News Letto 1953  |    Stampa articolo

Ospedale, assunti 5 medici.

Roberto Barbarossa
Foto © Acri In Rete
Si è conclusa la vicenda giudiziaria che ha visto contrapposti i dottori Lenino Peluso, Ferdinando Rombolà, Tiziana Montalcini, Flavio Fedele e Lucia Savini all'Azienda sanitaria provinciale di Cosenza. Rappresentati dall'avvocato Antonio Giancarlo Perfetti, i medici sono riusciti a fare valere i loro diritti e ad essere assunti presso il presidio ospedaliero di Acri dove, già da anni, svolgevano con professionalità e cura, la loro attività. “Sin dall'inizio - ha affermato l'avvocato Perfetti - eravamo certi del fondamento delle nostre ragioni ma, purtroppo, abbiamo dovuto combattere contro una serie di ostacoli provenienti, soprattutto, dalla politica”.
Non fa subito il nome, ma si capisce come il pensiero del legale sia rivolto all'ex assessore alla Sanità della Regione, Doris Lo Moro: “Fino a qualche mese fa, purtroppo, ci è stato difficile interloquire con una controparte assolutamente sorda alle istanze, legittime, dei miei assistiti che sono stati addirittura definiti, durante un vero e proprio scontro televisivo, dall'allora assessore Lo Moro come “for - tunati per lavorare sebbene con contratto di precariato”.
E' sotto gli occhi di tutti - incalza l'avvocato Perfetti - l'immobilismo che ha caratterizzato un settore vitale come quello della sanità nella nostra Regione: non c'è peggior sordo di chi non vuole sentire ma, l'importante, era ottenere il giusto riconoscimento a un lavoro svolto sempre con grande professionalità pur in una situazione generale di confusione e precarietà”.
Ma quali sono stati i problemi che hanno indotto, questi medici, ad adire le azioni legali nei confronti dell'Azienda sanitaria.
Ancora Perfetti: “I miei assistiti erano tutti regolari vincitori di concorso e, l'amministratore del tempo, trincerandosi dietro un caparbio silenzio della Regione, non provvedeva al necessario inquadramento. E' bastato che subentrasse nell'amministrazione dell'Asp Petramala per far sì che i professionisti da me assistiti venissero senza indugio assunti. Bisogna dare atto al nuovo direttore generale di avere voluto assumersi le giuste responsabilità di un serio amministratore|».


Fonte: "Il Quotidiano della Calabria" del 21-03-2008.

PUBBLICATO 22/03/2008

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

Opinione  |  LETTO 3563  
Buon Anno.
La redazione di Acrinrete.info augura un buon fine anno e un ancor miglior inizio a tutta la comunità acrese e tutti i suoi affezionati lettori.
Leggi tutto

Opinione  |  LETTO 4305  
Cyber sindaco...
Il nostro cyber sindaco martedì 30 alle 20 terrà la sua prima apparizione su tele Acri con una intervista curata dal bravo collega Roberto Saporito, per un probabile augurio alla cittadinanza acrese ...
Leggi tutto

Foto News  |  LETTO 4018  
Festa degli alberi, un natale fatto a mano.
Giovedì 18 dicembre Piazza Annunziata è stata invasa da un centinaio di bambini delle scuole elementari che hanno accolto l'invito della CNA sede territoriale di Acri, partecipando alla I edizione d ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 3352  
I lions chiedono un osservatorio permanente sui diritii.
“Il sessantesimo anniversario della dichiarazione dei diritti umani: proposta di un osservatorio in Acri”, questo il titolo di un convegno organizzato dal Lions Club e patrocinato dalla presidenza d ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 3900  
Ad Acri il primo premio "T. Terracina".
Nei giorni scorsi, si è svolta presso la sala M. Quintieri, del teatro Rendano di Cosenza, la premiazione del IV concorso Nazionale di poesia e pittura "F. Terracinà", indetto dal Centro culturale " ...
Leggi tutto