CULTURA Letto 1215  |    Stampa articolo

''Giornata Deradiana'', a San Demetrio e a Macchia Albanese

Foto © Acri In Rete
Gennaro De Cicco
condividi su Facebook


“Giornata Deradiana”, sabato 1 aprile, a San Demetrio Corone e a Macchia Albanese, organizzata dalla locale Amministrazione comunale, con la collaborazione della Fondazione Universitaria “F. Solano” e il DPA. Il programma prevede, alle ore 17,00, l’inaugurazione presso il Centro culturale De Rada del Punto – Archivio, collegato all’Archivio di Stato Albanese, consultabile on-line, compreso l’apposito Fondo di manoscritti del poeta Girolamo De Rada. Alla cerimonia interverranno il Sindaco Ernesto Madeo; Ardi Bido, Direttore dell’Archivio di Stato d’Albania; Antonio D’Elia, Presidente dell’Accademia Cosentina; Matteo Mandalà, Albanologo dell’Università di Palermo. In ricordo dell’evento, su gentile concessione della Fondazione Universitaria “Francesco Solano”, d’intesa con l’Associazione Culturale Zjarri – Papàs Giuseppe Faraco”, sarà distribuito ai cittadini presenti una copia in versione digitale della collezione completa della rivista di Cultura Arbëreshe Zjarri (Il Fuoco), fondata a San Demetrio Corone nel 1969 e diretta dal compianto Giuseppe Faraco. Alle ore 18.30, invece, a Macchia Albanese si parlerà della cosiddetta “Pietra di Don Girolamo” (grosso masso, che si trova ancora oggi davanti casa De Rada). Da quello che raccontano i meno giovani del paese, pare che servisse in età avanzata al poeta per salire sul groppone del suo asinello. Per esempio mi ricordo un “refrain” continuo di questa “storiella” di mio cognato Franco Ponte, già idraulico comunale, e di altri suoi amici ogni qualvolta mi trovavo con lui da quelle parti. Per l’occasione ci sarà, con la benedizione del parroco Papàs Angelo Prestigiacomo, lo scoprimento di una targa a futura memoria. Interverranno il Sindaco Ernesto Madeo, il Consigliere delegato alla Cultura Emanuele D’Amico e il Docente di Albanologia - Dices – Unical - Francesco Altimari. A seguire: letture di poesie dedicate al De Rada della scrittrice locale Signorina Pasqualina Macrì e intrattenimento musicale a cura del gruppo “KoroNa”. In ricordo dell’evento la Fondazione Universitaria Unical “F. Solano” omaggerà quanti parteciperanno alla cerimonia con una copia in versione digitale della collezione de L’Albanese d’Italia (1848). Il primo giornale albanese, fondato a Napoli e diretto da Girolamo De Rada. A conclusione della manifestazione sarà posta dal Sindaco una corona d’alloro ai piedi del sepolcro del Poeta nella Chiesa Parrocchiale di Maria S.S. ma di Costantinopoli ed i cittadini della comunità di Macchia Albanese offriranno un rinfresco, con degustazione di prodotti tipici. Gennaro De Cicco

PUBBLICATO 30/03/2023 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 130  
L'arte del narrare...
L’arte del narrare, come tutti sappiamo, ha una varietà di generi e ogni narratore sceglie quello che gli è più congeniale. Il genere preferito dal sindaco Capalbo è quello della fantasia come si evin ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 165  
Città di Acri C5, ancora un prestigioso arrivo
Dopo la conferma del Bomber Antonio Gerbasi e del giovane talento Giuseppe Frassetti, nell’ottica della costruzione di una squadra che possa dare soddisfazioni ai propri tifosi, il Città di Acri C5 an ...
Leggi tutto

EDITORIALE  |  LETTO 1077  
Il fatto del giorno. Gravi disagi, disinteresse, irresponsabilità e indifferenza
Acri in rete è una testata nota anche per non voltarsi dall’altra parte, per sollevare questioni altrimenti sconosciute e per dare voce a chi patisce disservizi e disagi. Insomma, un’informazione libe ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 1270  
Ad Acri c’è bisogno di rottamazione e sviluppo
Nei giorni scorsi,il sindaco Capalbo, attraverso il suo profilo Facebook ha pubblicato delle foto che ritraevano il corso principale della città, esaltando euforicamente il nulla,con conseguente reazi ...
Leggi tutto

EDITORIALE  |  LETTO 1130  
Il fatto della settimana. Incendi: dubbi, negligenze, misteri
Terminato il momento dello sdegno, della paura, delle sensazioni e della solidarietà (in alcuni casi inopportuna e di facciata), oggi, a mente fredda, a nostro avviso sarebbe importante porre alcune d ...
Leggi tutto