OPINIONE Letto 1295

La biblioteca civica, orgoglio storico della città, è sempre aperta


Foto © Acri In Rete



La biblioteca comunale, nata nel 1952, è sempre stato un luogo di accoglienza e di servizio per decenni, per chiunque da sempre ha desiderato immergersi nella lettura di un buon libro di letteratura di cui è ricca e per chiunque ne ha voluto prendere qualcuno in prestito.
Nata presso l’edificio dell’asilo di via San Francesco e poi ospitata a Palazzo Padula, gode oggi una location privilegiata e spettacolare.
Allestita da qualche anno al secondo piano lato ovest del Palazzo Sanseverino Falcone offre al pubblico un patrimonio di circa 11.000 volumi di narrativa, saggistica, opere generali. Conta una sezione di narrativa per ragazzi e una sezione di pubblicazioni di autori acresi.
Un patrimonio cresciuto nel tempo tramite donazioni e acquisti realizzati dalle varie amministrazioni comunali.
Offre al territorio il servizio di prestito, quello di una serena e comoda consultazione nelle due ampie sale di cui dispone e nell’annessa sala del Museo della Flora Calabra.
Quest’ultima luogo di grande decoro ed eleganza per l’attività di consultazione e di lettura da parte di molti utenti.
La struttura è collegata con il Sistema Bibliotecario Vibonese e possiede un catalogo on line oltre che quello cartaceo, collegandosi con altre biblioteche con il vantaggio di avere un numero più ampio di utenti.
L’archivio storico, annesso alla biblioteca, offre ai ricercatori la consultazione assistita dei registri dello stato civile dal 1809 al 1925 e i verbali storici delle delibere della Giunta Municipale e del Decurionato.
Le ricerche da parte di cittadini acresi e spesso di famiglie italo-americane vengono effettuate per ricostruire l’albero genealogico relativo alla definizione dell’asse ereditario o per riscoprire le antiche radici.
L’orario di apertura al pubblico va dalle ore 8.30 alle ore 13.30 dal lunedì al venerdì e dalle ore 15.30 alle 17:30 del lunedì e del mercoledì.
Il servizio non è mai stato sospeso e la biblioteca è rimasta sempre aperta tranne che nei periodi di tutela sanitaria, durante la pandemia, dovuta a provvedimenti di carattere nazionale.
Il servizio, che dipende dall’Ufficio Cultura del Comune di Acri, è rivolto a tutti i cittadini, studiosi, ricercatori, scolaresche su prenotazione, studenti medi e universitari per tesi di laurea o tirocinio convenzionato. Si tratta di un grande bene comune, un prestigioso patrimonio sicuramente da custodire e arricchire per le future generazioni.




PUBBLICATO 29/01/2023  |  © Riproduzione Riservata

ADV




Ultime Notizie

OPINIONE  |  LETTO 318  
Manganelli e Polizia violenta svuotano la Democrazia, la Repressione del Dissenso Uccide la Libertà
Quando le manifestazioni sono pacifiche anche se si esprime dissenso NON si manganellano gli studenti per impedirgli di manifestare, se accade è ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 4704  
Acri. Sotto sequestro area di 5000 metri quadri. Denunciato il proprietario per gestione illecita di rifiuti e scarichi di reflui non autorizzati
Si comunica quanto segue, nel rispetto dei diritti dell’indagato da ritenersi presunto innocente in considerazione dell’attuale fase del procedim ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 256  
Quando la musica incontra la solidarietà
La Hello Music Academy di Acri e la Polimnia di Cosenza a sostegno della CTNNB1. Si preannuncia un concerto unico ed emozionante quello di gioved ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 551  
Verso le Europee. Nel 2019 l’exploit del M5S
In Italia si voterà il 9 giugno per eleggere 76 europarlamentari. Nel 2019 nel Comune di Acri risultò essere il primo partito il M5S con 2689 pre ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 421  
Sognare non costa nulla
Sabato scorso, a Mirto, il Città di Acri Calcio a cinque ha conquistato una preziosa vittoria (con due goal di Rovito, uno di Rengifo e Riconosci ...
Leggi tutto

ADV