Religione Letto 2932  |    Stampa articolo

Natale energia in movimento...

sac. Sergio Groccia
Foto © Acri In Rete
Questo è il giorno dell'energia in movimento, che ognuno di noi può accogliere e trasformare in atto nel proprio pensiero, nelle parole e nelle azioni quotidiane.
É il giorno nel quale il mondo spreca di più, purtroppo.
E non pensiamo al denaro e al pasto natalizio, alle lussurie.
Pensiamo proprio al cuore: a questa energia che invece di essere utilizzata per il bene nostro e del mondo, anche quest'anno verrà da noi lasciata propagare per dissolversi nelle vanità, nella pace terrena e quieta, che non scomoda nessuno e a nessuno interessa mai.
Questa energia sprecata vanifica il Natale stesso nella sua essenza.
Questo è il giorno della grande potenza prorompente, che può entrare nella realtà del mondo e vivificarla appieno, come nell'uscita dal grembo materno della persona nascente.
Ma è anche il triste giorno, questo, dell'aborto di fatto, fatto e consumato nelle mode del mondo, negli auguri fatti solo di parole, nel consumismo fattosi ormai Dio per ognuno di noi.
Giorno di luce, ma anche, e spesso, giorno di assenza totale di energia.
La concretezza del Natale e la sua cruciale validità fatta di sofferta vita nascente, che apre ai valori saggiati e provati dal destino del quotidiano, viene resa sempre più astratta dai bei discorsi, a partire dalle prediche natalizie fatte di buonismo e santificetur impeccabili dal punto di vista dell'intelletto, ma che non toccano nemmeno da lontano l'energia vitale.
E se ci batte il cuore per l'emozione del ritrovarci a tavola, tra i parenti e gli amici che ci vogliono bene, tra una tombola e l'altra dimenticando oggi il crudo e nudo passaggio della realtà, dell'altro per quello che è, del mondo vero e non rivestito da babbo natale, ci accorgeremo, alla fin fine, che questo tipo di natale, di una religiosità ambigua e quasi peccaminosa, ci ha solo drogato per questo giorno, facendo fare a noi e attraverso di noi non passi avanti, ma indietro all'umanità del qui e ora, di questo nostro natale, passaggio fatale per una vita nuova, ma anche tomba per l'uomo che lo spegne sul suo nascere.
Con gli auguri che il Natale non sia affatto buono, ma valido.
Come augurio di un valido Natale rivolto a tutti con estrema sincerità non si può che auspicare che in ciascuna delle nostre case e in ogni famiglia regni la serenità personale e che si fomenti la concordia e l'unione; che le eventuali contese, le liti, le divisioni e gli alterchi lascino il posto alla pace e che il dialogo e la comprensione in ogni caso prevalgano sui conflitti e che in questa circostanza ci si possa ritrovare tutti insieme e vivere la serena armonia soprattutto laddove giungano parenti e amici che vivono e lavorano altrove: sia il Natale un'occasione propizia di incontro e di fraternità.
Il Natale, quale evento della speranza che si trasforma nella pienezza della gioia del Signore, possa ispirare soprattutto nei giovani ottimismo e fiducia quanto a i progetti e alle ambizioni per il futuro, agli ammalati costanza nella prova del dolore e agli sfiduciati il calore umano del conforto dello stesso Signore Bambino.

































PUBBLICATO 23/12/2008

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

Opinione  |  LETTO 2990  
Buon Anno.
La redazione di Acrinrete.info augura un buon fine anno e un ancor miglior inizio a tutta la comunità acrese e tutti i suoi affezionati lettori.
Leggi tutto

Opinione  |  LETTO 3667  
Cyber sindaco...
Il nostro cyber sindaco martedì 30 alle 20 terrà la sua prima apparizione su tele Acri con una intervista curata dal bravo collega Roberto Saporito, per un probabile augurio alla cittadinanza acrese ...
Leggi tutto

Foto News  |  LETTO 3423  
Festa degli alberi, un natale fatto a mano.
Giovedì 18 dicembre Piazza Annunziata è stata invasa da un centinaio di bambini delle scuole elementari che hanno accolto l'invito della CNA sede territoriale di Acri, partecipando alla I edizione d ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 2758  
I lions chiedono un osservatorio permanente sui diritii.
“Il sessantesimo anniversario della dichiarazione dei diritti umani: proposta di un osservatorio in Acri”, questo il titolo di un convegno organizzato dal Lions Club e patrocinato dalla presidenza d ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 3297  
Ad Acri il primo premio "T. Terracina".
Nei giorni scorsi, si è svolta presso la sala M. Quintieri, del teatro Rendano di Cosenza, la premiazione del IV concorso Nazionale di poesia e pittura "F. Terracinà", indetto dal Centro culturale " ...
Leggi tutto