Opinione Letto 2726  |    Stampa articolo

La lacerante e larvata crisi del PD.

Massimo Conocchia
Foto © Acri In Rete
Ciò a cui stiamo assistendo in queste settimane non è altro che l’appalesarsi di una crisi annunciata di un partito in verità mai nato e che si trova, oggi, a fare i conti con uno scollamento progressivo, legato al mancato radicamento sul territorio, che era, invece, un punto di forza dei partiti storici della Sinistra, PD compreso.
L’illusione di potere dare vita ad un nuovo soggetto politico con una mera operazione di “copia e incolla” di due forze preesistenti non è riuscita e non poteva riuscire. La crisi del Partito Democratico si manifesta ogni giorno di più, e sotto forme drammatiche di dissenso interno. Sotto attacco è ormai la linea politica di Veltroni, giudicata perdente, anche alla luce delle recenti Elezioni amministrative in Sicilia, che hanno visto il tracollo e la disfatta di un PD ridotto a percentuali bassissime, senza contare la debacle romana, così carica di significati negativi. Crisi di consenso, e soprattutto crisi di linea politica: la polemica di stampo antiberlusconiano non paga, e lo hanno dimostrato vari appuntamenti elettorali.
Le preannunciate proteste autunnali non impressionano e richiamano alla mente i versi di Ungaretti (si sta come, d’autunno, sugli alberi, le foglie!). Sicuramente non intaccheranno i consensi verso un Governo allo stato forte e tutt’altro che in crisi, nonostante gli scandalosi provvedimenti in materia di giustizia. La crisi del PD ha ragioni profonde, che non possono essere sottaciute. Alle elezioni politiche è riuscito a mobilitare il massimo dei consensi che poteva, ottenendo come risultato una sconfitta che non può essere archiviata come un incidente di percorso.
Il PD paga oggi un pericoloso paradosso, tutto italiano: nato dagli strati sociali “produttivi” ha finito per perdere contatto con tutto il mondo del lavoro. Incapace di dare voce alle preoccupazioni di quella parte produttiva della popolazione, ha perso consenso nelle aree economicamente più forti del paese a vantaggio della Destra. Parallelamente, non ha avuto il coraggio di denunciare le debolezze di un sistema, legate essenzialmente ad una Pubblica Amministrazione troppo spesso carente per inadempienze e scarsa produttività. Così come, in tema di giustizia non ci si può ergere a difesa di un sistema che, pur avendo un numero impressionante di magistrati per abitanti, ha in arretrato una mole enorme di procedimenti.
La sfiducia dei cittadini è tale che, per i più abbienti, si risolve nel sempre più frequente ricorso agli arbitrati e, per i meno fortunati, in un rancore profondo verso le istituzioni e verso la democrazia che le governa: ci sono cause irrisolte da oltre 23 anni! Bisogna avere il coraggio di denunciare le carenze di un sistema, senza per questo correre il rischio di passare dalla parte di Berlusconi. Uno dei segreti del successo del Cavaliere risiede proprio nel fatto di denunciare mali atavici, usandoli come clava per la difesa di interessi personali e per attaccare quelli che ai suoi occhi appaiono come persecutori.
Non bastano una buona comunicazione a far votare la gente per un partito che non riconosce come portatore dei propri interessi, che non mostra una vicinanza e una frequentazione dei temi che gli sono a cuore, che non dà voce al dramma che la investe. Un’altra ragione, non secondaria, della crisi profonda del PD è da ricercarsi in una classe dirigente incapace di rinnovamento e che si richiama a vecchie logiche e meccanismi logori pur di impedire un ricambio, che avverte come una minaccia piuttosto che come una risorsa. Massimo D’Alema in una recente intervista alla festa dell’Unità si è definito un simpatizzante del PD, non potendosi definire un iscritto, visto che questa possibilità non c’è ancora.
E’ facilmente immaginabile come un partito senza un forte radicamento sul territorio finisca per apparire come un soggetto astratto e lontano dalla gente e dai suoi bisogni. Valter Veltroni e il suo staff appaiono oggi, agli occhi disincantati di un libero pensatore come il sottoscritto, come un gruppo di macchinisti di un treno che ha davanti a se un percorso senza una meta definita. L’incertezza è tale che i viaggiatori più attenti cominciano a scendere nelle fermate intermedie con il serio rischio che al capolinea il treno abbia perso buona parte dei suoi viaggiatori.

PUBBLICATO 05/07/2008

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

Opinione  |  LETTO 3639  
Buon Anno.
La redazione di Acrinrete.info augura un buon fine anno e un ancor miglior inizio a tutta la comunità acrese e tutti i suoi affezionati lettori.
Leggi tutto

Opinione  |  LETTO 4374  
Cyber sindaco...
Il nostro cyber sindaco martedì 30 alle 20 terrà la sua prima apparizione su tele Acri con una intervista curata dal bravo collega Roberto Saporito, per un probabile augurio alla cittadinanza acrese ...
Leggi tutto

Foto News  |  LETTO 4095  
Festa degli alberi, un natale fatto a mano.
Giovedì 18 dicembre Piazza Annunziata è stata invasa da un centinaio di bambini delle scuole elementari che hanno accolto l'invito della CNA sede territoriale di Acri, partecipando alla I edizione d ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 3434  
I lions chiedono un osservatorio permanente sui diritii.
“Il sessantesimo anniversario della dichiarazione dei diritti umani: proposta di un osservatorio in Acri”, questo il titolo di un convegno organizzato dal Lions Club e patrocinato dalla presidenza d ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 3978  
Ad Acri il primo premio "T. Terracina".
Nei giorni scorsi, si è svolta presso la sala M. Quintieri, del teatro Rendano di Cosenza, la premiazione del IV concorso Nazionale di poesia e pittura "F. Terracinà", indetto dal Centro culturale " ...
Leggi tutto