EDITORIALE Letto 1178  |    Stampa articolo

I fatti della settimana. Presente e futuro

Foto © Acri In Rete
Redazione
condividi su Facebook


Presente e futuro. Politicamente, intendiamo. Il presente è Pino Capalbo, sindaco da giugno 2017. Ad un anno dalle elezioni, il primo cittadino sta cercando di dare risposte alla comunità e rispettare il programma.
Un’operazione non facile soprattutto a causa degli assessori che non stanno brillando per efficacia ed efficienza.
Strada facendo Capalbo ha perso pezzi importanti che lo avevano sostenuto nel 2017, tra dimissioni e cartellini rossi nei confronti di due assessori, Algieri e Cavallotti, e altrettanti consiglieri, Caiaro e Intrieri.
Ex compagni di viaggio che raccolsero un discreto numero di consensi.
Li ha recuperati? L’entourage di Capalbo esprime ottimismo, la realtà potrebbe essere diversa.
A proposito di entourage, occorre vedere quanti dei candidati del 2017 e quanti degli attuali consiglieri comunali di maggioranza saranno nuovamente a fianco di Capalbo.
E chi ha rassegnato le dimissioni (volute o imposte) come si comporterà?
Futuro. L’imminente è rappresentato dalle elezioni regionali in programma nel mese di ottobre.
Molti sostengono che l’esito inciderà sulle consultazioni comunali previste per giugno 2022. Può darsi ma non ne siamo certi.
Quando la regione fu conquistata dal centro destra (Santelli) alcuni grossi centri della regione andarono al centro sinistra, ciò non toglie che in caso di vittoria di Occhiuto e qualche candidatura locale (Nicola Tenuta?), potrebbero aprirsi scenari importanti.
Capalbo potrebbe avere due avversari; il centro destra, che alle regionali ha raccolto circa 4mila voti, e un terzo polo che racchiuderebbe personalità della società civile, ex amministratori, attuali consiglieri e pezzi del centro destra.
Fi, Lega e Fdi, sono presenti sul territorio e stanno dialogando per trovare punti di convergenza e un nome su cui puntare.
Anche il cosiddetto terzo polo si sta vedendo, le riunioni ed il confronto si susseguono ma la strada è ancora lunga anche a causa dei tanti veti incrociati ma alla fine un candidato a sindaco lo esprimerà.
Non abbiamo la sfera di cristallo né siamo appassionati di astri e oroscopi ma ad oggi lo scenario di giugno 2022 potrebbe essere questo; un primo turno che vede in vantaggio l’attuale sindaco e il candidato del centro destra (soprattutto se questa coalizione vincerà le regionali) con il terzo polo arbitro del ballottaggio dove tutto può succedere.
Ancora qualche mese, in cui molte cose potrebbero cambiare, e se ne saprà di più.

PUBBLICATO 18/07/2021 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

CULTURA  |  LETTO 1128  
Peppa Marriti Band firma la colonna sonora del programma di Rai 2 “Il Provinciale”
Lo storica band cosentina firma la colonna sonora del programma di Rai 2 “Il Provinciale”.... ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 2371  
Mafia in Sicilia e Messina Denaro. Un magistrato acrese coordina tutto
Questo è l’ennesimo esempio di un’Acri che produce ed anche bene. Oggi ci occupiamo di mafia e giustizia..... ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1155  
Covid19 e scuole. Occhiuto; “decidono i sindaci”
Ritorna la Dad? Una domanda che si stanno facendo alunni e docenti (tra quest’ultimi molti preferiscono stare a casa con pantofole e pigiama inferiore)..... ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 2050  
Covid-19 e tamponi. Ritardi, ansia, rabbia. Sospeso un medico perchè non vaccinato
Chi si sarebbe aspettato che dopo due anni il Covid-19 è ancora tra noi. Ma soprattutto chi si sarebbe aspettato che dopo due anni la sanità calabrese, ed in particolare l’Asp, invece di rassicurare e ...
Leggi tutto

CURIOSITA'  |  LETTO 433  
La storia della Befana
Stanotte occorre preparare le calzette, il periodo natalizio sta per concludersi e la vecchina nota a tutti come “Befana”.... ...
Leggi tutto