POLITICA Letto 3923  |    Stampa articolo

Covid-19 e scuola. L'assordante e imbarazzante silenzio dell’assessore alla pubblica istruzione

Foto © Acri In Rete
Redazione
condividi su Facebook


Non solo i cittadini colpiti dal virus vengono lasciati soli e non sanno a quale Santo rivolgersi per ricevere risposte ma a quanto pare anche gli studenti.
Genitori (non solo le mamme per carità) e studenti hanno appreso che dopo la sosta natalizia le lezioni sarebbero riprese in modalità Dad da un post del sindaco Capalbo la sera del 7 gennaio. Nessuna nota, né di spiegazione né tantomeno di conforto da parte dell’assessore al ramo.
Il primo cittadino, costretto ancora a casa per aver contratto il Covid, evidentemente ha dei collaboratori poco efficienti.
Il giudizio negativo, peraltro, non arriva solo dai cittadini ma addirittura anche da qualche consigliere di maggioranza.
Dopo il post del sindaco credevamo di leggere l’intervento dell’assessore alla pubblica istruzione.
Un suo pensiero su questa decisione, un messaggio alle famiglie, agli studenti, al corpo docente.
Ed invece silenzio; assordante, imbarazzante, ingiustificabile.
Come molti ci poniamo delle domande sul perché l'assessore non si sia impegnata per organizzare uno screening sui ragazzi?
Perché non informa la comunità circa la situazione all'interno della comunità scolastica acrese?
Ma allora a cosa servono le deleghe che conferisce il sindaco?
Già in altri settori i collaboratori del sindaco Capalbo producono poco o nulla, vedi regolamento dei taxi, ci mancava anche quello delicato all’istruzione.
È palese che in alcuni settori l’esecutivo fa acqua e che alcuni assessori saranno ricordati per la poco efficienza.
Nel frattempo, nel primo giorno di Dad, si sono riscontrati i soliti vecchi problemi; difficoltà di connessione, di ascolto, di visione.
Un pensiero ai ragazzi in difficoltà ed a quelli che non hanno potuto seguire le lezioni soprattutto a chi, senza l’apporto di genitori e familiari perché impegnati al lavoro, è stato forzatamente assente.
Speriamo che questa settimana passi al più presto e che l’emergenza rientri.

PUBBLICATO 11/01/2022 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

INCHIESTE  |  LETTO 1477  
Sviluppo Italia? No, Sviluppo parenti
Dopo molti anni, esattamente 17, si torna a scrivere (grazie ad un noto blog cosentino) di Sviluppo Italia dal 2008 Invitalia. Nel 2007 se ne occupò addirittura Report e il Corsera grazie ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 412  
Calcio inclusivo
Sabato scorso con la vittoria sull' Essedi Maschito, cenerentola del campionato, il Città di Acri non solo ha confermato la determinazione della squadra, ma ha anche consolidato il secondo posto in cl ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 669  
Il gruppo di Sinistra Italiana non ce la fa proprio a fare il ruolo di opposizione
Ancora una volta, il partito di Sinistra Italiana perde l’occasione di essere una forza politica credibile in seno al Consiglio Comunale. In merito all’ articolo pubblicato di Sinistra Italiana, che h ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 383  
Da Parigi ad Acri. Il sassofonista internazionale Malagnino agli Amici della Musica
Grande attesa per il concerto finale della masterclass di perfezionamento di sassofono tenuta da Alessandro Malagnino per gli Amici della Musica di Acri. Il pluripremiato sassofonista, secondo classif ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 753  
Lo odiano, ma l’hanno fatto vincere!
Continua l'attacco al nostro partito in questi giorni, questa volta è il turno di S.I.. Poche le considerazioni da fare: S.I. poteva mandare letteralmente questo sindaco a casa, ma ha preferito non fa ...
Leggi tutto