News Letto 1780  |    Stampa articolo

Consiglio comunale.

Piero Cirino
Foto © Acri In Rete
Si è tenuta ieri sera una riunione del consiglio comunale, convocata in mattinata dal presidente Giacomo Cozzolino, in seduta straordinaria e d'urgenza.
All'ordine del giorno un solo punto: Debito per contributi previdenziali Inps periodo 2002/2004. Adesione alla ristrutturazione del debito. Costituzione ipoteca legale su immobili comunali per perfezionamento fideiussione bancaria Banco di Credito Cooperativo Mediocrati.
La convocazione improvvisa e urgente delle assise comunali si è resa necessaria poiché, per portare a compimento una operazione finanziaria, era ineludibile l'approvazione del consiglio.
In pratica, il Comune ha raccolto l'opportunità offerta dall'Inps di poter ristrutturare il suo debito nei confronti dell'istituto di previdenza, riconducibile in larga parte agli anni che vanno dal 2002 al 2004.
Delle varie forme possibili, la scelta è ricaduta su quella che prevede il versamento di quaranta rate a saldo del debito.
Per potervi accedere tuttavia c'è bisogno di una polizza fideiussoria, e quindi di una ipoteca su un immobile di proprietà del Comune, individuato nella "Sala Polivalente" di piazza "Principessa di Piemonte".
In sostanza, è il cinema che permette di aderire a questa forma agevolata per poter ripianare il debito nei confronti dell'Inps.
Naturalmente la misura è passata all'unanimità, con una piena adesione di merito e con qualche distinguo sulla forma.
Insomma, pur dando la propria approvazione, ognuno se l'è giocata politicamente.
In particolare, le opposizioni hanno urbanamente sollevato qualche protesta circa il fatto che il debito fosse riconducibile solo agli anni in cui al governo era il centro - destra.
E' vero, dicono le opposizioni, che gran parte del debito risale a questi tre anni, ma, sia pure in forme largamente minori, andrebbe spalmato su dieci anni, cioè dal 1994 al 2004.
Un'ultima polemica, se così la si può definire, è stata fatta nei confronti della banca, che ha preteso dal Comune una fideiussione, pur essendo un ente pubblico e non privato cittadino.
In realtà l'istituto di credito ha fatto ciò che una banca fa di solito: tutelarsi.

PUBBLICATO 07/03/2008

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

Opinione  |  LETTO 3563  
Buon Anno.
La redazione di Acrinrete.info augura un buon fine anno e un ancor miglior inizio a tutta la comunità acrese e tutti i suoi affezionati lettori.
Leggi tutto

Opinione  |  LETTO 4305  
Cyber sindaco...
Il nostro cyber sindaco martedì 30 alle 20 terrà la sua prima apparizione su tele Acri con una intervista curata dal bravo collega Roberto Saporito, per un probabile augurio alla cittadinanza acrese ...
Leggi tutto

Foto News  |  LETTO 4017  
Festa degli alberi, un natale fatto a mano.
Giovedì 18 dicembre Piazza Annunziata è stata invasa da un centinaio di bambini delle scuole elementari che hanno accolto l'invito della CNA sede territoriale di Acri, partecipando alla I edizione d ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 3352  
I lions chiedono un osservatorio permanente sui diritii.
“Il sessantesimo anniversario della dichiarazione dei diritti umani: proposta di un osservatorio in Acri”, questo il titolo di un convegno organizzato dal Lions Club e patrocinato dalla presidenza d ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 3900  
Ad Acri il primo premio "T. Terracina".
Nei giorni scorsi, si è svolta presso la sala M. Quintieri, del teatro Rendano di Cosenza, la premiazione del IV concorso Nazionale di poesia e pittura "F. Terracinà", indetto dal Centro culturale " ...
Leggi tutto