News Letto 1836  |    Stampa articolo

Il Comune contro il vandalismo.

Piero Cirino
Foto © Acri In Rete
L'inciviltà di chi pensa che il bene pubblico sia sempre dell'altro e che i beni pubblici non gli appartengono è al centro di un comunicato dell'amministrazione comunale.
Un avvertimento duro, quanto preoccupato. Il riferimento, nello specifico, è agli atti vandalici che ormai da tempo si ripetono con monotona puntualità ai danni della villa comunale, area gazebo. Questo è uno spazio situato al centro della città, ed è soprattutto un luogo frequentato da bambini. E' nato laddove fino a qualche anno fa c'era il campo di calcio in cui giocava la squadra dell'Acri. Ora è una zona di verde in cui trascorrere, soprattutto in primavera e in estate, qualche piacevole ora di relax. Il Comune quindi descrive gli interventi realizzati ultimamamente e avverte come si comporterà in futuro nei confronti dei vandali.
Ancora atti vandalici - è scritto nella nota del Comune - ai danni della villa comunale che si ripetono, ormai, continuamente. L'amministrazione comunale comunica che nella villa comunale (gazebo) è stato ripristinato totalmente l'impianto elettrico e sono stati effettuati altri lavori di messa a nuovo come il rifacimento del manto erboso che viene curato quotidianamente. Inoltre, è stato installato l'impianto di video-sorveglianza che a breve tempo entrerà in funzione. La villa comunale è appunto luogo di tutti, spazio di incontro e di socializzazione. Nonostante questa “messa a nuovo”, appena terminati i lavori, il rispetto delle cose comuni è stato violato, infranto. I soliti ignoti, vandali, hanno già distrutto parte dell'illuminazione arrecando ulteriori danni all'intera struttura. L'amministrazione comunale - prosegue il comunicato - fa appello al senso civico di tutti i cittadini, grandi e piccoli, invitandoli ad avere maggiore rispetto per le cose in comune e avvisando che entrato in funzione il sistema di sorveglianza chiunque venga indicato dalle telecamere nascoste come trasgressore, verrà sanzionato per come previsto dalla legge”.
Quindi, dalla casa comunale arriva un avvertimento serio contro coloro che hanno deciso di trascorrere il loro tempo distruggendo ciò che di bello e di utile è al servizio di tutti gli altri cittadini. E invece ci sono persone che credono che la cosa pubblica serve per essere distrutta così, tanto per trascorrere il tempo diversamente.

Fonte: "Il Quotidiano della Calabria" del 15-03-2008.

PUBBLICATO 16/03/2008

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

Opinione  |  LETTO 3568  
Buon Anno.
La redazione di Acrinrete.info augura un buon fine anno e un ancor miglior inizio a tutta la comunità acrese e tutti i suoi affezionati lettori.
Leggi tutto

Opinione  |  LETTO 4308  
Cyber sindaco...
Il nostro cyber sindaco martedì 30 alle 20 terrà la sua prima apparizione su tele Acri con una intervista curata dal bravo collega Roberto Saporito, per un probabile augurio alla cittadinanza acrese ...
Leggi tutto

Foto News  |  LETTO 4021  
Festa degli alberi, un natale fatto a mano.
Giovedì 18 dicembre Piazza Annunziata è stata invasa da un centinaio di bambini delle scuole elementari che hanno accolto l'invito della CNA sede territoriale di Acri, partecipando alla I edizione d ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 3357  
I lions chiedono un osservatorio permanente sui diritii.
“Il sessantesimo anniversario della dichiarazione dei diritti umani: proposta di un osservatorio in Acri”, questo il titolo di un convegno organizzato dal Lions Club e patrocinato dalla presidenza d ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 3905  
Ad Acri il primo premio "T. Terracina".
Nei giorni scorsi, si è svolta presso la sala M. Quintieri, del teatro Rendano di Cosenza, la premiazione del IV concorso Nazionale di poesia e pittura "F. Terracinà", indetto dal Centro culturale " ...
Leggi tutto