Opinione Letto 2066  |    Stampa articolo

Quando il silenzio incontra l’amore.

Sac. Sergio Groccia
Foto © Acri In Rete
Il sentiero dei giusti è come la luce che sorge, avanza e cresce di splendore fino al meriggio (Pr. 4,18).
La risurrezione di Cristo è il cardine della fede, e proprio per questo la Parola di Dio sviluppa attorno ad essa un'ampia riflessione, che va dal racconto dell'avvenimento al suo annuncio e alle conseguenze morali che ne derivano. Gesù non è vivo com' è vivo un messaggio sempre attuale, o come è vivo un maestro nel cuore dei discepoli. Gesù è veramente risorto. Tanto che il sepolcro fu trovato vuoto ( Gv. 20,1-9) e le bende e il sudario, piegati con ordine: un indizio che smentisce la diceria di un frettoloso trafugamento del cadavere.
Ambedue i discepoli entrano nel sepolcro e vedono, ma solo del discepolo amato si dice che vide e credette.
A che cosa è dovuta questa sua capacità di intuizione? Non si vede altra ragione che questa: è il discepolo che Gesù amava. La comprensione della risurrezione è un dono di Dio.
Nel passo degli Atti degli apostoli (10,34-43) si legge: "Essi lo uccisero appendendolo a una croce, ma Dio lo ha risuscitato al terzo giorno". Fra il giudizio di Dio e il giudizio degli uomini c'è un netto contrasto. Le valutazioni di Dio sono capovolte rispetto alle nostre. Gli uomini hanno condannato Gesù, Dio invece lo ha approvato e lo ha fatto risorgere. La risurrezione è un avvenimento che contiene un giudizio. Occorre mutare i nostri criteri di valutazione, il nostro modo di pensare Dio.
San Paolo riassume in due imperativi i nuovi comportamenti che il discepolo è chiamato ad assumere: "Cercate le cose di lassù, pensate alle cose di lassù". Dunque, il pensiero e la vita, i progetti e l'esecuzione, la coscienza e le scelte. Quali sono le cose di lassù da cercare e le cose di quaggiù da evitare? Qual è la parte di noi che dobbiamo scrollarci di dosso come un vestito logoro e scucito? Il vestito da deporre non è la parte corporea che deve essere mortificata per esaltare lo Spirito, né gli impegni del mondo che devono essere abbandonati per ritirarsi nella solitudine. Il vecchio vestito sono i valori illusori, distruttori ed egoistici, soprattutto quell'istinto del possesso che tanto spesso si trasforma in idolatria (Col 3,5). E il vestito nuovo è il superamento delle divisioni che oppongono l'uomo all'uomo, popolo a popolo, razza a razza (Col 3,11). Vestito nuovo sono i sentimenti di misericordia, di bontà, di umiltà, di pazienza: "Sopportandovi a vicenda e perdonandovi scambievolmente" (Col 3,12-13).
Pasqua,nuova creazione. Mistero pasquale, mistero di fede: un dono da chiedere per noi e per tutti gli uomini. Sulle strade del mondo moltitudini di uomini e donne vanno portando il loro carico di dolore e di gioia . Su queste strade anche oggi Cristo risorge e ci chiede di testimoniarlo, uscendo dai nostri egoismi con semplici gesti quotidiani di carità e di accoglienza verso tutti, perché, pur nel rispetto delle diversità, sia rivelata la sua presenza d'amore e possa inondare di gioia e di speranza il cammino di ognuno verso la terra della risurrezione piena.
E' l'amore che svela il Mistero.
La sua vita per la nostra vita.

PUBBLICATO 23/03/2008

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

Opinione  |  LETTO 3563  
Buon Anno.
La redazione di Acrinrete.info augura un buon fine anno e un ancor miglior inizio a tutta la comunità acrese e tutti i suoi affezionati lettori.
Leggi tutto

Opinione  |  LETTO 4305  
Cyber sindaco...
Il nostro cyber sindaco martedì 30 alle 20 terrà la sua prima apparizione su tele Acri con una intervista curata dal bravo collega Roberto Saporito, per un probabile augurio alla cittadinanza acrese ...
Leggi tutto

Foto News  |  LETTO 4017  
Festa degli alberi, un natale fatto a mano.
Giovedì 18 dicembre Piazza Annunziata è stata invasa da un centinaio di bambini delle scuole elementari che hanno accolto l'invito della CNA sede territoriale di Acri, partecipando alla I edizione d ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 3352  
I lions chiedono un osservatorio permanente sui diritii.
“Il sessantesimo anniversario della dichiarazione dei diritti umani: proposta di un osservatorio in Acri”, questo il titolo di un convegno organizzato dal Lions Club e patrocinato dalla presidenza d ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 3900  
Ad Acri il primo premio "T. Terracina".
Nei giorni scorsi, si è svolta presso la sala M. Quintieri, del teatro Rendano di Cosenza, la premiazione del IV concorso Nazionale di poesia e pittura "F. Terracinà", indetto dal Centro culturale " ...
Leggi tutto