News Letto 1744  |    Stampa articolo

Capalbo (DS): "commissioni consiliari e maggioranza latenti"

Roberto Saporito
Foto © Acri In Rete
Pino Capalbo, consigliere comunale Ds nonché vice presidente della Comunità Montana, parte dalla poca funzionalità delle commissioni consiliari per puntare l’indice contro la maggioranza di cui fa parte che continua a non brillare nei metodi e nelle scelte.
Alcune commissioni non vengono convocate da mesi, altre non si riuniscono per mancanza del numero legale ed altre ancora, come quella della cultura, perché priva del presidente. Prendo atto dell’incapacità di questa maggioranza, visto che l’opposizione fa il suo ruolo, ma penso che sia necessario rivisitare la composizione delle commissioni attraverso un dialogo serio e costruttivo, magari coinvolgendo anche la minoranza con alcune presidenze di commissione, nel rispetto delle prerogative del consiglio comunale al di là delle differenze politiche e per l’interesse della comunità. Ciò dipende dal fatto che questa maggioranza sembra più un cartello elettorale e le difficoltà sono acuite dalla poca predisposizione al dialogo degli stessi rappresentanti della maggioranza la cui azione è caratterizzata dalla continua litigiosità. Occorre voltare pagina, dice Capalbo, stilare un patto di fine legislatura finalizzato all’inversione di taluni metodi privilegiando la partecipazione e recuperando quell’entusiasmo che ci ha permesso di vincere.
Per Capalbo non serve solo un rimpasto un azzeramento della giunta. “Non serve la sostituzione degli assessori se poi i metodi restano gli stessi. E’ solo una presa in giro tanto che la rivisitazione dell’esecutivo fatta a settembre non ha sortito alcun effetto e questa maggioranza continua a caratterizzarsi per la sua scarsa incisività. Il giudizio della gente non è per niente positivo e penso, quindi, che il problema è da ricercare non tanto sull’operato degli assessori ma quanto piuttosto nelle scelte effettuate dai singoli partiti.”
Riguardo, invece, l’assenza del Pd Capalbo precisa che “è in ritardo nell’organizzazione perché bisogna acquisire la consapevolezza di essere un soggetto politico nuovo e non più sommatoria di più partiti. Ci sono, però, dei punti di riferimento da cui partire che sono i candidati alle primarie di ottobre che rappresentanto le varie anime. Essi dovrebbero farsi promotori di iniziative che possano formalizzare ed agevolare la presenza del Pd sul territorio dal punto di vista strutturale e colmare quelle lacune dovute alla nascita di un soggetto delocalizzato e poco attento alle specifiche realtà territoriali.

PUBBLICATO 20/03/2008

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

Opinione  |  LETTO 3568  
Buon Anno.
La redazione di Acrinrete.info augura un buon fine anno e un ancor miglior inizio a tutta la comunità acrese e tutti i suoi affezionati lettori.
Leggi tutto

Opinione  |  LETTO 4308  
Cyber sindaco...
Il nostro cyber sindaco martedì 30 alle 20 terrà la sua prima apparizione su tele Acri con una intervista curata dal bravo collega Roberto Saporito, per un probabile augurio alla cittadinanza acrese ...
Leggi tutto

Foto News  |  LETTO 4021  
Festa degli alberi, un natale fatto a mano.
Giovedì 18 dicembre Piazza Annunziata è stata invasa da un centinaio di bambini delle scuole elementari che hanno accolto l'invito della CNA sede territoriale di Acri, partecipando alla I edizione d ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 3357  
I lions chiedono un osservatorio permanente sui diritii.
“Il sessantesimo anniversario della dichiarazione dei diritti umani: proposta di un osservatorio in Acri”, questo il titolo di un convegno organizzato dal Lions Club e patrocinato dalla presidenza d ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 3905  
Ad Acri il primo premio "T. Terracina".
Nei giorni scorsi, si è svolta presso la sala M. Quintieri, del teatro Rendano di Cosenza, la premiazione del IV concorso Nazionale di poesia e pittura "F. Terracinà", indetto dal Centro culturale " ...
Leggi tutto