COMUNICATO STAMPA Letto 1678  |    Stampa articolo

Ambiente. "Riprendiamoci il futuro, prove di comunità resiliente”

Foto © Acri In Rete
HortusAcri
condividi su Facebook
“Acri, riprendiamoci il futuro: prove di comunità resiliente”, è il claim dell’incontro che si terrà venerdì 5 aprile, alle 17, al Caffè Letterario. oltre ad essere uno slogan dall'impatto accattivante e coinvolgente, il vero spirito dell'incontro è un’esortazione diretta a quanti non vogliono subire il corso delle cose, e non ci stanno a rimanere dentro il corto circuito tipico del nostro sud, "fulminato" spesso da sbalzi di rassegnazione e disinteresse. HortusAcri è un collettivo di persone, giovani e non, che nate ad Acri e sparse in varie parti dell’Italia, si sono ritrovate in un progetto comune, dedicato alla ripresa di temi importanti per la sopravvivenza locale e globale: natura, paesaggio, ecologia, cultura, comunità e coesione sociale, resilienza. Un’attività preceduta da una intensa serie di seminari, avviati già lo scorso dicembre, e seguita nei mesi con Laboratori dedicati a vari temi, tra i quali, in maniera particolare, le opere pubbliche e private incompiute, la ricerca di un nuovo equilibrio tra il costruito e la natura, un’apertura al dialogo e alla cultura come relazione e apertura, un progetto di recupero necessario e vitale delle aree interne della Calabria e dell’Appennino, di cui Acri rappresenta un esemplare importante anche per la tenuta demografica in anni così difficili Ragazze e ragazzi delle scuole superiori acresi sono coinvolti in Laboratori sul territorio con progetti mirati, proprio perché loro, sono il presente e il futuro delle comunità. Effettueranno ricognizioni di tipo - visivo, narrativo, riflessivo, creativo - sulle realtà che li circondano, cercheranno tra degrado e tracce di bellezza, e prendendo a prestito le suggestioni simboliche dei tre canti danteschi, di dare nuovo senso allo spazio che vivono preparando anche una mostra a partire dai loro giovanili sguardi, attenti al presente e proiettati al futuro. L’ “esperimento pilota”, che si terrà il 5 aprile, sarà il primo di una serie di Laboratori dedicati a raccogliere idee, proposte concrete, possibili strategie, attraverso esperienze dirette, testimonianze, confronti tra la realtà acrese e altre simili delle aree interne dell’Appennino. Acri come realtà che rimette in gioco la sua, mai sopita, capacità di essere luogo di sperimentazione sociale e politico, con la sua centralità tra Cosenza e la Sila Greca.

PUBBLICATO 02/04/2019 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

OPINIONE  |  LETTO 199  
C'era una volta l'ascensore
Sono passati ben 619 giorni o meglio 1 anno, 8 mesi e 10 giorni dall'inaugurazione del "siluro acrese" e il famigerato ascensore, che collega viale Calamo con via Padula, oramai non svolge più la funz ...
Leggi tutto

AVVISO  |  LETTO 52  
Avis: donazione periodica del sangue
Si comunica a tutti i donatori e a chiunque volesse donare il sangue che sabato 11 luglio 2020 dalle ore 08:30 alle ore 10:30 presso la nuova sede di avis comunale acri in via francesco maria greco, n ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 180  
Le tessiture artistiche del Maestro Domenico Caruso
Noi di Acri in Rete abbiamo intrapreso un viaggio alla riscoperta degli antichi mestieri... ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 2126  
Un arresto per gravi lesioni e violenza sessuale.
Nella giornata di ieri, i Carabinieri di Acri, guidati dal maresciallo Zaccaria, hanno eseguito un arresto di un uomo del luogo, su mandato della Corte d’Appello del Tribunale di Catanzaro. ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 1512  
Interpretazioni personali ed arbitrarie sull’ordinanza sindacale n. 613 del 03.07.2020
Al fine di evitare la diffusione di notizie false mi preme l’obbligo fare chiarezza sulle interpretazioni “personali” date all’ordinanza sindacale n.613 del 3 luglio u.s., nonostante la stessa per com ...
Leggi tutto