COMUNICATO STAMPA Letto 1489  |    Stampa articolo

Una città in ginocchio

Foto © Acri In Rete
Luigi Caiaro - Giuseppe Intrieri
condividi su Facebook


Sollecitati da più parti e spinti da diversi cittadini, ci vediamo, ancora una volta, costretti a scrivere per denunciare quello che nel ventunesimo secolo pare essere qualcosa di inverosimile, assurdo e dai tratti kafkiani.
E’ difatti inconcepibile che l’intero centro urbano della nostra cittadina sia da tre lunghi giorni abbandonato e privo di acqua potabile.
Ci uniamo al disagio e chiediamo scusa alle tante famiglie, soprattutto a quelle che devono assistere soggetti fragili, anziani e con disabilità, e alle tante attività produttive e commerciali che ormai da mesi si vedono negare quell’imprescindibile e indispensabile (soprattutto in tempo di pandemia) diritto del bene primario dell’acqua.
Interventi squinternati, squalificati ed inutili come la trivellazione dei pozzi di Sant’Angelo e Croce di Greca che sono costati circa CENTOTRENTAMILA EURO (ovviamente di affidi diretti) e dai quali ad oggi non viene immessa in rete neanche una goccia d’acqua, non sono stati risolutivi di un problema che in questi cinque anni di amministrazione capalbo si è ingigantito ed amplificato a dismisura.
Altri sarebbero stati gli interventi da dover effettuare e che noi avremmo messo in atto per almeno mitigare questa grave problematica.
In questi giorni anche i servizi ospedalieri sono stati minati dalla assenza dell’acqua arrecando infinite difficoltà ai tanti malati ed utenti della struttura sanitaria.
Purtroppo siamo costretti a ripeterci, ma, ahinoi, l’intera attività amministrativa e politica è stata improntata solo ed esclusivamente sul valzer delle poltrone e su una continua e perenne campagna elettorale, perdendo di vista i reali bisogni e le tante esigenze della città.
Alla luce di questo deludente, disastroso e clamoroso insuccesso amministrativo che palesa tutta la vostra incapacità ed inconcludenza politica, vi invitiamo a dimettervi ed a rimettere il mandato in mano agli elettori al fine di evitare ulteriori sconquassi ad una comunità che merita invece una classe politica che abbia a cuore esclusivamente la res pubblica e gli interessi della collettività.

PUBBLICATO 09/10/2021 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

CRONACA  |  LETTO 1354  
Decesso Ritacco. Il Gip rigetta l’archiviazione per il medico del pronto soccorso
Il gip del tribunale di Paola Letizia Benigno, ha rigettato la richiesta di archiviazione.... ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 3389  
Incidente mortale sul lavoro. Interrogazione al sindaco di Cofone e Feraudo
I sottoscritti Angelo G. Cofone e Nicola Feraudo, nella loro qualità di consiglieri di minoranza del Comune di Acri, PREMETTONO, Con sentenza n. 276/19, resa dal Tribunale Ordinario di Cosenza nell’am ...
Leggi tutto

CULTURA  |  LETTO 587  
Premio Padula. Ecco i vincitori. Ci sono anche Sgarbi e Placido
Come annunciato da Acri in rete qualche settimana fa, Michele Placido e Vittorio Sgarbi saranno in città in occasione della tredicesima edizione del Premio nazionale letterario Padula organizzato dall ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 802  
Questione rione Picitti. Interrogazione di Cofone e Feraudo
I sottoscritti Nicola Feraudo e Angelo G. Cofone, nella loro qualità di Consiglieri Comunale di opposizione del Comune di Acri, PREMETTONO, in data 29 ottobre 2022, a seguito di un sopralluogo, il Com ...
Leggi tutto

AMBIENTE E TERRITORIO  |  LETTO 1075  
Allerta meteo, sindaci indulgenti, sindaci rigorosi
Ci sono arrivate molte mail e altrettanti messaggi riguardo l’ordinanza del sindaco Capalbo che ieri ha deciso di chiudere le scuole per la giornata di oggi a causa di un’allerta meteo di colore aranc ...
Leggi tutto