MOSTRE Letto 993  |    Stampa articolo

Maca. Da sabato 9 “Ricordo il futuro”

Foto © Acri In Rete
Maca
condividi su Facebook


A partire da sabato 9 aprile 2022, ospitata al MACA (Museo Arte Contemporanea Acri), è visitabile la mostra personale di Caterina Arcuri. L’artista opera nel campo della ricerca e della sperimentazione visiva ed espone dagli anni Novanta. Pur esprimendosi anche attraverso il video, la fotografia e la performance, la sua ricerca attuale è riconducibile soprattutto al disegno e all’installazione site specific. La mostra rientra nell’ambito del progetto Bancartis, grazie al quale, annualmente, il MACA, in collaborazione con l’istituto bancario BCC Mediocrati di Rende (Cs), promuove e valorizza l’arte dedicata ad un artista di origine calabrese, per ravvivare il forte legame territoriale instaurato, sin dalla sua fondazione (2006), dal museo alle pendici della Sila Greca con il suo territorio e le voci creative che ne sono i frutti più rigogliosi. Le sale del Piano Nobile del settecentesco Palazzo Sanseverino-Falcone, sede del museo, ospitano, scrive il critico e curatore Anselmo Villata, la mostra che conclude il percorso iniziato nel dicembre 2021 che ha visto l’acquisizione di un’opera dell’artista catanzarese da parte della BCC Mediocrati. Compongono la mostra opere realizzate con materiali vari e sono installazioni, sculture, disegni, che tracciano un percorso di visita caratterizzato, appunto, da un ideale viaggio nella poetica artistica di Caterina Arcuri ed anche nel tempo: verso il futuro e poi a ritroso, un’andata e un ritorno, dove le parti del corpo umano che “contano” sono i piedi, per camminare sulla terra, e la testa per compiere un viaggio “aereo”, ossia nell’aria, ma anche nel pensiero. Sarà un percorso da vivere per concludersi con la grande installazione “KA2019 macchina sensitiva”, che cattura le nostre emozioni, chiudendo il percorso e riaprendolo a ritroso. Negli ultimi tempi si ricorre spesso all’espressione “H24” che sta a comunicare la disponibilità continuativa e ininterrotta di determinate persone o servizi, ma realmente e concretamente esiste questa diponibilità? La risposta la fornisce l’artista Caterina Arcuri, quando afferma che l’arte e la musica, ossia la creatività e le opere, rimangono sempre e totalmente a disposizione di chiunque ne voglia usufruire. Periodo mostra: dal 9 aprile al 15 maggio 2022 Orario apertura: da martedì a sabato 09:30/13:00 - 15:30/19:00, domenica 10:30/13:00 - 16:30/19:00. Info: www.museomaca.it – info@museomaca.it – 0984 953309

PUBBLICATO 05/04/2022 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

CULTURA  |  LETTO 303  
La Basilicata e la Calabria Bizantina insieme nella riscoperta delle radici
La Basilicata e la Calabria "Bizantina" insieme nella riscoperta delle "Radici" autoctone di molti paesi del Vulture, da Melfi a Ripacandida, Rapolla, Venosa, Lavello, Genzano di Lucania. ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 1268  
Scuola dell'inclusione, celiachia e pagliacci stipendiati
Sono mamma di una bambina celiaca e mi rendo portavoce di tante altre madri della provincia di Cosenza e delle loro testimonianze. Il succo dei discorsi di tutte è questo: medici che non curano, inseg ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 2094  
Comune. L’amministrazione comunale cerca tre esperti per il nucleo di valutazione
L’amministrazione comunale cerca tre esperti esterni per il Nucleo di valutazione, ovvero esperti di tecniche di valutazione delle risorse umane ed esperti in materie giuridiche ed amministrative. ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 958  
Le “non” delucidazioni dell’amministrazione comunale in merito alla contaminazione della sorgente V finestra
Dispiace dover constatare come l’amministrazione Capalbo appena riconfermata abbia perso una buona occasione per dimostrare, non solo a parole ma anche nei fatti, un cambio di passo rispetto ...
Leggi tutto

AMBIENTE E TERRITORIO  |  LETTO 557  
Frane, alluvioni ed esondazioni. La Calabria peggio delle Marche. Mettere in sicurezza il territorio ed i cittadini. O è troppo tardi?
Quanto accaduto nelle Marche non deve far stare tranquilli noi calabresi. Ma la colpa, come dimostrerò, non è solo delle cosiddette “bombe di acqua” o dei “temporali autorigeneranti”, ...
Leggi tutto