News Letto 1806  |    Stampa articolo

Petramala, visita l'opedale Beato Angelo.

Roberto Saporito
Foto © Acri In Rete
La prima visita del direttore generale dell’Asp, Franco Petramala, all’ospedale Beato Angelo, si rivela un momento di confronto interessante. Il massimo responsabile della sanità cosentina accetta l’invito rivolto dai dirigenti del presidio acrese e, nel corso di una conferenza stampa, non delude i tanti intervenuti.
Primari, infermieri, tecnici, rappresentanti sindacali ed esponenti politici. Accanto a lui il direttore sanitario De Paola, il vice Di Donato e il dirigente Scalzo. Petramala parte da un evento accaduto ad un paziente di Saracena, curato al Beato Angelo, per dire che “torno in un realtà che conosco benissimo come ambiziosa e cordiale ma anche per le competenze e la professionalità.
Proprio per questo, dice Petramala, il Beato Angelo non deve servire solo il territorio in cui è ubicato ma tutta l’Asp. Non più, quindi, ospedale zonale ma punto di riferimento di una vasta ed esigente area. Si tratta di un fatto culturale, afferma Pietramala, a cui non ci si può sottrarre se si vuole essere protagonisti di un ampio e difficile comprensorio. I dati tecnici ed economici, prosegue il direttore generale, sono incoraggianti e ci inducono su questa strada ma in un futuro non lontano anche il Beato Angelo dovrà essere in grado di distinguersi per delle specificità in modo da territorializzare gli interventi.”
Sull’organico Pietramala è chiaro; “ci sono situazioni più serie ma il potenziamento del pronto soccorso è un primo segnale dell’azienda verso questa struttura.”
L’ultimo passaggio Petramala lo dedica all’assenza del sindaco; “questo vostro sindaco è sempre impegnato. Ditegli che mi ritengo molto dispiaciuto.”
Prima di lui De Paola aveva illustrato i dati del 2007. Positivi e che fanno ben sperare per il futuro. “La nostra attività è degna di merito e attenzione perché la struttura è in linea con i parametri dettati dalla regione e dallo Stato.
Oltre quattromila i ricoveri di cui gran parte in day hospital, appena il 4% i ricoveri impropri, sette giorni è la degenza media del paziente, 75% le potenzialità sfruttate, una unità è la qualità rispetto allo 0.85 del 2006. La Di Donato, invece, ha puntato l’indice sugli interventi strutturali da fare e sul potenziamento del personale ausiliare, di medicina generale e ginecologia. I vertici provinciali prendono appunti e si dicono disponibili ad andare incontro alle esigenze di un nosocomio che, con i suoi 110 posti letto e con i reparti di medicina, chirurgia, ostetricia e ginecologia, radiologia e tac dialisi, endoscopia, laboratorio analisi, pronto soccorso autonomo, serve cinquantamila utenti di cui il 10% rappresentato da paesi limitrofi.
La dott. ssa Minisci, in qualità di rappresentante sindacale della cgil, ha auspicato il giusto riconoscimento ed il rispetto del contratto di lavoro.

PUBBLICATO 10/03/2008

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

Opinione  |  LETTO 3568  
Buon Anno.
La redazione di Acrinrete.info augura un buon fine anno e un ancor miglior inizio a tutta la comunità acrese e tutti i suoi affezionati lettori.
Leggi tutto

Opinione  |  LETTO 4308  
Cyber sindaco...
Il nostro cyber sindaco martedì 30 alle 20 terrà la sua prima apparizione su tele Acri con una intervista curata dal bravo collega Roberto Saporito, per un probabile augurio alla cittadinanza acrese ...
Leggi tutto

Foto News  |  LETTO 4021  
Festa degli alberi, un natale fatto a mano.
Giovedì 18 dicembre Piazza Annunziata è stata invasa da un centinaio di bambini delle scuole elementari che hanno accolto l'invito della CNA sede territoriale di Acri, partecipando alla I edizione d ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 3357  
I lions chiedono un osservatorio permanente sui diritii.
“Il sessantesimo anniversario della dichiarazione dei diritti umani: proposta di un osservatorio in Acri”, questo il titolo di un convegno organizzato dal Lions Club e patrocinato dalla presidenza d ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 3905  
Ad Acri il primo premio "T. Terracina".
Nei giorni scorsi, si è svolta presso la sala M. Quintieri, del teatro Rendano di Cosenza, la premiazione del IV concorso Nazionale di poesia e pittura "F. Terracinà", indetto dal Centro culturale " ...
Leggi tutto