OPINIONE Letto 522  |    Stampa articolo

Letizia, ragazza che vale

Foto © Acri In Rete
Padre Leonardo Petrone
condividi su Facebook


Letizia è una bella e brava ragazza, ha messo in ordine la casa, ha governato le stoviglie, accomodato il letto, annaffiato i gerani, sul tavolino della veranda ha poggiato la tazzina di caffè, accende la sigaretta e si siede sul comodo sgabello. Un giovanotto ha tutto osservato e interessato si avvicina. Che tipo di marito stai sognando? Interessato saperlo? Interessato! In primo luogo mi considero ragazza moderna che sa vivere il presente. Sogno un uomo che le mie mani non possono stampare. So assolvere i miei compiti e compio sempre il mio dovere. Tu, cosa porteresti nella mia vita? Il denaro necessario. Non mi riferisco al denaro, a ben altro. Spiegati meglio. Voglio un uomo che sappia migliorare la vita. Un uomo che curi la sua mente per un dialogo stimolante, un uomo che mi ammiri e mi ami come sono. Un uomo che sia vicino a Dio e io possa vivere vicino al mio uomo e al mio Dio. Un uomo che abbia cura di se e di me. Dio ha creato la donna come aiuto dell’uomo, ma io non mi piego ad aiutare chi non si sa aiutare. Per me aiutare significa sviluppare insieme belle idee e buoni sentimenti. Vedo che chiedi molto. Io valgo molto! E… apri il grande libro Talmud e leggi: “State molto attenti nel far piangere una donna, Dio conta le sue lacrime, la donna è uscita dal lato del cuore per essere amata”. Il mio maestro Lavater consiglia “diffidate dell’uomo che trova tutto benne, dell’uomo che trova tutto male e, ancor di più, dell’uomo indifferente a tutto”. Mi fai sentire ferito. Le battaglie e le ferite non devono spaventare: riunisci i pezzi della speranza, armali di amore, e…sempre avanti cantando. L’avvenire ti chiama e ti sollecita. Tieni presente il detto di Plutarco: “L’uomo è aquila che vola, la donna è usignolo che canta, volando si domina l’aria, cantando si domina l’anima” Sai amare? Ti rispondo con Rilke:”Spegnimi gli occhi e ti vedo ancora. Rendimi sorda e odo la tua voce. Spezzami le braccia e io ti stringo. Spezzami i piedi e corro la tua strada. Se mi fermi il cuore il suo battito passa al mio cervello. Mi basta!

PUBBLICATO 24/10/2021 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 1282  
Congresso regionale Pd. I risultati di Acri
Una grande soddisfazione per il circolo del Partito Democratico Di Acri aver contribuito con ben l’87, 31 % dei voti dei propri iscritti all’elezione del nuovo segretario regionale Nicola Irto. ...
Leggi tutto

EDITORIALE  |  LETTO 5345  
Poveri noi!
Ci informano di un’altra inopportuna e desolante nota a firma della maggioranza consiliare di risposta ad un nostro articolo di pura critica nei confronti dell’assessore alla pubblica istruzione. ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 496  
Viabilità a Là Mucone: Sulla strada in direzione Cosenza si aspettano tempi migliori
Una buona amministrazione non dovrebbe limitarsi solo nel provvedere alla manutenzione Ordinaria/Straordinaria sul proprio territorio. Al contrario, invece, dovrebbe avere una visione di sviluppo ...
Leggi tutto

CALCIO  |  LETTO 551  
Il punto sull’Eccellenza. L’Acri vince in casa
Quindicesima giornata. L’emergenza legata al Covid sta creando disagi anche al campionato di Eccellenza..... ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 497  
Vendita fumo
Il titolo l’ho strappato da un antico film “Questo pazzo, pazzo, pazzo mondo”. L’ufficiale preposto al botteghino “Distribuzione”, domanda al prof. filosofo “Hai venduto fumo”? . “No”, “Hai tentato di ...
Leggi tutto