News Letto 1859  |    Stampa articolo

La crociata dei fruttivendoli.

Piero Cirino
Foto © Acri In Rete
I commercianti di frutta e verdura di Acri, che esercitano la loro attività in negozio, sono sul piede di guerra.
Oggetto delle loro rimostranze sono i venditori ambulanti che piazzano i loro camion a pochi metri dagli esercizi commerciali con gravi ripercussioni sulle vendite.
Così, molti di costoro hanno deciso di rivolgersi a un legale, l'Avv. Angelo Altomari, per far valere i loro diritti.
Prima di far partire le carte verso la Magistratura competente, è stata inviata una denuncia - richiesta al sindaco di Acri, all'assessore comunale alle Attività Produttive, al comando stazione dei Carabinieri di Acri, alla Guardia di Finanza, alla Polizia Municipale e all'associazione dei commercianti.
"L'attività commerciale dei fruttivendoli di Acri - è scritto nella missiva - è da tempo fortemente pregiudicata dalla vendita pseudo - itinerante praticata da numerosi venditori ambulanti di frutta e verdura, i quali, in dispregio della normativa che regola la vendita dei prodotti agricoli in forma itinerante, svolgono la loro attività commerciale sostando giornate intere in zone adibite a parcheggio o, in alcuni casi, alla sosta dei mezzi pubblici".
In base alle norme vigenti, "appare chiaro che la differenza tra la vendita fatta su aree pubbliche a posteggi o fatta in forma itinerante verte sul diverso vincolo a cui è sottoposto il venditore: nel caso di vendita a posteggio, deve essere praticata su area specifica indicata dal Comune; nel caso di vendita itinerante, sempre soggetta a concessione rilasciata dal Comune, in qualsiasi ara pubblica, purché itinerante.
In questo caso
- è ancora scritto nella lettera -, si verifica, in modo paradossale, il caso di venditori itineranti che praticano la loro attività di vendita con le forme di vendita a posteggio".
Fatta la premessa, "si chiede al Comune di fornirci, ai sensi della legge 241/90, copia delle autorizzazioni eventualmente rilasciate a coloro che quotidianamente praticano sul territorio comunale la vendita itinerante, e conseguentemente alle autorità preposte si chiede di inibire detta vendita con forme e modalità che si pongono al di fuori di ogni più elementare applicazione della normativa vigente, la continuazione di tale pratica commerciale
".
Questa lettera risale allo scorso 27 luglio e da allora non si sono avute risposte, mentre la vendita itinerante, o presunta tale, va avanti.
Lo scorso 19 febbraio, cioè due giorni fa, è stata chiesta al Comune la convocazione di una riunione.
Qualora l'incontro non venisse convocato entro cinque giorni, partirebbe la denuncia alla Magistratura competente.


Fonte: "Il Quotidiano della Calabria" del 21-02-2008.

PUBBLICATO 21/02/2008

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

Opinione  |  LETTO 3568  
Buon Anno.
La redazione di Acrinrete.info augura un buon fine anno e un ancor miglior inizio a tutta la comunità acrese e tutti i suoi affezionati lettori.
Leggi tutto

Opinione  |  LETTO 4308  
Cyber sindaco...
Il nostro cyber sindaco martedì 30 alle 20 terrà la sua prima apparizione su tele Acri con una intervista curata dal bravo collega Roberto Saporito, per un probabile augurio alla cittadinanza acrese ...
Leggi tutto

Foto News  |  LETTO 4021  
Festa degli alberi, un natale fatto a mano.
Giovedì 18 dicembre Piazza Annunziata è stata invasa da un centinaio di bambini delle scuole elementari che hanno accolto l'invito della CNA sede territoriale di Acri, partecipando alla I edizione d ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 3357  
I lions chiedono un osservatorio permanente sui diritii.
“Il sessantesimo anniversario della dichiarazione dei diritti umani: proposta di un osservatorio in Acri”, questo il titolo di un convegno organizzato dal Lions Club e patrocinato dalla presidenza d ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 3905  
Ad Acri il primo premio "T. Terracina".
Nei giorni scorsi, si è svolta presso la sala M. Quintieri, del teatro Rendano di Cosenza, la premiazione del IV concorso Nazionale di poesia e pittura "F. Terracinà", indetto dal Centro culturale " ...
Leggi tutto