POLITICA Letto 5623  |    Stampa articolo

Quando la politica diventa farsa

Foto © Acri In Rete
Redazione
condividi su Facebook
Il termine farsa, designante originariamente l’omonimo genere teatrale è, ormai, entrato nel vocabolario quotidiano per designare situazioni, seppur realistiche, aventi come caratteristiche il grottesco  e lo stravagante, non di rado il comico. Nel day after rispetto all’ultimo consiglio comunale, di una cosa siamo certi: lo spettacolo che è riuscito a dare la maggioranza è andato ben oltre la farsa.
Dimissioni irrevocabili, consiglieri sul piede di guerra che danno sfoggio dei loro diktat sulla stampa, comunicati ufficiali dell’amministrazione che paventano l’immediata rimozione di presidenti di assemblea: tutti i segnali da e per l’amministrazione comunale lasciavano facilmente intuire la scontata rimozione di Cosimo Fabbricatore dallo scranno di presidente del consiglio… e invece no.
Infatti, con un tourbillon di giravolte e piroette imbarazzanti in stile Scilipoti, le posizioni e le idee (idee???) cambiano, diventano di segno totalmente opposto  e così la maggioranza a sostegno del sindaco Tenuta, riconferma la fiducia al presidente già costretto alle dimissioni (che poi tanto irrevocabili non erano) con 8 voti favorevoli e, grazie al principio della prevalenza del consigliere più anziano, lo rielegge presidente dell’assemblea cittadina.
L’unico  a votare scheda bianca è stato proprio colui che con forza e sagacia nelle ultime settimane ne ha chiesto e ottenuto in un primo momento le forzose dimissioni: Natale Bruno.
Quasi inteneriva a vederlo sprofondare nella sua preziosa seggiola mentre Fabbricatore, nel suo intervento, ne scherniva gli intenti e ne sottolineava la “leggerezza” politica all’interno della maggioranza. Nessuno, dai banchi fedeli al sindaco, ha minimamente inteso difenderne l’operato. Come se non fosse accaduto nulla e manco lo conoscessero, nemmeno quelli che ne hanno spalleggiato (e forse diretto in sordina) gli attacchi contro lo stesso Fabbricatore.
Se si trattasse di uno scenario politico normale, il buon Bruno di turno starebbe già lanciando fulmini e saette contro chi, di fatto, lo ha abbandonato e politicamente ridicolizzato innanzi a tutta la città.
Ma qui siamo, come ricordato, oltre la farsa. E oltre le farse si annidano le logiche più insensate. Se al lettore infatti dovesse balenare l’idea che il contrordine nell’azione punitiva verso Fabbricatore sia stato provocato da riconciliazioni o sacrifici di posizioni personali in virtù del pubblico interesse sbaglia di grosso. Diciamocela tutta, Fabbricatore voleva fortemente fare il presidente del consiglio. Tenuta voleva evitare di spaccare (e perdere) la sua maggioranza  e, ormai è prassi, il resto dei consiglieri tenutiani non brilla per autonomia politica. Dunque, coniugando questi aspetti con il fatto che nessuno voleva perdere la seggiola e andare a casa, si è scelto di sacrificare il consigliere Bruno, il quale, probabilmente sta ancora cercando (come molti acresi) di capirci qualcosa.
Intanto con questa ennesima pagliacciata, in cui l’amministrazione se l’è praticamente suonata e cantata da sola,  il sindaco e i suoi rinunciano per l’ennesima volta ad un consiglio comunale,  prezioso momento per avanzare proposte e mettere in campo idee per il bene della comunità, noncuranti del fatto che seppur rieletto, Fabricatore ha avuto gli stessi voti di Maria Mascitti, candidata delle opposizioni.  Dunque la maggioranza che tiene assieme questi artisti del pastrocchio e dell’assurdo, continua a indebolirsi sempre di più proprio perché, ormai, ogni consigliere è determinante.
Consigliamo al consigliere Bruno di rifletterci su!

PUBBLICATO 17/09/2016 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 192  
Picitti stories alla terza edizione: si guarda al tempo futuro
Un'altra pagina del progetto di teatro e comunità curato dall'associazione culturale ConimieiOcchi sta per essere scritta in una delle aree interne più suggestive della Calabria. ...
Leggi tutto

ORDINANZA  |  LETTO 801  
Scuola, riapre il 28 settembre
Il sindaco del comune di Acri ha firmato l'ordinanza con la quale viene differita l'apertura delle scuole di ogni ordine e grado da giovedì 24 settembre a lunedì 28 settembre. ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 884  
Sit in sindaci del cosentino a Palazzo Chigi, c’è anche il Comune di Acri
Una delegazione di sindaci calabresi sta attuando un sit in davanti a Palazzo Chigi. La delegazione, composta dai primi cittadini tutti nel Cosentino, intendono così richiamare l’attenzione sulla nece ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 416  
Referendum, un successo della volontà popolare sulle ragioni fittizie degli assenteisti parlamentari
Ad Acri si è verificato uno schiacciante rifiuto popolare alle ragioni, volutamente ricercate... ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 365  
Il Virus mentale
A ridosso di un cambiamento epocale e realistico, dovuto al Covid-19, le persone hanno riscontrato drastici cambiamenti sia nella società, che nelle proprie abitudini quotidiane. Le critiche passegger ...
Leggi tutto