SPORT Letto 2434  |    Stampa articolo

Il punto sull’Eccellenza. Stagione di record negativi

Foto © Acri In Rete
Redazione
condividi su Facebook


Ieri pomeriggio, al termine della partita Acri/Gioiese (0-4), sportivi, tifosi e genitori dei giovani calciatori hanno tirato un sospiro di sollievo: finalmente è finita una stagione tribolata fatta solo di amarezze e record negativi.
L’immagine allegata a questo scritto ritrae i due maggiori protagonisti (in negativo) di questo campionato.
Mario Stumpo
per tutti Carlo, presidente (dal 2020) dell’Asd Città di Acri, ultimamente anche allenatore, magazziniere, autista, massaggiatore, cassiere e Luigi Maiorano, per tutti Gino, assessore allo sport della giunta Capalbo.
I numeri sono impietosi; per i rossoneri 2 vittorie, 4 pareggi e ben 24 sconfitte, 12 le reti realizzate, 84 quelle subite.
Una stagione da dimenticare al più presto, una delle più brutte della lunga storia calcistica acrese.
Una retrocessione amara subita tra l’indifferenza generale
.
L’unica nota positiva i ragazzi, per la maggior parte locali e qualcuno anche bravino, che hanno permesso all’Asd Città di Acri di giocare le partite evitando penalizzazioni ed esclusioni.
Dopo un avvio discreto, i rossoneri, complice una campagna acquisti da terza categoria, hanno perso terreno e a dicembre molti elementi hanno preferito cambiare aria. Così come alcuni dirigenti.
Stumpo, indimenticabile ex rossonero ed ex della gloriosa Morrone, è restato al suo posto sfidando le intemperie.
Ieri ha detto che la sua squadra sarà protagonista in positivo nel prossimo torneo di Promozione. Ce lo auguriamo anche noi ma siamo diffidenti.
Più volte sollecitato da Acri In Rete, Stumpo ha preferito il silenzio.
Non una parola su quanto accaduto a dicembre e nemmeno una sui suoi amici amministratori che a fine agosto hanno interdetto al pubblico lo stadio (ancora oggi chiuso).
Spalti vuoti, casse vuote, né tifosi, né sponsor, impensabile salvarsi in un campionato difficile e costoso come quello di Eccellenza.
Intanto siamo a maggio e all’orizzonte non si intravedono novità.
L’assessore allo sport Maiorano, ricordato per essere stato il sindaco del dissesto finanziario del comune (2011-2012), certificato dalla Corte dei conti, nel suo vasto curriculum politico potrà vantare anche questa amara retrocessione ma ora ha il dovere di convocare quanti sono interessati a realizzare un progetto serio e credibile.
Per la cronaca il campionato è stato vinto dalla Gioiese, si terrà un solo play off, Brancaleone/Scalea e la vincente sfiderà la Promosport.
I play out saranno Gioiosa/Gallico e Sersale/Bocale.

PUBBLICATO 01/05/2023 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 647  
Acri in rete premia gli studenti più bravi dell’ultimo anno degli Istituti di secondo grado
Per i suoi venti anni di attività, Acri in rete ha pensato ai giovani in particolare agli studenti delle ultime classi degli Istituti di secondo grado, mettendo in palio tre Borse di studio di euro 50 ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 2809  
I diritti civili dei gay e la nuova normalità
In questi giorni si sta svolgendo a Roma il Pride, capitanato da esponenti politici come la Schlein e sostenuti dalla cantante Annalisa. Si rivendicano nella manifestazione ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 433  
Auguri agli eletti. Che possano difendere la Calabria e i calabresi
Per fortuna il termine LIBERTÀ ha il suo valore, in una terra, la Calabria, dove spesso non si ha il coraggio di cambiare e di denunciare! Auguri ai nuovi amministratori, a chi ha deciso di rimanere, ...
Leggi tutto

FOCUS  |  LETTO 2194  
Una realtà imprenditoriale al passo con i tempi
Nata circa venti anni fa grazie alla felice intuizione di due giovani fratelli, oggi LAV Services è una realtà imprenditoriale tra le più sane del territorio con i suoi oltre cento dipendenti. ...
Leggi tutto

INTERROGAZIONE  |  LETTO 514  
Lavori Vallone Cupo e Pagania, interrogazione sullo stato dei lavori
I sottoscritti Emilio Turano, Natale Zanfini e Giuseppe Intrieri consiglieri comunali di minoranza del comune di Acri. Premesso che: ...
Leggi tutto