Opinione Letto 1693  |    Stampa articolo

Opere pubbliche.

Leonardo Marra
Foto © Acri In Rete
A volte mi soffermo a considerare come piccoli avvenimenti, che possono segnare alcuni aspetti della vita quotidiana, pur nella loro importanza, riescono a passare quasi inosservati.
Il problema è che, abituati come siamo ai grandi eventi, ai rutilanti annunci televisivi, al bisogno di mostrare l'apoteosi del nulla, difficilmente riusciamo ad apprezzare quello che di buono si riesce a concretizzare al di fuori di questi canoni.
Anche io mi scopro spesso ad essere critico nei confronti di un certo modo di intendere le cose; si è sempre critici verso ciò che scopriamo non essere aderente ai nostri bisogni o alle nostre esigenze, dimenticando che le esigenze di una comunità sono tante e variegate e che è arduo, se non impossibile, far fronte a tutte contemporaneamente (soprattutto quando alcune sono in contrasto con altre). Intendiamoci il diritto alla critica, purché questa non sia fine a sé stessa, strumentalizzante o denigratoria, è sacrosanto, dato che il senso critico verso l'operato altrui (ho detto senso critico e non critica ad ogni costo) spinge tutti noi ad operare al meglio.
Detto ciò, sfido ad alzare la mano tutti coloro che nei giorni(mesi) scorsi non abbiano almeno una volta espresso un parere su argomenti come : "ascensore calamo" o "teatro comunale" o "palazzetto dello sport" o "variante alla frana" o "sibari-sila".
Per carità, non crediate che io sia contrario a queste opere (magari si portassero a compimento domani!). Sono iniziative che, per una inderogabile necessità di spezzare l'isolamento geografico, culturale e sociale del nostro paese, vanno apprezzate, incentivate e supportate; e pazienza se si sarebbe preferita la scala mobile all'ascensore.
Il guaio più grosso è quando, offuscati da opere necessarie ma non imminenti, si perde di vista il contingente, il quotidiano.
Ed ecco che mi riaggancio a quanto detto in apertura.
Quando ero ragazzino (ormai mi capita spesso di ricordare i tempi passati) frequentavo la scuola media Leonardo da Vinci; ricordo che tutti noi, venivamo spesso invitati dai professori a non sollecitare, con salti e corse, il solaio del primo piano per paura di crolli.
Sono passati una quarantina d'anni, si sono succedute decine di amministrazioni e tutti aspettavano che ci fosse una legge per mettere in sicurezza l'edificio prima che potesse accadere il dramma (come in altre parti d'Italia è purtroppo successo).
Ma anche dopo la legge, il problema strutturale di quell'edificio ha continuato a passare in secondo piano rispetto alle altre problematiche della comunità.
Perciò ora vi prego di comprendere il perché, fuori dai denti e da ogni piaggeria, voglio ringraziare pubblicamente l'amministrazione del sindaco Coschignano di avere portato avanti e terminato un'opera pubblica necessaria: quella di mettere in sicurezza l'edificio della scuola media Leonardo da Vinci.
Sento di poterlo fare, oltre che a nome mio, anche a quello delle decine di ragazzi che ogni giorno affollano le aule dell'edificio in questione.
Almeno per noi genitori di questi ragazzi, al momento attuale, la messa in sicurezza dell'edificio rivestiva una importanza maggiore di tutte le altre opere pubbliche (sulla carta) messe assieme.
Il resto può attendere (speriamo una attesa breve), ma per la vita dei nostri figli c'è chi ha capito che non si possono accettare sconti.
Grazie Sindaco.

PUBBLICATO 20/02/2008

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

Opinione  |  LETTO 3563  
Buon Anno.
La redazione di Acrinrete.info augura un buon fine anno e un ancor miglior inizio a tutta la comunità acrese e tutti i suoi affezionati lettori.
Leggi tutto

Opinione  |  LETTO 4305  
Cyber sindaco...
Il nostro cyber sindaco martedì 30 alle 20 terrà la sua prima apparizione su tele Acri con una intervista curata dal bravo collega Roberto Saporito, per un probabile augurio alla cittadinanza acrese ...
Leggi tutto

Foto News  |  LETTO 4017  
Festa degli alberi, un natale fatto a mano.
Giovedì 18 dicembre Piazza Annunziata è stata invasa da un centinaio di bambini delle scuole elementari che hanno accolto l'invito della CNA sede territoriale di Acri, partecipando alla I edizione d ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 3352  
I lions chiedono un osservatorio permanente sui diritii.
“Il sessantesimo anniversario della dichiarazione dei diritti umani: proposta di un osservatorio in Acri”, questo il titolo di un convegno organizzato dal Lions Club e patrocinato dalla presidenza d ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 3900  
Ad Acri il primo premio "T. Terracina".
Nei giorni scorsi, si è svolta presso la sala M. Quintieri, del teatro Rendano di Cosenza, la premiazione del IV concorso Nazionale di poesia e pittura "F. Terracinà", indetto dal Centro culturale " ...
Leggi tutto