COMUNICATO STAMPA Letto 4051

Ambiente. "Riprendiamoci il futuro, prove di comunità resiliente”


Foto © Acri In Rete

HortusAcri
  |  


“Acri, riprendiamoci il futuro: prove di comunità resiliente”, è il claim dell’incontro che si terrà venerdì 5 aprile, alle 17, al Caffè Letterario. oltre ad essere uno slogan dall'impatto accattivante e coinvolgente, il vero spirito dell'incontro è un’esortazione diretta a quanti non vogliono subire il corso delle cose, e non ci stanno a rimanere dentro il corto circuito tipico del nostro sud, "fulminato" spesso da sbalzi di rassegnazione e disinteresse. HortusAcri è un collettivo di persone, giovani e non, che nate ad Acri e sparse in varie parti dell’Italia, si sono ritrovate in un progetto comune, dedicato alla ripresa di temi importanti per la sopravvivenza locale e globale: natura, paesaggio, ecologia, cultura, comunità e coesione sociale, resilienza. Un’attività preceduta da una intensa serie di seminari, avviati già lo scorso dicembre, e seguita nei mesi con Laboratori dedicati a vari temi, tra i quali, in maniera particolare, le opere pubbliche e private incompiute, la ricerca di un nuovo equilibrio tra il costruito e la natura, un’apertura al dialogo e alla cultura come relazione e apertura, un progetto di recupero necessario e vitale delle aree interne della Calabria e dell’Appennino, di cui Acri rappresenta un esemplare importante anche per la tenuta demografica in anni così difficili Ragazze e ragazzi delle scuole superiori acresi sono coinvolti in Laboratori sul territorio con progetti mirati, proprio perché loro, sono il presente e il futuro delle comunità. Effettueranno ricognizioni di tipo - visivo, narrativo, riflessivo, creativo - sulle realtà che li circondano, cercheranno tra degrado e tracce di bellezza, e prendendo a prestito le suggestioni simboliche dei tre canti danteschi, di dare nuovo senso allo spazio che vivono preparando anche una mostra a partire dai loro giovanili sguardi, attenti al presente e proiettati al futuro. L’ “esperimento pilota”, che si terrà il 5 aprile, sarà il primo di una serie di Laboratori dedicati a raccogliere idee, proposte concrete, possibili strategie, attraverso esperienze dirette, testimonianze, confronti tra la realtà acrese e altre simili delle aree interne dell’Appennino. Acri come realtà che rimette in gioco la sua, mai sopita, capacità di essere luogo di sperimentazione sociale e politico, con la sua centralità tra Cosenza e la Sila Greca.

PUBBLICATO 02/04/2019  |  © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

POLITICA  |  LETTO 1729  
Verso le regionali. Il sindaco Capalbo sosterrà Aieta. Un ex assessore la candidata della maggioranza?
Il prossimo 4 settembre è l’ultimo giorno utile per la presentazione delle liste. Ad oggi i candidati alla presidenza sono quattro; De Magistris, ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 1309  
Covid19 in Calabria. Dati in peggioramento
In Calabria, nella settimana 18-24 agosto si registra una performance in peggioramento per i casi attualmente positivi per 100.000 abitanti (218) ...
Leggi tutto

LIBRI  |  LETTO 834  
Francesco Fabbricatore e gli italo-albanesi di Calabria
E’ degno figlio della comunità di S. Sofia D’Epiro, docente e cultore in storia contemporanea, il prof. Francesco Fabbricatore, il quale nei gior ...
Leggi tutto

STORIA  |  LETTO 863  
La città degli eccessi: l’antica Sibari e la Hybris
Esistono poche fonti che possano fornirci informazioni dettagliate sulla ricostruzione della storia dell’antica Sibari. Gli stessi storici Greci ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 615  
Le guerre inutili di sempre
Con un po’ di stizza, ma che mi rode molto dentro, mi chiedo perché nessuno gridi allo scandalo per venti anni di guerra in Afganistan, voluta so ...
Leggi tutto

Rubriche
Sezione dedicata ai numeri utili

Storia di Acri

ADV