News Letto 2365  |    Stampa articolo

A rischio il reparto psichiatria del 'Beato Angelo'.

Roberto Saporito
Foto © Acri In Rete
Si tratta solo di ipotesi, è vero, ma a queste, a breve, potrebbero seguire delle amare realtà. Al momento le indiscrezioni hanno messo in allarme personale medico e paramedico che stanno seguendo da vicino la vicenda così come anche l'intera popolazione. Dopo sei anni di ininterrotta attività, il reparto di psichiatria del "Beato Angelo" potrebbe chiudere i battenti.
E non certamente per "scarsa produttività." Sin dalla sua istituzione il reparto, infatti, ha sempre funzionato a pieno regime attraverso visite mediche e ricoveri effettuati ventiquattro ore su ventiquattro anche quale supporto per altri reparti dello stesso nosocomio. Il reparto può contare su otto posti letto, ed una ventina tra infermieri e medici specialisti.
Al momento sono soltanto delle ipotesi ma nella bozza del nuovo piano sanitario regionale la psichiatria del "Beato Angelo" non compare più in quanto verrebbe accorpata all'Annunziata di Cosenza mentre nelle zone limitrofe è prevista l'istituzione di un apposito reparto presso il presidio ospedaliero di Castrovillari.
Oltre al reparto la città, sempre secondo il riordino della sanità regionale, perderebbe anche il C.I.M., centro di igiene mentale, di via Ippocrate. Se così fosse si tratterebbe di due grosse perdite non solo per la città ma per l'intero comprensorio.
Il reparto di psichiatria ed il centro di igiene mentale sono oramai punti di riferimento non solo per pazienti acresi ma anche di zone limitrofe ed in questi anni si sono contraddistinti per aver fornito assistenza soprattutto a chi è affetto da attacchi panico, depressione, disturbi mentali e da consumo di alcool e sostanze stupefacenti. L'eventuale chiusura della psichiatria costringerà i pazienti a recarsi in un centro di Montalto a nel capoluogo anche per una normale visita di controllo.
La paventata ipotesti di chiusura del reparto si va ad aggiungere ad altre voci, sempre però smentite da politici e organi competenti, che vorrebbero il "Beato Angelo" ridimensionato e accorpato a quello di San Giovanni in Fiore. L'approvazione del nuovo piano sanitario, finalmente, metterà fine a tutte queste ipotesi.

PUBBLICATO 11/06/2008

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

Comunicato Stampa  |  LETTO 3220  
Comunicato Stampa Segreteria Provinciale PRC .
Con riferimento all'intervista rilasciata dal consigliere comunale del PRC di Acri e pubblicata in data odierna sul quotidiano Calabria Ora, è d'obbligo precisare quanto segue.
Leggi tutto

Comunicato Stampa  |  LETTO 3188  
“Regala la solidarietà”.
La Croce Rossa Italiana, Volontari del Soccorso, Gruppo di Acri, in occasione delle festività natalizie, organizza la manifestazione "Regala la solidarietà" al fine di animare ancor più questi giorn ...
Leggi tutto

Comunicato Stampa  |  LETTO 2922  
ALTRA TERRA, contaminazioni strada facendo.
E' una collezione di opere in ceramica, quella che Silvio Vigliaturo ha realizzato e che la Regione Piemonte ha esposto per la prima volta alla 48a Mostra della Ceramica di Castellamonte. Si trasfer ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 3505  
Grande successo all'ospedale di Acri: parto indolore.
Un altro importante traguardo è stato raggiunto dal reparto di ostetricia e ginecologica del Beato Angelo, guidato da Pietro Verre. La sua equipe, composta da anestesisti specializzati, ha eseguito, ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 6337  
Beneficenza, esposizione all'Ikonos.
Domenica, dalle ore 11:00, alla galleria d'arte Ikonos, si è inaugurata una esposizione di opere di trenta artisti. Si tratta di una iniziativa di beneficenza per l'annuale asta del Rotary Club di A ...
Leggi tutto