OPINIONE Letto 1862  |    Stampa articolo

Arrivederci Compagno...

Foto © Acri In Rete
Maria Rosaria Coschignano
condividi su Facebook
Domenica l'insolita fredda giornata di settembre è stata resa ancor più malinconica dalla notizia della dipartita di uno dei pilasti della vera sinistra acrese, il Compagno Angelo Falcone, noto come “U musciu”.
Angelo è stato sin da bambina una figura presente nella mia vita perchè legato da rapporti di parentela con la mia famiglia e rimasto impresso nella mia memoria per la gentilezza e la signorilità che lo connotava, ma ho avuto il privilegio di conoscerlo meglio e apprezzare la sua consapevole fede politica ai valori della sinistra vera nel 1993, allorquando dopo la parentesi universitaria, decisi di continuare la mia esperienza politica frequentando la sede del PDS di Acri, del partito nato dalle ceneri del PCI dopo “la svolta della Bolognina” .
Ad accogliere me, giovane compagna, nella sede del PDS tra i tanti compagni storici c'era anche Angelo Falcone, un uomo di un acume straordinario, di una immensa cultura , la sua scuola era stata la vita.
Era stato un gran lavoratore, in Italia e all'Estero, aveva girato il mondo non per diletto, ma per cercare quel lavoro che la propria terra non era stata capace di dargli, lui sempre fiero perchè nessuno gli aveva regalato nulla, ciò che aveva realizzato, compresa la sua immane saggezza e disponibilità verso gli altri l'aveva conquistato con il suo strenuo impegno e con i suoi sacrifici, continuando, anche dopo la pensione, a dare il suo prezioso contributo di cittadino partecipando alle riunioni del partito e quindi alla vita politica del paese.
Angelo Falcone ha incarnato valori più veri e più autentici della sinistra con passione e sagacia, e, ogni volta che lo incontravo, prima che le sue condizioni fisiche gli impedissero di uscire, mi fermavo a parlare con lui manifestandogli la mia delusione per lo stato di degrado della politica e soprattutto per il venir meno dei valori e dei principi della sinistra, ma lui, seppure con una vena di amarezza, mi incitava all'impegno, mi incitava a non fermarmi mai perchè a suo dire lasciar stare significava delegare le decisioni agli altri.
Angelo era in perfetta linea con il pensiero gramsciano: “l'indifferenza è il peso morto della storia”.
Lunedì al suo funerale, nonostante le restrizioni anticovid, erano tanti i compagni presenti, tristi per la sua dipartita, ma fieri di averlo conosciuto.
Arrivederci Compagno Angelo Falcone e che la terra ti sia lieve.

PUBBLICATO 30/09/2020 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

OPINIONE  |  LETTO 212  
Cammina Italia, per riabitarla
Grazie all’Associazione Siluna, partner della Casa della Paesologia che vede in Franco Arminio.... ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 79  
Maca, da sabato 31 la mostra di Saladino
A partire da sabato 31 ottobre 2020, ospitata al Maca (Museo Arte Contemporanea Acri), è visitabile la mostra personale del Maestro Antonio Saladino, uno dei più raffinati e colti interpreti ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1378  
Covid19, altre tre casi. In totale sono 14
Purtroppo vi sono altri tre nuovi casi. E’ il sindaco Capalbo ad annunciarlo sulla sua pagina facebook. “Il Dipartimento Prevenzione Ufficio Igiene di Acri mi ha comunicato la positività al tampone di ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1418  
Scuole, Spirlì smentisce la chiusura
Per la verità noi di Acri in rete non ci abbiamo creduto tanto che abbiamo ritenuto opportuno non riportare la notizia che ci è sembrata sin da subito una fake news. Sarebbe stata davvero una ...
Leggi tutto

LA PILLOLA VERDE  |  LETTO 651  
Focus. 'Pillola verde', la mitica 'Erba janca'
Con la prima puntata su una nota erba, iniziamo un lungo viaggio tra le numerose piante officinali ed aromatiche del territorio. Una serie di appuntamenti che abbiamo deciso ...
Leggi tutto