NEWS Letto 6345  |    Stampa articolo

Non ce l’ha fatta l’uomo ustionatosi

Foto © Acri In Rete
Redazione
condividi su Facebook
Mario T., l’uomo di 52 anni, celibe, che nella giornata di lunedì era rimasto vittima di gravi ustioni, mentre era intento ad accendere il caminetto, è deceduto stamattina al Centro grandi ustionati di Bari.
Una morte assurda che lascia molti increduli.
Pare che l’uomo, con un accendino ed una bottiglietta di alcool, voleva dare fuoco a dei pezzi di legno all’interno di un caminetto.
Le fiamme hanno dapprima interessato l’involucro per poi coinvolgere il 90% del corpo.
L’uomo è stato trasportato con l’eliambulanza a Cosenza quindi a Bari ma non ce l’ha fatta per le gravi ferite riportate.
Ai familiari di Mario, affabile ed amico di molti, bravo elettricista e molto conosciuto in città, le condoglianze di Acri in Rete.

PUBBLICATO 17/09/2019 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 499  
Dopo circa sette anni il Partito Socialista di Acri ritorna in Assise
Dopo circa sette anni il Partito Socialista di Acri ritorna in Assise. Siamo ritornati protagonisti di un agone politico pieno di aspettative legittime, da parte dei cittadini, ma intriso di chiaro-sc ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1160  
Piazza P48, duro scontro tra Amministrazione Comunale e HortusAcri. In esclusiva lo scambio delle Mail
Lo scontro è, oramai, duro e senza esclusioni di colpi. Da una parte l’Amministrazione Comunale.... ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 2015  
Nuove scelte e vecchie logiche
Dopo diversi giorni di “riflessione ed incontri”, come sostenuto il sindaco in un comunicato stampa apparso sulla nostra testata, sono arrivate le tanto sospirate nomine dei due nuovi assessori, Franc ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 462  
Chiediamo vicinanza e sostegno
La F.C. Calcio Acri, vuole informare la città ed i tifosi di alcune importanti decisioni che la stessa ha intenzione di assumere. In questa fase, l'organizzazione della prossima stagione è il primo p ...
Leggi tutto

ENTROTERRA  |  LETTO 364  
Nomi
Più che di Italia interna, o di Italia esterna (come quella in cui vivo, Trieste), io parlerei di Europa profonda. Draga Sant'Elia, Gallicianò, Yanguas, Orlec, Homoljac e così via, ciascuno di noi dov ...
Leggi tutto