OPINIONE Letto 881  |    Stampa articolo

Covid19 ed ospedale, ecco chi si sta realmente impegnando ed a chi spetta la decisione

Foto © Acri In Rete
Redazione
condividi su Facebook
Non sappiamo se la cosa andrà in porto o meno (speriamo, naturalmente, in un esito positivo).
In attesa di notizie dalla Cittadella, con questo breve scritto vogliamo fare chiarezza su tre punti;
1. Come saprete vi sono 244 posti Covid19 da attivare negli ospedali di tutta la regione Calabria.
La decisione di come distribuire questi posti non spetta al Commissario regionale alla sanità
(tra l’altro, in questo momento la Calabria ne è sprovvista), ma alla regione, ovvero alla giunta regionale ed al dipartimento della salute, ovvero al dirigente Belcastro.
2. Attivare un reparto Covid19 non rappresenta una iattura per la comunità in cui è situato il presidio ospedaliero, anzi, sarebbe una grande occasione per il suo rilancio.
Nessun timore, dunque.
Cosa dovrebbero dire, allora, i cittadini di Cosenza, Corigliano Rossano, Napoli, Milano, Roma?
E’ stato più volte detto, peraltro, che i 20/30 posti che dovrebbero essere attivati all’interno del Beato Angelo, saranno destinati a pazienti con patologie non gravissime, ovvero che non hanno bisogno di terapia intensiva e rianimazione.
3. Ma chi si sta davvero impegnando in tal senso?
A parte il sindaco Capalbo, non solo primo cittadino ma anche massima autorità sanitaria locale (è, dunque, un suo dovere), i fatti ci stanno dicendo che anche il consigliere regionale, Morrone, in quota Fdi, vice presidente dell’assise e probabilmente da domani presidente dopo l’arresto di Tallini, sta perorando la causa.
Non registriamo altri impegni.

Speriamo di essere smentiti ma non ci risultano interventi / mozioni / intererogazioni a difesa del Beato Angelo da parte di candidati / eletti che qui hanno raccolto un bel po’ di voti.
Non è la prima volta che Acri viene utilizzata come serbatoio di voti e poi dimenticata.
Di seguito i candidati più votati alle ultime regionali; Aieta (957), Molinaro (494), Bevacqua (442), Gallo (384), Morrone (317), Guccione (240).
A parte Morrone, chi si sta schierando accanto a Capalbo?
Chi ha proferito una parola, una sola, per il Beato Angelo?
Ed i compagni di partito (Pd) di Capalbo che ruolo stanno svolgendo?
I suddetti esponenti politici, però, sono in ottima compagnia perché, a quanto pare, neanche i parlamentari (evitiamo di citarli), sia di centro destra che di centro sinistra, che qui hanno sempre raccolto ampi consensi, hanno ritenuto opportuno aprire bocca sul Beato Angelo.
Indipendentemente di come sarà l’esito della vicenda, i cittadini/elettori dovrebbero ricordarsi del comportamento dei sui citati.

PUBBLICATO 19/11/2020 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 793  
Covid19, le norme più importanti del nuovo Dpcm. Spostamenti, bar, ristoranti, scuola
Di seguito le norme più importanti del nuovo Dpcm che entrerà in vigore domani 4 dicembre.... ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 949  
Sanità, riattivare gli ospedali chiusi o ridimensionati
Riportiamo di seguito il comunicato stampa del deputato M5S Francesco Sapia, della commissione Sanità della Camera dei Deputati, riguardo alla riattivazione ed al potenziamento degli ospedali di pross ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 877  
Scuole, si ritorna tra i banchi a gennaio
Gli ultimi casi di positività, la difficoltà di fare lo screening al personale e i Dpcm in corso, hanno spinto il sindaco Capalbo a rinviare a gennaio il ritorno tra i banchi per gli studenti di ...
Leggi tutto

TRADIZIONI  |  LETTO 196  
Gli spiriti del Natale
Dicembre è da sempre considerato un mese magico, ricco di leggende e tradizioni che riguardano tutto il mondo..... ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 1046  
Sanità, Sofo (Lega): L’Ospedale di Acri tra politica ed emergenza, venga disposto un sopralluogo
Reparti spostati e accorpati, rotazione delle degenze senza una ratio comprensibile, spostamenti interni imposti chissà da chi e chissà perché. L’ospedale di Acri è solo l’ultimo caso di gestione appr ...
Leggi tutto