tentare di affrontare questo o quel problema.
L’associazione Aracne, costituitasi nell’anno 2010, si proponeva un obiettivo piuttosto impegnativo: lo studio dell’ambiente per individuare possibili fattori che potessero spiegare l’aumento delle patologie tumorali sul territorio acrese che avrebbe poi portato a sollecitare un’attenta bonifica dello stesso , oppure, al contrario, per scoprire un ambiente salubre che quindi avrebbe portato a spostare l’attenzione verso altro.
Inutile dire che il progetto era estremamente ambizioso, infatti nonostante il disperato impegno si sono conseguiti risultati che, pur confermando la forte percezione del problema, non hanno portato a dati scientificamente certi e alla possibilità di verificare concretamente il suolo, le acque e l’aria come auspicato dal progetto iniziale.
Sono stati sì individuati aspetti importanti ma niente che si potesse dimostrare con numeri certi perché per fare ciò, si è compreso, era necessario un lavoro che coinvolgesse le istituzioni. Istituzioni che, a suo tempo interpellate e apparentemente partecipi, non sono arrivate a nulla di concreto sollecitando, magari, l’aggiornamento del Registro Tumori e interessando i centri di ricerca delle Università che sono generalmente molto disponibili se adeguatamente e autorevolmente allertati.
Sconfitti, noi associati, ci siamo fermati pur continuando a sentire profondamente la necessità di affrontare l’argomento.
Ora chiediamo, ad onor del vero per la prima volta, all’Amministrazione che in questo momento ci governa di fissare come obiettivo principale del suo lavoro lo studio di questa problematica perché la salute è la condizione “sine qua non“, niente ha senso senza il benessere fisico.
E non ci si dica che siamo nella media nazionale perché noi non abbiamo gli inquinanti delle aree industrializzate e, comunque, la filosofia del “mal comune, mezzo gaudio” non ci appartiene.
Abbiamo tutti il diritto di sapere se l’ambiente in cui viviamo è sano, se non lo è bisogna intervenire, se lo è allora è necessario individuare altri fattori di rischio e modificare opportunamente le nostre abitudini, alimentari e non, e di sicuro, comunque, bisogna attivare con più organicità la prevenzione al fine di ridurre gli effetti legati agli agenti cancerogeni da qualunque parte essi arrivino.

PUBBLICATO 22/05/2019 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

INTERVISTA  |  LETTO 1110  
Carenza idrica. Ecco i motivi e le possibili soluzioni
Assessore Cavallotti, alcune zone del territorio soffrono della carenza idrica e le denunce sono numerose. R. In premessa vorrei chiedere scusa a tutti quei cittadini, ed anche turisti ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 434  
Emergenza incendi. È ora che l’intervento dei Geologi venga richiesto con risolutezza
L’attività dei piromani non si ferma, in Sicilia e in Calabria il danno al patrimonio boschivo e alla macchia mediterranea ha assunto proporzioni elevatissime, occorre principalmente ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 1126  
Enel Green Power, sciopero 1° settembre
“Deterior surdus eo nullus, qui renuit audire”. Non c’è peggior sordo di chi non vuole ascoltare. Con questa forte e dura citazione in latino i sindacati hanno compiuto un passo decisivo per la mobili ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 679  
Le criticità del servizio di recapito della corrispondenza
Molti calabresi ogni giorno si domandano perché il servizio di recapito della corrispondenza non è più quello di una volta. Le ragioni sono tante e cercheremo di riassumerle ...
Leggi tutto

CULTURA  |  LETTO 391  
Nik Spatari ed il Musaba
Nel 1969 Nik Spatari e Hiske Maas decidono di lavorare ad un progetto globale che contempli la produzione dell’arte nell’ambito di uno specifico contesto, con precisi punti di riferimento storici ed a ...
Leggi tutto