COMUNICATO STAMPA Letto 982  |    Stampa articolo

Proposta modifica decreto n° 78 del commissario Occhiuto

Foto © Acri In Rete
Comitato Uniti per l'ospedale Sant'Angelo d'Acri
condividi su Facebook


Il comitato " Uniti per l'ospedale Sant'Angelo d'Acri", visto l'attuale stato di depotenziamento  dell'ospedale di Acri;
considerato che il P.O. Beato Angelo è nei fatti Ospedale di zona ALTAMENTE DISAGIATA, essendo Acri territorio di area interna con aggravio di forti difficoltà viarie che rendono difficoltoso e posticipano il   raggiungimento di  tutti gli ospedali viciniori ;
considerato che l’ospedale Beato Angelo serve un bacino di paesi limitrofi con un’utenza di circa 70 mila abitanti ed è l’unico ospedale della Valle Crati;
Preso Atto del DCA n 78 del 26/03/2024 e precedenti;
considerato che altri ospedali della stessa tipologia di Area disagiata - locati però in aree vicine ad altri ospedali più facilmente raggiungibili - hanno nel decreto servizi e posti letto non previsti nvece per il P.O Beato Angelo,
CHIEDE
che il decreto  78 sia rimodulato  e gli atti aziendali  prevedano per quanto di loro competenza i servizi e i posti letto  di seguito descritti.
Nella tabella seguente si fa anche un raffronto tra quanto necessita e da noi richiesto per l’ospedale di Acri e quanto oggi previsto nel decreto 78 del 26/03/2024 e precedenti.




NB: in sintesi, rispetto a quanto il decreto 78 prevede per il nostro ospedale, noi chiediamo di aggiungere:
- 10 posti di chirurgia + 2 posti di  day surgery multidisciplinare ( esempio oculistica, ortopedia, ginecologia etc);
- 4 posti OBI ( osservazione breve intensive per il pronto soccorso);
- 5  posti di day Hospital multidisciplinare di medicina + 20 posti di Degenza Ordinaria,  per un totale di 25 posti richiesti , contro i 20 posti previsti dal decreto;
-  posti di  lungodegenza e posti di recupero e riabilitazione post acuzie;
-  la radiologia con la presenza fissa di 1 radiologo e 4 tecnici che il decreto non prevede , così come l'emoteca ;
- la CASA della maternità  per  le gravidanze fisiologiche;
-  il mammografo che è  stato già deliberato ma  mai arrivato ad Acri.
- Inoltre, si chiede  la presenza di almeno 2 Anestesisti e 3 chirurghi + l'equipe mobile per le specialistiche multidisciplinari,  la ristrutturazione dell'attuale reparto di medicina ed il potenziamento della medicina territoriale specialistica.
NOTA: il comitato chiede che tale proposta venga presa in carico  dall’Amministrazione e dall’intero Consiglio comunale, maggioranza e minoranza, nonché dalle associazioni tutte,  chiedendo con voce unanime tutto ciò che può far ripartire il nostro ospedale.
 Non dividiamoci!

PUBBLICATO 09/04/2024 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 278  
Questione ospedale, dietrofront dell’Amministrazione?
L’esito dell’ultima seduta della commissione sanità allargata non è stato positivo. Si è avuta la percezione di... ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 502  
Il presidente di Sinistra Italiana Nichi Vendola ad Acri
Nichi Vendola, presidente di Sinistra Italiana è stato in Calabria due giorni per parlare... ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 282  
Primo Festival nazionale del dialogo filosofico, fra i partecipanti due Istituti calabresi
Portare il dialogo filosofico all’attenzione di tutto il territorio nazionale, partendo dalla scuola dell’infanzia.... ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 739  
Il Lions Club Acri mette in scena la seconda edizione del Processo Simulato
Il Lions Club Acri sotto la guida del Presidente Avv. Raffaela Bruno, ha voluto, nella “Settimana della Legalità Lions” mettere in scena la II^ edizione "UN PROCESSO SIMULATO ...
Leggi tutto

LETTERE ALLA REDAZIONE  |  LETTO 1205  
La “buona sanità” della chirurgia Falcone
Da una nostra lettrice, riceviamo e pubblichiamo. Sono ormai ben noti lo spessore professionale e le doti umane di Bruno Nardo, professore universitario, luminare della chirurgia ma ...
Leggi tutto