COMUNICATO STAMPA Letto 892

FAISA-CISAL: Il 27 Luglio sciopereranno i lavoratori della Ias Touring


Foto © Acri In Rete



Com’era prevedibile, la Ias Touring tenta di sterilizzare lo sciopero da noi indetto per il 27 luglio prossimo.
Assumendo un comportamento di chiara matrice antisindacale (tutti i nostri associati sono stati esclusi dai turni ricadenti nella fascia di sciopero) la Ias Touring marchiata Flixbus spera infatti di azzerare la protesta, contravvenendo all’art. 27 del CCNL del 28.11.2015 che impone la programmazione dei servizi per almeno ventisei settimane consecutive, mentre in Azienda vengono predisposti settimanalmente e resi noti solo nel tardo pomeriggio di sabato.
La programmazione del lavoro secondo contratto serve per consentire ai lavoratori la programmazione della vita privata, la verifica dell’eventuale superamento dell’orario settimanale di lavoro e, anche, di aderire allo sciopero.
Ma ciò non attira l’interesse della Ias Tourign, intenta com’è a rincorrere i profitti e disattendere le norme che le appaiono scomode, cosi dimostrando quanto fondato sia il nostro sciopero, diretto, anche, a rivendicare una turnazione che impedisca all’Azienda di fare giochi di prestigio con i turni.
Scomoda appare anche la Faisa-Cisal, ai rappresentanti aziendali, tanto da averne dato prova con continui tentativi diretti a scoraggiare l’attività sindacale.
Spiace deludere la Società, ma i tentativi di ostacolarci sono destinati a fallire miseramente: presto sarà ristabilita l’agibilità di questo Sindacato nella Ias Touring, alla quale intendiamo far sapere che non arretreremo di un millimetro e che vani sono gli atti di assoluta arbitrarietà che tentano di arrestare la protesta.
Attendiamo di vedere rispettato il CCNL e, con esso, i lavoratori che ogni giorno spendono grandissima parte del proprio tempo nel lavoro che, nei fatti, è ripagato dai datori con ingiustificati piagnistei che tentano di rappresentare difficoltà che non esistono e minimizzare lo sforzo lavorativo di tanti padri di famiglia, stanchi di essere scarsamente considerati.
Concludiamo facendo nostre le parole di un proverbio indiano che rende chiara la nostra idea di sindacato e l’approccio che abbiamo con quanti preferiscono la contrapposizione alla ragionevolezza, generando vertenze frutto di una logica aziendale di tipo padronale, a dir poco arcaica.
Sappia, quindi, la Ias Touring, che «siamo come la pianta che cresce sulla nuda roccia: quanto più ci sferza il vento, tanto più affondiamo le nostre radici».

PUBBLICATO 25/07/2022  |  © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 1224  
Sulla sicurezza l’amministrazione comunale è in prima linea
La sicurezza della comunità acrese è stata ed è, sempre, una priorità di questa.... ...
Leggi tutto

AMBIENTE E TERRITORIO  |  LETTO 1600  
Rocce vetrificate di Serravuda. Ecco l’ipotesi dell’origine
Acrinrete ha sempre seguito con interesse e attenzione la genesi delle strane rocce di Serravuda. Una.... ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 723  
Le reliquie di Sant'Angelo d'Acri sono rientrate a casa. Era dal 1976 che non venivano portate in America
Le reliquie di Sant’Angelo d’Acri sono rientrate a casa, nella Basilica a Lui dedicata e che le custodisce, dopo una lunga peregrinazione che ha ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 287  
Giornata Internazionale Contro la Violenza sulle Donne
In occasione della Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne la Fidapa - Sezione Acri, in collaborazione con l’assessorato Pari Opportunit ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 1181  
Sicurezza in città: intervenire prima che sia troppo tardi!
Atti vandalici, azioni dolose o bravate di ragazzini? Non sappiamo cosa ci.... ...
Leggi tutto

ADV