POLITICA Letto 2652  |    Stampa articolo

Da sempre dalla parte della corretta informazione...

Foto © Acri In Rete
Redazione
condividi su Facebook


Iniziamo con i numeri che alla fine sono quelli che contano; se Zanfini, le cui liste al primo turno hanno raccolto il 39,5% e Cofone, le cui liste hanno preso l’8,82% decidessero di apparentarsi (scadenza domani domenica) e se al ballottaggio dovesse prevalere Zanfini la sua maggioranza sarà composta da 8 consiglieri, escluso il sindaco mentre l’opposizione sarà formata da 8 membri.
Se dovesse vincere Capalbo la maggioranza sarà di 10 e l’opposizione di 6 (cinque in quota Zanfini e Cofone).
Ultima ipotesi; se dovesse vincere Zanfini senza apparentamento la maggioranza sarà formata da 6 consiglieri, escluso il sindaco, mentre l’opposizione da 9 oltre a Cofone.
Una cosa è certa; se Acri in rete non avesse trattato questo importante aspetto elettorale (ma non è la prima volta che solleviamo questioni e poi gli altri ci vengono dietro) non se ne sarebbe discusso.
Ed invece è stata la notizia del giorno che ha appassionato addetti ai lavori e semplici cittadini ma soprattutto fan di Capalbo oseremo dire veri e propri ultrà che si sono scatenati sui social con la presunzione di essere dei veri e propri esperti di autonomie locali che ci hanno contattato e riempito di improperi.
Si tratta di amministratori, candidati, simpatizzanti della coalizione e del Pd, esponenti di associazioni culturali, ex amministratori. Con rabbia e impeto.
A noi non interessa se l’apparentamento tra Zanfini e Cofone andrà o meno in porto il nostro obiettivo, così come quello de LaC News 24, era solo quello di illustrare la distribuzione dei seggi nel caso di accordo tra Cofone e e Zanfini e vittoria di quest’ultimo.
Poiché non siamo sprovveduti e cerchiamo sempre di approfondire le tematiche con chi ne sa più di noi abbiamo anche contattato uno dei tanti esperti del settore il quale ci ha detto; “le norme vanno sapute leggere ed interpretate nel loro portato sistemico.
Nel caso di specie i commi 8,9,10 dell’art 73 della legge 267/00 c.d. TuEL che disciplinano l’assegnazione dei seggi vanno lette in combinato disposto al comma 4 che recita che l’attribuzione dei seggi alle liste è effettuata successivamente alla proclamazione del sindaco al primo o al secondo turno. In virtù di ciò la ripartizione dei seggi, in questo caso, va effettuata tenendo inderogabilmente conto degli apparentamenti successivi al primo turno, sicchè le diverse liste finiscono, a tal fine, per essere considerate come unico nuovo gruppo, senza distinzione fra quelle originarie e quelle apparentatesi successivamente per cui la cifra elettorale ai fini della ripartizione dei seggi sarà quella della somma delle due precedenti cifre elettorali.
Stando così le cose allo schieramento Zanfini/Cofone spetterebbero 8 seggi, escluso il sindaco, alla coalizione Capalbo altri 8. Il 51,6% non consente di arrivare con il metodo di Hondt all’assegnazione del 9° seggio
.”
A suffragare ciò anche l’attuale sindaco Capalbo che nel primo pomeriggio pubblica un post per poi modificarlo dopo una mezzoretta. Roba da dilettanti.
Francamente non sappiamo chi veramente fa disinformazione se il sindaco Capalbo e i suoi collaboratori (che dovrebbero essere molto preparati in tal senso), i suoi ultrà o i vari portavoce che si esprimono per sentito dire e bravi nel fare il copia incolla.
Non sappiamo se l’accordo tra Zanfini e Cofone andrà o meno in porto (solo esperti di cartomanzia e di oroscopi possono saperlo) e poco ci interessa ma era nostro dovere spiegare ai lettori come sarebbe la composizione del consiglio comunale in caso di apparentamento tra Cofone e Zanfini e vittoria di quest’ultimo visto che le altre ipotesi sono molto chiare.
Era questo il nostro unico risultato del pezzo pubblicato venerdì sera che ha provocato la lunga e accesa discussione.


PUBBLICATO 18/06/2022 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 254  
Il consigliere Cofone di 'Alternativa per Acri' informa il Prefetto
Non ci interessa entrare nella polemica che in questi giorni tiene banco sulla stampa e sui social. Non siamo curiosi di sapere perché, dove e con chi il sindaco sia stato, specie se a sue spese. ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 133  
Emergenza idrica. L'opposizione vuole un consiglio comunale aperto
Quello idrico, che forse oggi più che mai affligge la nostra comunità, è uno dei tanti problemi irrisolti dall’Amministrazione Comunale in carica. ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 539  
FDI, il sindaco ha il diritto di governare ma ha il dovere di dare risposte
Purtroppo negli ultimi giorni abbiamo dovuto constatare, anche a seguito di denunce pervenuteci da molti cittadini, il reiterarsi dell’annoso problema che affligge la Città, la mancanza di ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 4701  
Immobili comunali. Concessione gratuita in favore della cognata del consigliere Gencarelli
Vedere tanti acresi, soprattutto giovani, partire ogni anno in cerca di fortuna sul lago di Garda è un dispiacere per tutti e l’auspicio di ognuno di noi è che i ritorni in patria possano essere sempr ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 911  
Opposizione lontana dai problemi del territorio il sottoscritto critico ma coerente
Cari concittadini acresi, oggi mi tocca di svolgere un compito arduo, difficile, oggi proverò a svegliare dal loro atavico torpore le forze di opposizione, si, coloro che non si capisce come ancora no ...
Leggi tutto