POLITICA Letto 3546  |    Stampa articolo

Consiglio comunale su rideterminazione tariffe. Ecco cosa aumenta

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
condividi su Facebook
Nella giornata di giovedì, il Consiglio Comunale si è riunito per discutere ed approvare la rideterminazione delle tariffe e dei tributi. Alla fine, l’ordine del giorno è passato grazie a nove voti favorevoli, quelli della maggioranza, ed otto contrari. Si tratta di una manovra finanziaria imposta dalla legge, dopo la dichiarazione del dissesto finanziario dello scorso 27 dicembre, che dovrebbe garantire alle casse comunali entrate pari a 30mila euro.
I tributi, ovvero servizio idrico, Tari e Tasi, non sono stati rivisti al rialzo così come l’Imu. In sostanza sono aumentati le tariffe per i servizi cosiddetti a domanda individuale.
Ventimila euro saranno i proventi della mensa scolastica e del trasporto scolastico, i restanti 10mila euro da diritti di segreteria legati all’urbanistica ed all’edilizia. La tassa sulla carta di identità passa da 5 a 10 euro.
Restano invariate le tasse per l’occupazione del suolo pubblico e sulla pubblicità. E’ stata una seduta lunga e accesa con il duro scontro tra maggioranza ed opposizione, oramai ai ferri corti.
Ciò fa presagire una campagna elettorale (si vota il prossimo anno) senza esclusioni di colpi. Ora, però, l’attenzione è rivolta all’arrivo dei Commissari nominati dalla Prefettura.
Essi dovrebbero mettere piede a palazzo Gencarelli tra un mese circa. Nel frattempo gli uffici e la parte politica, sono limitati nelle loro azioni.
La dichiarazione di dissesto finanziario da parte del Consiglio Comunale (approvato solo dalla maggioranza) è stato necessario dopo la bocciatura del Piano di rientro da parte della Corte dei Conti della Calabria e del ricorso alla Corte dei Conti di Roma.
In sostanza, l’Organo di controllo ha evidenziato gravi anomalie nei bilanci relativi agli anni 20111 e 2012 e insufficienze nel Piano di rientro approvato dal Consiglio Comunale nel luglio del 2014. Alla scadenza naturale manca un anno e mezzo durante il quale il sindaco Nicola Tenuta sarà costretto a programmare l’attività amministrativa in collaborazione con i Commissari.
Il loro arrivo è auspicato da tutti nel più breve tempo possibile.   

PUBBLICATO 28/01/2017 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 563  
Uffici postali. Ecco il nuovo orario
Continua il progressivo ritorno alla normalità anche negli uffici postali della provincia di Cosenza. Da ieri, lunedì 21 settembre, le sedi di Mandatoriccio, Acri, Dipignano, Casali del Manco, Monta ...
Leggi tutto

CRONACA  |  LETTO 4516  
Giornalista acrese minacciata ad un seggio elettorale
Brutta vicenda accorsa a Giulia Zanfino (nella foto), nostra concittadina nonchè giornalista de Il Fatto Quotidiano e Repubblica.it. La notizia è riportata da Lo Strillone news che così scrive; guai a ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1603  
Referendum. Ad Acri vince il SI
L'Ufficio elettorale del Comune ha appena diramato i risultati definitivi riguardanti il Referendum Costituzionale sul taglio dei Parlamentari. Ha votato il 38,8% ovvero 6377. ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 302  
Arci Cosenza offre sostegno e supporto alle scuole del territorio
In un periodo tanto complesso e complicato in cui non bisogna identificare solo un buon mash up di tutte le competenze, le capacità e le conoscenze possibili e disponibili per rendere migliore questo ...
Leggi tutto

RELIGIONE  |  LETTO 294  
Sapere meglio, è meglio
Un mio lontano parente, proveniente da Troia, ma di origine greca, per certe malintese con Nettuno ed altri abitanti dell’Olimpo, fu costretto a vagabondare nei dintorni della Calabria e per intervist ...
Leggi tutto