News Letto 1709  |    Stampa articolo

Usi civici, si raccolgono le firme.

Piero Cirino
Foto © Acri In Rete
Prosegue il braccio di ferro tra i possessori dei terreni della montagna di Pietramorella soggetti a usi civici e l'amministrazione comunale. Quest'ultima, per chiudere una vicenda che si trascina da decenni e approfittando della legge regionale 18 del 2007, che demanda ai Comuni ogni decisione sugli usi civici, ha decsio che i possessori possono diventare proprietari di questi terreni. E' stato stabilito un prezzo di 3700 euro a ettaro, comprensivo anche delle spese tecniche del geometra e dell'atto notarile. Un gruppo di possessori ritiene esosa questa richiesta e in più di un'occasione ha inscenato proteste nei confronti della giunta comunale e della maggioranza che la sostiene.
Per venerdì prossimo, 28 marzo, è previsto un sit-in petizione, davanti all'ufficio postale di San Giacomo d'Acri, dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 19, organizzato dalla locale sezione della “Sinistra Democratica”. In questa occasione verrà promossa una raccolta di firme con cui si chiederà all'amministrazione comunale la revoca della delibera approvata dal consiglio e la rinegoziazione delle condizioni di acquisto. Questo è ciò che si chiede: acquisto a costo zero dei terreni da parte dei possessori, che si accolleranno le spese per la stipula dell'atto notarile. In più occasioni l'amministrazione comunale ha risposto picche, anche perché il prezzo stabilito è il più basso tra i parametri entro cui ci si può muovere. Il Comune è determinato ad andare avanti, così come sembra lo siano anche coloro i quali stanno protestando da diverse settimane.
La delibera in consiglio è stata approvata con i voti della maggioranza, con qualche eccezione; mentre le opposizioni, con qualche eccezione, si sono astenute. Ora è al vaglio della Corte dei Conti, che si dovrà pronunciare sulla legittimità dell'atto. Qualche dubbio infatti c'è, ed è il motivo per il quale le minoranze, almeno stando a quanto hanno riferito in consiglio, non l'hanno votata.
E non è un caso che nelle assise non sia stata votata l'immediata esecutività della delibera.
Questa vicenda ha creato non pochi problemi anche all'amministrazione comunale, considerato che tre consiglieri si sono astenuti, determinando qualche effetto politico.
La petizione di venerdì prossimo è anche un segnale per dimostrare che i dissensi non sono stati affatto dissipati. In ogni caso, l'amministrazione comunale ha già chiaramente detto che andrà avanti, Corte dei Conti permettendo

Fonte: "Il Quotidiano della Calabria" del 22-03-2008.

PUBBLICATO 22/03/2008

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

Opinione  |  LETTO 3563  
Buon Anno.
La redazione di Acrinrete.info augura un buon fine anno e un ancor miglior inizio a tutta la comunità acrese e tutti i suoi affezionati lettori.
Leggi tutto

Opinione  |  LETTO 4305  
Cyber sindaco...
Il nostro cyber sindaco martedì 30 alle 20 terrà la sua prima apparizione su tele Acri con una intervista curata dal bravo collega Roberto Saporito, per un probabile augurio alla cittadinanza acrese ...
Leggi tutto

Foto News  |  LETTO 4017  
Festa degli alberi, un natale fatto a mano.
Giovedì 18 dicembre Piazza Annunziata è stata invasa da un centinaio di bambini delle scuole elementari che hanno accolto l'invito della CNA sede territoriale di Acri, partecipando alla I edizione d ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 3352  
I lions chiedono un osservatorio permanente sui diritii.
“Il sessantesimo anniversario della dichiarazione dei diritti umani: proposta di un osservatorio in Acri”, questo il titolo di un convegno organizzato dal Lions Club e patrocinato dalla presidenza d ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 3900  
Ad Acri il primo premio "T. Terracina".
Nei giorni scorsi, si è svolta presso la sala M. Quintieri, del teatro Rendano di Cosenza, la premiazione del IV concorso Nazionale di poesia e pittura "F. Terracinà", indetto dal Centro culturale " ...
Leggi tutto