COMUNICATO STAMPA Letto 1664  |    Stampa articolo

Cultura & scuola. Padula nelle aule scolastiche

Foto © Acri In Rete
Fondazione Padula
condividi su Facebook
L’anno del bicentenario della nascita di Vincenzo Padula (1819 – 2019) è iniziato con un evento di grande qualità culturale e di notevole spessore artistico.La formula organizzativa di quest’anno è rappresentata dalla sinergia collaborativa, voluta e perseguita con tenacia, dalla Fondazione ‘V. Padula’, dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Acri, e dal Museo della Civiltà Contadina. “Incontriamo il Padula”, dedicato alle scuole dell’Infanzia, Primarie e Secondarie di Primo Grado, ha inaugurato un anno che sarà ricco di proposte culturali, di giornate dedicate ai temi dell’attualità, dell’impegno civile, della riflessione sociale in un ‘Viaggio’ che culminerà il 30 novembre 2019 con la giornata della premiazione. L’evento “Incontriamo Vincenzo Padula nel bicentenario della nascita 1819-2019” ha avuto luogo nel palazzo Sanseverino/Falcone dal quattro all’otto giugno, e ha visto il coinvolgimento entusiastico dei tre Istituti Comprensivi, presenti nel Comune di Acri, fin dall’inizio dell’anno scolastico sulle opere e sulle tematiche care a Vincenzo Padula. I Dirigenti Scolastici, i Docenti e gli allievi sono stati impegnati in questo “Viaggio” di studio, di ricerca e di proposta creativa, culminato in una rappresentazione di grande impatto emotivo e nell’allestimento di una mostra di notevole esito artistico. Sul palcoscenico si sono susseguitieventi che hanno emozionato il pubblico presente e che hanno messo in rilievo l’elevata professionalità del corpo docente e l’interesse affettivo degli alunni. Di particolare impatto le esecuzioni delle Orchestre e dei Cori, i canti, i balli, le rappresentazioni teatrali, la proposta delle poesie inedite del Padula, la mostra di pitture, sculture, foto. I Maestri di Strumento Musicale sono stati particolarmente impegnati nella preparazione delle performances ed hanno ottenuto ottimi risultati nelle esecuzioni di brani originali composti per l’occasione.. Le poesie musicate e le varie rappresentazioni dell’Antonello, anche in forma ‘operistica’, hanno emozionato il pubblico presente e saranno certamente riproposte, perché di notevole qualità. Le Giornate Paduliane hanno avuto fin dall’inizio l’obiettivo di impegnare i ragazzi dell’infanzia, della primaria, delle secondarie di I grado in un lavoro di conoscenza, approfondimento e studio della figura del Padula e della sua produzione letteraria, utilizzando le pubblicazioni realizzate dalla Fondazione e distribuite nelle biblioteche dei plessi. E il Palazzo Sanseverino Falcone è stato animato per una settimana da 2000 presenze tra operatori e ragazzi, in una sorta di festival no stop di rappresentazioni di varia tipologia, una rassegna di prestigio ove la Scuola, supportata dagli enti organizzatori, ha offerto al territorio la sua capacità di produrre cultura.

PUBBLICATO 25/06/2019 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 82  
Appello alla città
Il tempo che stiamo vivendo è forse tra i più drammatici di sempre per le ragioni ormai note a tutti, ma sappiamo che non devono esistere ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 153  
Giornata internazionale contro la violenza sulle donne: Una giornata per dire 'basta'
“L'amore non è un colpo di pistola, l'amore non è un pugno sulla schiena, non è uno schiaffo per cena. L'amore ti sfiora” ... Tutto il resto prende il nome di Violenza e di Femminicidio, che nel tempo ...
Leggi tutto

LETTURE  |  LETTO 90  
I poteri dell’ Eros nella filosofia. Terza ed ultima parte
Platone si concentra sul concetto di Eros come composto da due importanti componenti:.... ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 541  
Provincia, si dimette Di Natale entra Sposato
Il consigliere comunale in quota Liber@mente, Fausto Sposato, subentra nel consiglio provinciale al dimissionario Graziano Di Natale.... ...
Leggi tutto

RELIGIONE  |  LETTO 153  
Il sogno di Teilhard de Chardin
Il grande Gesuita: scienziato, sacerdote, cappellano militare, teologo, filosofo sempre sulla strada, uomo di grande fede, anche se chiamato “Gesuita ribelle”, Teilhard De Chardin, nutriva un sogno ne ...
Leggi tutto