CITTADINI ILLUSTRI Letto 1049  |    Stampa articolo

Padovani eccellenti. C’è anche l’acrese Sergio Garofalo

Foto © Acri In Rete
Redazione
condividi su Facebook


Torna finalmente in presenza la Cerimonia di consegna dell’onorificenza dei Padovani Eccellenti 2020-2021. La consegna dell’onorificenza agli insigniti è stata fissata per venerdì 18 novembre 2022, alle ore 17 in Aula Magna dell’Università degli Studi di Padova. «Dopo i tristi due anni di pandemia nei quali ci siamo dovuti fermare, eccoci nuovamente a festeggiare i Padovani Eccellenti 2020-2021 – commenta il Governatore dell’Osservatorio Città di Padova Antonietta Sambin –. E finalmente riusciamo ad incontrarci nuovamente in presenza per la consegna dei riconoscimenti agli insigniti, ma soprattutto per ritrovarci insieme con persone che tanto si sono spese per la nostra città e per ricordare quanti ci hanno lasciato come il nostro Governatore Gaetano Rampin. Anche quest’anno sono nove i padovani che la Commissione, non senza difficoltà, ha selezionato e sono moltissime le segnalazioni che ci giungono a testimonianza di tantissime persone che operano per il bene della città di Padova. Tra gli insigniti anche l’acrese Sergio Garofalo, medico colonello presso l’ospedale Militare di Padova, che ha dato disponibilità a seguire le persone anziane nella prevenzione del covid con un servizio vaccinale dedicato. Per Garofalo, da quasi cinque anni alla guida dell’ospedale militare, si tratta dell’ennesima riconoscenza fattagli da enti ed associazioni. Inoltre, Briani Chiara, professoressa associata al dipartimento di neuroscienze dell’Università di Padova, si occupa di neuropatie immuno-mediate, di complicanze neurologiche delle malattie oncoematologiche e sistemiche. Ricopre importanti cariche a carattere nazionale ed internazionale legate alla neurologia. Deangeli Giulio, giovane e brillante ricercatore che ha conseguito a 26 anni 5 lauree (Medicina, Biotecnologia, Ingegneria, Bioteconolgia Molecolare all’Università di Pisa e Diploma in Scienze Mediche alla Scuola Sant’Anna) unico italiano fino ad oggi ad avere vinto la borsa di studio Harvard Hip, fa della multidisciplinarietà la chiave per poter contribuire fattivamente allo sviluppo della ricerca. È attualmente impegnato negli studi sulle malattie neuro degenerative. Liborio Castorina Paolo, imprenditore padovano impegnato dal 2007 nella prevenzione e nella ricerca scientifica sui melanomi con l’associazione “Piccoli punti onlus”. Nel 2021, assieme alla consorte Carla Ceolin, crea la fondazione intitolata ad entrambi, al fine di promuovere la ricerca scientifica e l’assistenza all’infanzia abbandonata. Mapelli Daniela, Magnifica Rettrice dell’Università degli Studi di Padova, figura di riferimento mondiale per gli 800 anni dell’Ateneo Patavino. La novità della figura della Mapelli è la sua preparazione ad una cultura contemporanea della disciplina nei confronti della promozione di una scienza poco conosciuta come la neuropsicologia e la riabilitazione. Righetto Matteo, laureato in Filologia Italiana presso l’Università degli Studi di Padova; docente, editorialista, autore e drammaturgo per il teatro stabile del Veneto, nonché direttore di una collana letteraria. Ha sempre rivolto la sua attenzione al rapporto tra uomo e ambiente con particolare riferimento all’ecologia letteraria e all’eco-critica. Rigotti Paolo, professore ordinario di Chirurgia Generale, Direttore della Unità Operativa Complessa di Chirurgia dei Trapianti di Rene e Pancreas Ospedale Università di Padova, si è distinto in tecniche che permettono l’utilizzazione di donatori anziani nel trapianto renale, il trapianto di rene in riceventi anziani e il trapianto di rene da donatori viventi con gruppo sanguigno incompatibile. Suardi Scaiella Jone, artista di origine monselicense che si è distinta per un particolare utilizzo del vetro e del metallo nelle sue sculture. Avrà una sua opera inviata sulla luna nel 2025 all’interno di un progetto che prevede la progettazione e la realizzazione di una vera e propria galleria d’arte extraterrestre permanente sotto forma di installazione di 100 opere di artisti selezionati in tutto il mondo. Viviani Giaretta Ester, cantante del repertorio italiano ed operettistico, si è distinta come autrice ed interprete di numerosi spettacoli con finalità benefiche, tra cui alcuni dedicati a personaggi storici padovani. Di particolare rilievo la sua attività concertistica svolta gratuitamente per gli anziani ospitati nelle case di riposo. All’amico e nostro lettore Sergio Garofalo i più sentiti e meritati complimenti da Acrinrete. Testo estratto dal sito PadovaOggi.

PUBBLICATO 20/11/2022 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

RELIGIONE  |  LETTO 165  
Maria 2022 (8 Dicembre)
Alcuni mesi fa Saman, bella ragazza Pakistana, piena di vita e di giovanili progetti nel cuore, è stata strangolata dalla famiglia in Italia perchè rifiuta di sposare il giovane scelto dalla famiglia. ...
Leggi tutto

JUGUEADU  |  LETTO 659  
E' tornato Jugueadu
Cari amici, inizia il primo capitolo della rubrica "E' tornato Jugueadu", l'occhio indiscreto sulla società contemporanea. ...
Leggi tutto

INTERVISTA  |  LETTO 416  
In Calabria condizioni di rischio diversificate
L’evento di dissesto geo-idrologico dello scorso 26 novembre a Casamicciola, sull’isola di Ischia, ha riportato bruscamente alla memoria di molti il disastro di Vibo Valentia del luglio 2006, o quelli ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 3104  
Paolo Algieri ci ha lasciato...
Il caro Paolo se n’è andato in silenzio lasciandoci con la bocca amara; non lo incontrerò più nei pressi del cenacolo di Germinal, dove quasi sempre ci si incontrava desiderosi di scambiarci giudizi e ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 642  
Giornata della disabilità. Calcagni ha emozionato e strappato applausi
E’ stata un vero successo la celebrazione della prima "Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità" che si è tenuta sabato nella cornice di palazzo Sanseverino - Falcone, nel Comune di Acri. ...
Leggi tutto