OPINIONE Letto 2195  |    Stampa articolo

I fatti della settimana. La mancata elezione di Sposato, l’emergenza neve, la possibile retrocessione dell’Acri

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
Tre le notizie scelte per la settimana appena trascorsa.
Politica. Domenica scorsa si è votato per il rinnovo del consiglio provinciale. Potevano votare solo gli amministratori.
L’unico candidato acrese, Fausto Sposato, non ce l’ha fatta ma la sua perfomance non è da buttare. Quasi duemila voti. Sposato è stato votato da quasi tutta la maggioranza.
Il voto, come risaputo, è segreto, ma è altrettanto risaputo che qualche consigliere di maggioranza non ha ritenuto votare Sposato. Ma fughiamo i dubbi. Sposato, settimo, secondo dei non eletti, non ce l’avrebbe fatta ugualmente, seppure di poco.
Nessuna elezione, quindi, ma nessun dramma anche perché chi aveva promesso di sostenerlo lo ha fatto. Nessun traditore né doppi giochi. Sposato può ritenersi più che soddisfatto.
Era candidato in una lista forte e competitiva e dove il primo eletto ha raccolto circa cinquemila consensi.
Tuttavia, a breve, l’amministrazione Capalbo dovrà fare chiarezza; i due dissidenti, Caiaro e Intrieri fanno parte o meno della maggioranza? Sono invitati alle riunioni? Fanno parte ancora delle commissioni? Ad oggi, ufficialmente, né il resto della maggioranza li ha cacciati né loro hanno espresso la volontà di collocarsi diversamente ma le due parti, oramai, non dialogano più.
Emergenza neve. Nella giornata di sabato scorso, il territorio comunale è stato interessato da una fitta nevicata, fenomeno reso ancora più incisivo a causa del vento di Grecale.
Sono seguite critiche, polemiche, accuse. Su questa testata giornalistica, il Comune, assessorato alla Prociv, ha spiegato come sono andate le cose.
Noi ci limitiamo solo a qualche breve riflessione;di certo qualche falla nella macchina comunale, c’è stata ma non crediamo sia stata provocata da malafede o incapacità.
Il territorio è vasto e morfologicamente difficile, i mezzi, le risorse umane e finanziarie sono esigue, il fenomeno è stato più grave del previsto. Ciò non toglie che la macchina organizzativa va rivista ma con i tanti pensionamenti in arrivo e con pochi soldi la vediamo difficile.
Da parte di alcune forze politiche e dei cittadini non c’è stata comprensione, anzi le critiche sono iniziate già quando il fenomeno era in corso.
Tra tutti gli aspetti ci piace rilevare quello relativo alle polemiche di alcuni cittadini che pretendono la pulizia di arterie e spazi privati. Ci sembra una pretesa strana.
Nel caso di emergenze, lavori, interventi (punti luce, reti idriche e fognarie) e aiuti, questi spazi sono pubblici, poi diventano privati con tanto di segnaletica “proprietà privata, vietato l’accesso.”
Calcio. Domenica, ad Isola Capo Rizzuto, l’Acri si gioca una buona fetta della permanenza in Eccellenza.
I rossoneri non possono più sbagliare, il calendario propone importanti partite in casa (Siderno, Bovalinese, Bocale) per puntare ai play out visto che la salvezza diretta sembra oramai un obiettivo sfumato.
Poi si penserà al futuro, ovvero alla prossima stagione, che appare tutt’ altro che roseo ma ora occorre difendere l’Eccellenza perché la Promozione sarebbe una iattura per tutta la città.

PUBBLICATO 02/03/2019





Ultime Notizie

OPINIONE  |  LETTO 102  
Ambiente. Rifiuti ed inquinamento delle falde acquifere
In questi ultimi giorni, non sono poche le foto che immortalano rifiuti di ogni genere sparsi.... ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 886  
Varrise: la verità dei fatti!!!
In merito alla situazione rifiuti su Parco Varrise preme, l’obbligo di precisare ancora una volta, che l’amministrazione opera ed interviene sistematicamente sia con la pulizia Ordinaria, sia con cont ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 589  
S-cambiare gli occhi per la coda
…Una volta una talpa si lamentò con Dio, perché l’aveva creata senza coda, ella disse: “come sono sfortunata, con un corpo così grazioso, un musino così carino, una pelle così vellutata, delle zampe t ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 254  
Se non ora quando: Acri, il Sud tra scomparsa e possibile rinascita
“Cerco un centro di gravità permanente…” cantava Battiato, in una dei suoi brani di maggiore successo, ancora oggi attualissimo, sia per l’efficacia musicale che per l’attualità del testo. ...
Leggi tutto

FOCUS  |  LETTO 716  
Focus. Acroneo, il vino come si produceva nell'epoca romana
Abbiamo incontrato Gabriele Bafaro che, dopo la laurea, ha deciso di ritornare nella sua Serricella per realizzare, non senza difficoltà, un progetto ambizioso ed unico in Calabria che racchiude arche ...
Leggi tutto