RELIGIONE Letto 324  |    Stampa articolo

Estate: trionfo della natura

Foto © Acri In Rete
Padre Leonardo Petrone
condividi su Facebook
C’è chi chiama la natura “Mistero” perché ci invia in continuazione tutte le sensazioni di cui abbiamo bisogno: la luce, il vento, i sapori, i colori, i profumi.
La nostra pelle accoglie e gode questi stimoli, anzi li amplifica e li partecipa.
Siamo in piena Estate e le promesse di Primavera si godono già, le belle sensazioni raggiungono esponente massimo.
A noi avvertirle e goderle.
L’etimologia della parola “Mistero” significa “chiudi la bocca, non hai nulla da dire, taci, ascolta, comprendi”.
La natura è un visibilissimo filmato che Dio ha realizzato e ha mandato Gesù a portarcelo.
L’immane disastro della pandemia ha riempito il nostro cuore di ansia, aggiungiamoci allegria avremo “Tre”: Dio – noi – natura = vita meravigliosa: è possibile e … l’attesa scoppia di desideri.
Nel cuore nascono sogni, desideri, emozioni.
Al cuore si ferma lo sguardo di Dio, nel cuore cerca casa, qui ama fermarsi, e tu qui Lo devi cercare: ha volto, voce e cuore che Ti ama.
Già bussa alla porta del tuo cuore: accendi il tuo desiderio e corri ad aprire.
Di Natura tutti abbiamo idea: “è il complesso degli esseri che si muovono e di tutte le cose che ci circondano, alcune nascono e crescono, altre restano ferme.
Elenco quasi completo ce lo fornisce il Profeta Daniele al 3,57…. Sono immerso nella Natura, e quando la mattina apro la finestra guardo verso l’alto, verso il cielo.
Il primo sorriso mi arriva dall’Aurora, il secondo dall’Alba.
Il Signore è veramente grande, mi mostra le sue opere.
Mi fermo ad osservare il Sole che tinge di rosa l’orizzonte, il suo splendore illumina il giorno che inizia.
Ammiro il movimento delle nuvole che segnalano come sarà la giornata, la mia mente spazia nell’infinito, tutta la mia vita spazia in questo Infinito.
A sera volgo ancora lo sguardo verso il cielo, vorrei contare le stelle, ma non ho i numeri sufficienti.
Fermata obbligatoria : sulla misteriosa Luna poi… mi affido al silenzio.
Elenco di Daniele: “Opere tutte del Signore: Angeli, cieli, acque, sole, luna, stelle, pioggia e fuoco, gelo e freddo, notti e giorni, luce e tenebre, la terra, monti e colline, sorgenti e mari, uccelli, animali selvaggi e domestici, uomini e donne, giovani e vecchi… benediteLo e lodateLo nei secoli”.
Manca il tuo “grazie e la tua lode”.

PUBBLICATO 17/09/2020 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

NEWS   |  LETTO 474  
Covid19, ritornano la Dad ed il coprifuoco?
Sono ore concitate. Il vice presidente della regione, Nino Spirlì, starebbe pensando... ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 546  
Il Corto di Muccino sulla Calabria. Si poteva fare di più e meglio
Scriviamolo subito. Non è nostra intenzione giudicare l’aspetto tecnico né i contenuti del lavoro, “Calabria terra mia”, del regista Muccino sulla Calabria, commissionato dall’attuale amministrazione ...
Leggi tutto

CALCIO  |  LETTO 263  
Il punto sulla Promozione. L’Acri pareggia in casa
Quinta giornata. Turno infrasettimanale che premia la Promosport, giunta al quinto risultato utile consecutivo... ...
Leggi tutto

RELIGIONE  |  LETTO 166  
Siamo ambiente
Si pensa che l’ambiente naturale sia un sito esterno da utilizzare la Domenica, oppure uno dei pochi paradisi terrestri per le prossime vacanze. Tutto il resto si può inquinare ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 739  
Opposizione, un’altra occasione persa.
In qualità di Presidente del Consiglio Comunale della città di Acri, sento il dovere di ribadire la legittimità... ...
Leggi tutto