OPINIONE Letto 1187  |    Stampa articolo

Il caos regna sovrano

Foto © Acri In Rete
Vincenzo Rizzuto
condividi su Facebook


Insieme al Covid credo sia anche la calura che manda in tilt il cervello di tutta la politica italiana diffondendo il caos ovunque: nei comuni, nelle regioni e a livello nazionale.
E così assistiamo al triste, doloroso spettacolo del solito ‘padrone’ che fonda movimenti e poi li manovra come se fossero aziende di famiglia, che si fanno fallire come e quando conviene alla logica di mercato, fregandosene di milioni di persone che lo hanno votato nella speranza di cambiare le cose in meglio.
Ma si assiste in questi tempi anche ad altri fenomeni di degenerazione, come quello della sinistra che designa futuri, improbabili governatori regionali, ‘scelti’ dall’alto fra i rappresentanti del mondo imprenditoriale meno raccomandabile, con carte d’identità ricche di inquietanti conflitti d’interesse. Ma questa medesima sinistra dà anche spettacoli di grande miseria morale ed etica, senza che alcuno gridi allo scandalo, come quando suoi rappresentanti, indossando la fascia tricolore in segno di comando, inaugurano l’apertura di nuove sedi della novella destra neofascista, ignari di offendere così la democrazia nata dalla Resistenza. Costoro sono i nipotini incolti e smemorati che, ignoranti dei sacrifici dei loro nonni, senza alcuna identità, giorno dopo giorno, vivono senza un progetto di vita e si aggrappano al qualunquismo più sfrenato: sono i soggetti più pericolosi che, pur di sopravvivere, sono pronti a passare anche sulla pelle della loro madre, a vendersi l’anima!
Così non si andrà da nessuna parte: nella vita di ognuno di noi, come nella storia dei movimenti e dei partiti, strumenti indispensabili del migliore dei mondi possibili, bisogna sempre scegliere da che parte stare: a destra, a sinistra, a centro, e dichiarare con chi ci si vuole alleare, quali interessi si vogliono portare avanti, quali valori si vogliono salvaguardare nell’ambito del sociale. E la destra illiberale in Italia ha fatto le sue scelte in tal senso: sa quale economia portare avanti attraverso la privatizzazione più ampia dei servizi e delle risorse; sa che i grandi agrari hanno bisogno di ‘schiavi’ per coltivare le terre, sa che la sanità privata può assicurare lauti guadagni sulla pelle dei più deboli, sa che l’acqua, l’ambiente, i rifiuti, i trasporti, la rete autostradale, le banche e la scuola in mano ai grandi gruppi imprenditoriali costituiscono lo strumento cardine per gestire tutto il potere, compreso quello politico ormai succube della grande finanza.
E la cosiddetta sinistra, senza identità, è caduta nel qualunquismo accecante ed ha smarrito così la strada maestra della sua funzione e dei suoi compiti, così come ormai si accinge a fare anche, ahimè, il movimento stellare la cui luce minaccia di spegnersi rovinosamente.
Strano, molto strano che tutto questo non sia stato ancora capito né nel PD, né nel movimento grillino, che perdono tempo cabotando in un mare di confusione e di scelte non-scelte contraddittorie e suicide, cosa che va ripetendo, come Cassandra inascoltata, finanche un raffinato ultra novantenne come Cirino Pomicino, che in fatto di strategie la sa assai lunga!
Schieriamoci, cari compagni di viaggio, scegliamo che cosa vogliamo fare, quali bisogni cavalcare, quali interessi privilegiare, diversamente si cadrà come pere marce.

PUBBLICATO 01/07/2021 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 1540  
Verso le Comunali. Centro-Destra accordo raggiunto
Le forze di centro destra, Fratelli d’Italia, Forza Italia e Lega, hanno raggiunto un accordo politico in vista delle elezioni amministrative della Città di Acri della prossima primavera. ...
Leggi tutto

CURIOSITA'  |  LETTO 461  
La sacralità del miele e il suo utilizzo nei dolci natalizi
Uno degli ingredienti principali nella preparazione dei dolci natalizi è il miele. L’utilizzo di questo nettare nel periodo sacro della rinascita di Cristo non è causale... ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1192  
Lavori pubblici. Due milioni per completare piazza Beato Angelo, uno per la casa di riposo Vaglica
Spesso ci siamo occupati delle cosiddette incompiute, ovvero di quelle opere restate a metà per varie cause.... ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 625  
Capodanno 2022
Signore, ieri sera con furia ho strappato l’ultima pagina del Calendario 2021, il nuovo anno apre senza niente di buono.... ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 516  
L’anno che verrà tra dubbi e incertezze
Nel trambusto generale ognuno si ritira nel proprio orticello. Negli ultimi tempi le persone si osservano con occhio clinico.... ...
Leggi tutto