News Letto 2399  |    Stampa articolo

A rischio il reparto psichiatria del 'Beato Angelo'.

Roberto Saporito
Foto © Acri In Rete
Si tratta solo di ipotesi, è vero, ma a queste, a breve, potrebbero seguire delle amare realtà. Al momento le indiscrezioni hanno messo in allarme personale medico e paramedico che stanno seguendo da vicino la vicenda così come anche l'intera popolazione. Dopo sei anni di ininterrotta attività, il reparto di psichiatria del "Beato Angelo" potrebbe chiudere i battenti.
E non certamente per "scarsa produttività." Sin dalla sua istituzione il reparto, infatti, ha sempre funzionato a pieno regime attraverso visite mediche e ricoveri effettuati ventiquattro ore su ventiquattro anche quale supporto per altri reparti dello stesso nosocomio. Il reparto può contare su otto posti letto, ed una ventina tra infermieri e medici specialisti.
Al momento sono soltanto delle ipotesi ma nella bozza del nuovo piano sanitario regionale la psichiatria del "Beato Angelo" non compare più in quanto verrebbe accorpata all'Annunziata di Cosenza mentre nelle zone limitrofe è prevista l'istituzione di un apposito reparto presso il presidio ospedaliero di Castrovillari.
Oltre al reparto la città, sempre secondo il riordino della sanità regionale, perderebbe anche il C.I.M., centro di igiene mentale, di via Ippocrate. Se così fosse si tratterebbe di due grosse perdite non solo per la città ma per l'intero comprensorio.
Il reparto di psichiatria ed il centro di igiene mentale sono oramai punti di riferimento non solo per pazienti acresi ma anche di zone limitrofe ed in questi anni si sono contraddistinti per aver fornito assistenza soprattutto a chi è affetto da attacchi panico, depressione, disturbi mentali e da consumo di alcool e sostanze stupefacenti. L'eventuale chiusura della psichiatria costringerà i pazienti a recarsi in un centro di Montalto a nel capoluogo anche per una normale visita di controllo.
La paventata ipotesti di chiusura del reparto si va ad aggiungere ad altre voci, sempre però smentite da politici e organi competenti, che vorrebbero il "Beato Angelo" ridimensionato e accorpato a quello di San Giovanni in Fiore. L'approvazione del nuovo piano sanitario, finalmente, metterà fine a tutte queste ipotesi.

PUBBLICATO 11/06/2008

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

Opinione  |  LETTO 3622  
Buon Anno.
La redazione di Acrinrete.info augura un buon fine anno e un ancor miglior inizio a tutta la comunità acrese e tutti i suoi affezionati lettori.
Leggi tutto

Opinione  |  LETTO 4358  
Cyber sindaco...
Il nostro cyber sindaco martedì 30 alle 20 terrà la sua prima apparizione su tele Acri con una intervista curata dal bravo collega Roberto Saporito, per un probabile augurio alla cittadinanza acrese ...
Leggi tutto

Foto News  |  LETTO 4077  
Festa degli alberi, un natale fatto a mano.
Giovedì 18 dicembre Piazza Annunziata è stata invasa da un centinaio di bambini delle scuole elementari che hanno accolto l'invito della CNA sede territoriale di Acri, partecipando alla I edizione d ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 3413  
I lions chiedono un osservatorio permanente sui diritii.
“Il sessantesimo anniversario della dichiarazione dei diritti umani: proposta di un osservatorio in Acri”, questo il titolo di un convegno organizzato dal Lions Club e patrocinato dalla presidenza d ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 3960  
Ad Acri il primo premio "T. Terracina".
Nei giorni scorsi, si è svolta presso la sala M. Quintieri, del teatro Rendano di Cosenza, la premiazione del IV concorso Nazionale di poesia e pittura "F. Terracinà", indetto dal Centro culturale " ...
Leggi tutto