SPORT Letto 2296  |    Stampa articolo

Fc Calcio Acri. E’ ora? Le possibili opzioni

Foto © Acri In Rete
Redazione
Ci vorrà un po’ di tempo per smaltire la sconfitta subita a Soriano ma soprattutto la conseguente retrocessione nel campionato di Promozione dopo circa quindici anni.
Al tecnico Andreoli, quello della promozione in D nella stagione 2010/2011, non è riuscita la difficile impresa a cui, però, è andato molto vicino.
Una retrocessione amara, non certamente inaspettata considerato l’avvio di stagione e le condizioni in cui la società ha dovuto lavorare.
Una retrocessione che fa male, tanto male, non solo ai colori rossoneri ma anche alla città.
L’Fc Calcio Acri ha una storia lunga, fatta di aspetti negativi ma anche di moltissimi successi e di gratificazioni.
Una retrocessione che arriva dopo sette anni dall’ultima, quella patita dalla D all’Eccellenza dopo la strana e maledetta stagione 2011/2012.
Una retrocessione che fa male all’intero calcio calabrese ma soprattutto al massimo campionato dilettantistico, l’Eccellenza, che perde un pezzo importante.
Acri, l’Acri ed i suoi splendidi e corretti tifosi mancheranno tanto.
Tanti, infatti, sono i messaggi di amarezza apparsi sui social da parte di ex giocatori, ex dirigenti, ex allenatori, tifosi di altre squadre.
Ed ora? Delle vicissitudini, tante e contorte, (rosa incompleta, giocatori non idonei, mancanza di soldi e quindi mancata programmazione, non rispetto degli impegni da parte di sponsor, errori tecnici, punti regalati) ne abbiamo scritto in abbondanza, ora vogliamo cercare di leggere il futuro.
Semmai sarà smaltita la delusione, si dovrà pensare al futuro.
Se non ci sarà la possibilità di eventuali ripescaggi si dovrà ripartire dalla Promozione ma anche questa è solo un’ipotesi.
Vediamo le possibili soluzioni.
1) L’attuale società, poche persone appassionate ed alla prima esperienza, decide di continuare, magari coinvolgendo altra gente (imprenditori) per puntare subito alla rivincita;
2) l’attuale società decide di gettare la spugna e la palla passa al Comune che dovrà individuare eventuali successori;
3) l’attuale società si mette da parte per far posto ad una nuova cordata, anche estranea al territorio, che dovrà mettere mano al portafoglio considerato che la rosa dovrà essere completamente rifatta;
4) l’FC Calcio Acri fallisce e scompare e la città resta senza calcio;
5) l’Fc Calcio Acri fallisce e scompare ma un gruppo di persone appassionate di calcio è pronto a rilevare un titolo di Eccellenza di un centro limitrofo.

Insomma, un quadro ancora oscuro e una serie di opzioni.
E’ ancora presto ma per fine mese le cose saranno più chiare anche perché l’eventuale iscrizione al campionato di Eccellenza (per ripescaggio) e di Promozione dovrà essere perfezionata entro la metà di luglio.

PUBBLICATO 06/05/2019





Ultime Notizie

OPINIONE  |  LETTO 475  
Il patriottismo come impegno profuso
Le minacce alla salute del corpo inducono cambiamenti negli atteggiamenti, nel modo di pensare, nei valori del quotidiano. Mettono alla prova il sistema morale ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 995  
Riparti Calabri... Ed Acri?
Notizia odierna riguarda il piano Riparti Calabria presentato dalla Regione che prevede misure a sostegno di lavoratori ed imprese che sono state colpite dall’emergenza coronavirus. ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 540  
FC Calcio Acri: avere due squadre ad Acri sarebbe inopportuno e dispendioso. Si faccia chiarezza
In questo particolare momento storico di difficoltà per tutti, non volevamo certamente parlare di calcio, anzi di fantacalcio, il tutto è abbastanza fuori luogo ed inopportuno. ...
Leggi tutto

AVVISO  |  LETTO 437  
L'Assessore alle attività produttive estende l'invito alle Associazioni di Categoria
A seguito del comunicato sull’incontro con le attività che annualmente fanno richiesta di suolo pubblico, mi corre l’obbligo estendere l’invito all’associazione ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 486  
Covid 19 e luoghi di culto. Dal 18 riprendono le Messe al pubblico. Tutte le misure che saranno adottate
Dal 18 maggio i fedeli potranno tornare a Messa. Lo stabilisce un protocollo firmato oggi, 7 maggio, dal cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Cei, dal premier Giuseppe Conte e dal ministro d ...
Leggi tutto