EDITORIALE Letto 1549  |    Stampa articolo

L’inaugurazione farlocca del palasport

Foto © Acri In Rete
Redazione
condividi su Facebook


Due anni, oltre settecento giorni, tanto è passato dall’inaugurazione (farlocca) del palasport di Acri centro avvenuta il 4 gennaio del 2021.
Un evento, fortemente voluto dall’amministrazione comunale e dal sindaco Capalbo in particolare, tenutosi in piena pandemia.
Un’inaugurazione ingannevole perché a distanza di due anni la struttura non è ancora pronta per l’utilizzo.
Il palasport, infatti, è privo di documenti tecnici, utenze e servizi vari.
A distanza di due anni non comprendiamo ancora il motivo di quella inaugurazione tra l’altro accompagnata da molte polemiche.
Anche noi di Acrinrete fummo accusati dal sindaco per aver pubblicato sulla nostra pagina facebook informazioni e foto false.
Il tempo ci diede ragione. Noi siamo abituati a raccontare i fatti solo dopo aver acquisito riscontri ed esserci documentati attraverso fonti credibili.
Al taglio del nastro (farlocco) parteciparono anche alcuni sindaci dei centri limitrofi, esponenti politici nazionali, provinciali e regionali tra cui Iacucci, presidente della Provincia, Aieta e Morrone, consiglieri regionali, Bruno Bossio, parlamentare, l’ex senatore Trematerra, oltre ovviamente alla giunta comunale, a gran parte dei consiglieri comunali di maggioranza ed al sindaco con tanto di fascia.
In quella occasione, ma anche in futuro, lo stesso primo cittadino annunciò che il palasport, che può contenere circa tremila persone, era pronto per ospitare eventi sportivi e di spettacolo.
Qualche mese fa l’amministrazione comunale annunciò addirittura un evento/concerto per la fine del 2022. Nulla di più falso.
Ma ultimamente, non sappiamo per quali motivi, il sindaco e la giunta annunciano fatti che poi non avvengono come l’inizio dei lavori sulla Acri/Serricella.
Se il palasport, quasi finito dopo oltre quindici anni e costato oltre 4 milioni, non era ancora funzionale perchè fare un’inaugurazione?
Perché queste inopportune passerelle con selfie, strette di mano e sorrisi? Perché ingannare la popolazione?
Nel frattempo, considerato il numero esiguo e inadeguato di strutture sportive, a molti ragazzi viene negata la possibilità di praticare alcuni sport mentre alcune associazioni sportive accediate e che disputano campionati prestigiosi (Calcio a 5), sono costrette a praticare lo sport presso strutture limitrofe.














PUBBLICATO 03/01/2023 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

FOCUS  |  LETTO 1341  
Focus. Metti il tuo cuore in cassaforte
Da oggi e fino a domenica “La banca del cuore” sarà presente ad Acri, in piazza Purgatorio, dalle 9 alle 19. Non c’è bisogno di prenotazione ma occorre ritirare il numero che sarà distribuito dal pers ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 1207  
Grazie sindaco Capalbo per l’impegno e per il dialogo costruttivo
Nei giorni scorsi abbiamo pubblicato una nota stampa di alcuni consiglieri comunali di opposizione del comune di San Cosmo riguardo le criticità della zona di Gammarossa, al confine tra i comuni di Ac ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 762  
Occhiuto (Fi): “guardiamo anche ai fuoriusciti del Pd”. Anche a quelli acresi?
“Il centrodestra non è litigioso, contrariamente a quanto accadeva con la sinistra al governo. Ci sono delle legittime differenze. Antonio Tajani sta facendo un lavoro straordinario al ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 840  
Truck Tour – Banca del Cuore 2023. Dal 15 al 17 settembre Acri protagonista della Prevenzione Cardiovascolare
Dopo il grande successo delle scorse edizioni, riparte a grande richiesta la straordinaria Campagna Nazionale di Prevenzione Cardiovascolare “Truck Tour Banca del Cuore 2023” facente parte del più amp ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 703  
Due pesi e due misure
Sinistra Italiana ogni tanto esce dal sacco e, come d'abitudine, cerca di attaccare il Sindaco non su programmi e progetti ma su cose che nulla hanno a che vedere con l'amministrazione ...
Leggi tutto