OPINIONE Letto 1578  |    Stampa articolo

Abbelliamo Acri. Adotta una parete anche tu

Foto © Acri In Rete
Associazione Stato delle Persone
Egregi rappresentanti o delegati delle associazioni di categoria;
Cari cittadini acresi,
la Giunta di Acri ha finalmente deliberato sulla nostra idea di abbellire la città di Acri adottando una parete. Cioè la possibilità di chiedere al Comune di adottare, a titolo completamente gratuito, un muro di sostegno lungo le strade, un muro di cinta di un quartiere, una parete insomma di esclusiva proprietà pubblica, con manufatti, con pietre, con murales oppure con opere di fantasia.
A proposito abbiamo pensato di scriverVi due righe.
Avere cura della nostra città è come avere cura della nostra casa.
Una bella casa in una città brutta è solo un’isola, separata dalla comunità. Un individualismo egoistico che con la vita in comune non ha niente a che fare.
Diversamente, se ci impegniamo a migliorare lo spazio entro cui viviamo, lavoriamo, operiamo, non solo la nostra casa ma anche la nostra vita se ne gioveranno. Perché non possiamo prescindere dallo stare insieme agli altri: fare una passeggiata con gli amici; andare a scuola; lavorare; discutere, confrontarsi sulle questioni: attuali, esistenziali e giudiziarie; divertirsi. Abbracciare chi vogliamo bene. E tutto all’aperto, davanti a tutti.
Avere cura della nostra città vuol dire avere cura di noi stessi e dei nostri figli che imparano ad apprezzare ciò che è di tutti, e quindi anche un po’ loro.
Avere cura della nostra città significa avere cura del nostro presente e del nostro futuro. Di ciò che siamo.
È questa la filosofia che sostiene la nostra idea. Che il Comune ha fatto propria, con un regolamento e una convenzione per chiunque voglia cimentarsi a fare qualcosa per la propria città.
Quindi, non esitate!
Proponete!
Il criterio fondamentale da soddisfare è la bellezza. Una piccola grande cosa, fatta di passione e d’amore. Che poi la Commissione non potrà non valutare positivamente.
E quindi non sarà solo qualcosa di bello, ma anche qualcosa di buono. Di quel buono etico che insegna ad amare ciò che è pubblico, presente dentro ciascuno di noi.
Vi alleghiamo la delibera, il regolamento, la convenzione e l’elenco delle pareti che abbiamo individuato.
Ma ne potrete proporre delle altre.
Grazie per l’attenzione

- scarica la delibera
- scarica l'elenco delle pareti

PUBBLICATO 10/07/2019





Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 4000  
Non ce l’ha fatta l’uomo ustionatosi
Mario T., l’uomo di 52 anni, celibe, che nella giornata di lunedì era rimasto vittima di gravi ustioni, mentre era intento ad accendere il caminetto, è deceduto stamattina al Centro grandi ustionati ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 1940  
Ho incontrato un uomo
Ho avuto la fortuna di conoscerlo più di trent’anni fa, erano altri tempi niente a che vedere con gli attuali. Non perché mancassero i problemi, ma perché si affrontavano in maniera diversa, grazie ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 846  
Il Valzer della Poltrona
Dopo il “Ballo del Qua Qua”, il “Cha Cha Cha della segretaria”, “ la Mazurka di periferia”, avevamo pensato di averle viste (e sentite) un po’ tutte; lo abbiamo pensato ma,ahinoi, sbagliavamo.
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 679  
Funghi e dispersi
Funghi e dispersi, un binomio, purtroppo, frequente. Le cronache di questi giorni ci raccontano di numerosi...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 1573  
A proposito di Ecodistretto...
In data odierna si è tenuta presso il teatro Rendano la riunione ato Cosenza per discutere in merito alla allocazione del sito dell'ecodistretto.
Leggi tutto