Comunicato Stampa Letto 2176  |    Stampa articolo

"Inutili allarmismi sulla Comunità Montana di Acri".

IDV - Regione Calabria
Foto © Acri In Rete
"Ancora una volta, leggiamo sulla stampa, e nella fattispecie sull'edizione odierna de "Il Quotidiano della Calabria", in un articolo a firma del solito signor Piero Cirino, corrispondente da Acri, che la Comunità Montana di Acri rischia la soppressione e che l'intera classe politica ed istituzionale del territorio sta completamente ignorando il problema. Si tratta dell'ennesima "bufala" giornalistica, poichè il contenuto dell'articolo non corrisponde a realtà e denota la sistematica volontà, da parte del cronista, di non ripercorrere le tappe della vicenda e di non menzionare chi, come il sottoscritto, si sta adoperando con tutte le sue forze per tutelare la Comunità Montana di Acri".
Ad affermarlo è il capogruppo regionale di Italia dei Valori, Maurizio Feraudo.
"Da tempi non sospetti, e il signor Cirino ne è perfettamente consapevole, mi sto occupando della questione, sia incontrando i dipendenti della stessa Comunità Montana di Acri e sia facendomi portavoce delle istanze di questi ultimi presso il competente assessore regionale Liliana Frascà. Non è quindi assolutamente vero che tutti, senza distinzione alcuna, stanno sottovalutando il problema, sul quale, lo ricordo, il sottoscritto è intervenuto pubblicamente più di una volta. Ritengo necessario, infatti, che il Consiglio regionale - dichiara Feraudo - intervenga senza indugio, affinchè, nel sopprimere quelle Comunità Montane che poco o nulla hanno a che spartire con la montagna, salvaguardi, però, taluni Enti montani. La normativa in vigore prevede, infatti, che le Regioni, al fine di concorrere agli obiettivi di contenimento della spesa pubblica, entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della norma, e dunque entro fine giugno, provvedano ad emanare nuove leggi di riordino della disciplina delle Comunità Montane per razionalizzarne e contenerne i costi".
"Ecco perchè non può che definirsi strumentale e grossolano il tentativo di chi, approfittando nel necessario intervento che la Regione Calabria sta già effettuando in materia, tenti di screditare l'operato di quanti, senza velleità o sterile propaganda, hanno sposato la giusta causa della comunità acrese sin dal primo giorno. Il diritto d'opinione e di critica - conclude Feraudo - è ben altra cosa dalla sistematica operazione di accostare eventi a uomini, problemi a responsabilità, cercando di svolgere allo stesso tempo la delicata professione del giornalista e la propria militanza politica".

PUBBLICATO 10/06/2008

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

Opinione  |  LETTO 3643  
Buon Anno.
La redazione di Acrinrete.info augura un buon fine anno e un ancor miglior inizio a tutta la comunità acrese e tutti i suoi affezionati lettori.
Leggi tutto

Opinione  |  LETTO 4376  
Cyber sindaco...
Il nostro cyber sindaco martedì 30 alle 20 terrà la sua prima apparizione su tele Acri con una intervista curata dal bravo collega Roberto Saporito, per un probabile augurio alla cittadinanza acrese ...
Leggi tutto

Foto News  |  LETTO 4097  
Festa degli alberi, un natale fatto a mano.
Giovedì 18 dicembre Piazza Annunziata è stata invasa da un centinaio di bambini delle scuole elementari che hanno accolto l'invito della CNA sede territoriale di Acri, partecipando alla I edizione d ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 3439  
I lions chiedono un osservatorio permanente sui diritii.
“Il sessantesimo anniversario della dichiarazione dei diritti umani: proposta di un osservatorio in Acri”, questo il titolo di un convegno organizzato dal Lions Club e patrocinato dalla presidenza d ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 3982  
Ad Acri il primo premio "T. Terracina".
Nei giorni scorsi, si è svolta presso la sala M. Quintieri, del teatro Rendano di Cosenza, la premiazione del IV concorso Nazionale di poesia e pittura "F. Terracinà", indetto dal Centro culturale " ...
Leggi tutto