POLITICA Letto 895  |    Stampa articolo

Consiglio comunale. Approvato il bilancio di previsione. Si va verso il risanamento

Foto © Acri In Rete
Redazione
condividi su Facebook
Lo ammettiamo; abbiamo ascoltato a tratti i lavori del consiglio comunale preferendo vedere la seconda puntata su Leonardo da Vinci.
Fortunatamente la tecnologia ci viene in soccorso.
In molti ci dicono che non ci siamo persi granchè. A parte alcuni interventi da segnalare, altri, anche da parte di esponenti politici con comprovata esperienza, sono apparsi banali ed inutili.
Come spesso accade in questi casi, è stata una seduta in cui la maggioranza ha illustrato le cose fatte (concorsi, stabilizzazioni, completamento opere pubbliche) e quelle in cantiere mentre l’opposizione ha criticato l’amministrazione Capalbo non solo dal punto di vista politico ma anche amministrativo.
Alla fine il documento contabile è stato approvato con dieci voti a favore, quelli della maggioranza.
La notizia più importante riguarda lo stato economico dell’ente, come risaputo in dissesto finanziario da fine 2016.
E’ il sindaco a dirlo; “l'ipotesi di bilancio stabilmente riequilibrato, proposta al Ministero dell'Interno sin dal mio insediamento, e dallo stesso approvata, prevedeva il raggiungimento dell'equilibrio finanziario su cinque esercizi, 2017-2021, ebbene, grazie ai sacrifici compiuti e ad un taglio di oltre 4 milioni di spesa corrente, il bilancio di previsione per l'esercizio finanziario 2021 si presenta in perfetto equilibrio. Ci siamo assunti responsabilità non nostre, ma oggi possiamo lanciare un messaggio di fiducia, dopo 4 anni, il bilancio del nostro Ente è perfettamente in equilibrio.
Un consiglio comunale lungo ed estenuante quello di ieri, che ha visto l’approvazione del bilancio di previsione con i voti dei dieci consiglieri di maggioranza.
Per i colleghi della minoranza, che non lo hanno votato, come da copione, nulla di eccezionale questo nostro risultato.
A parer loro forse sarebbe stato mantenere lo stato di dissesto.
Il lavoro che però abbiamo fatto è aver tolto dalle sabbie mobili un Ente che era sommerso da 7 milioni e 500mila euro di debiti fuori bilancio riconducibili a precedenti amministrazioni
.”

PUBBLICATO 31/03/2021 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

OPINIONE  |  LETTO 923  
Lezioni di incoerenza politica
Nel comunicato intitolato “Cose fatte e obiettivi raggiunti in questi due anni a supporto dell’Amministrazione Capalbo”, lo schieramento politico locale di Articolo Uno esalta e millanta, a più ripres ...
Leggi tutto

LETTERA  |  LETTO 900  
In ricordo di Emilia Bifano
Ho conosciuto Emilia, prima che nella scuola materna di via Pastrengo, dove prestava servizio come collaboratrice, nel mio quartiere di nascita, Casalicchio, in cui anche lei abitava nei lontani anni ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 1160  
Dipendente comunale non può incassare la pensione. L’amministrazione comunale chiarisce
Nelle scorse ore ci siamo occupati della vicenda di G.S., l’operaio del comune che, sebbene sia andato in pensione già da qualche mese, non la può incassare perché non ha raggiunto i contributi pensio ...
Leggi tutto

LIBRI  |  LETTO 292  
Alarico. Esce il libro “ Alarico, barbaro, cittadino romano e cristiano”
Dopo anni ed anni di ricerca, il geologo Giuseppe Rota, ha deciso di pubblicare un libro su Alarico, re dei visigoti morto a Cosenza e sepolto, secondo alcune testimonianze, nel fiume Busento ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1808  
E’ andato in pensione ma non la può incassare. Di chi la colpa? Comune o regione?
Sebbene sia andato in pensione già da qualche mese, G.S. di Acri, non la può incassare. Gli mancano, infatti, i cosiddetti contributi figurativi che gli permettono di raggiungere il minimo ...
Leggi tutto