OPINIONE Letto 5051  |    Stampa articolo

Giuseppe Crocco (Peppino), l’ultimo custode

Foto © Acri In Rete
Franco Bifano
condividi su Facebook
Capitava in passato, ma succede anche oggi, che le vicende della nostra vita  ci portino a percorrere strade  a volte obbligate. Sentieri, non di rado,  impervi  che ci allontanano  dai luoghi  dove siamo nati e dagli affetti  più cari.  Eppure, per quanto i chilometri che ci lasciamo alle spalle possano essere tanti e il tempo trascorso sia molto, non sono  quasi mai sufficienti a  cancellare, a  scalfire la nostra memoria.
Luoghi e persone è come se si ritagliassero un angolo nel nostro cuore e nella nostra mente dove depositarsi per non sparire. Non è chiaro quale affascinante alchimia chimica riesca a conservarli lì,  immutabili nel tempo come foto indelebili su una preziosa pellicola, come  perle all’interno di un romantico scrigno. Mastru Nicoda, il barbiere; Ninetta e mastru Giuvanni e iaconetti il ciabattino; Don Antonio u fotografo; Natedi Algieri, il cantiniere; mastru Afronzio “u’bussettu”, il panettiere; Gisberto, negoziante di generi alimentari; mastru Angiudu “e Bennardina”;  Giuseppe, il tabaccaio; ‘Ntonetta, Nunziatella “a bellina”, Assunta, Nunziatella “a Bellina” Cristina, Cumma Finita e Cumma Angiudina,  le vicine.
 Sono persone vissute nel centro storico dove sono nato, venuto alla luce  in casa a pochi metri da quella che oggi è la “Casa Cappella” dimora del   “Beato Angelo”, rione “Casalicchio”.  Amo passarci appena mi è possibile, nonostante la malinconia sia sempre in agguato pronta ad assalirmi, proprio come assaltavamo immaginarie diligenze nei giochi da bambini in quei vicoli, fingendoci cowboy. Non sempre  incontro qualcuno, a volte con un po’ di fortuna, ma succede sempre più di rado,  intravedo dietro le finestre di una delle poche case ancora abitate qualcuno  che fa parte dei miei ricordi.  
Vicinissimo alla Casa Cappella c’è il Palazzo “Giannone” con il suo bel giardino. Per me bambino, un luogo quasi magico. Quante arrampicate su gli alberi, quante corse giocando a nascondino.  Peppino permettendo s’intende. Già Peppino Crocco, il custode di quella meraviglia. Ai miei occhi da bambino un gigante buono, sempre attento che quel manipolo di “briganti” non combinasse troppi guai. Che tristezza sapere che non c’è più! Se n’è andato senza neanche avvertici, forse perché ormai siamo diventati grandi, forse perché è stato sempre di poche parole, quelle opportune. Se ne è andato l’ultimo custode non solo del Palazzo, forse dell’intero rione, sicuramente  una delle ultime perle contenute nello scrigno dei miei ricordi d’infanzia.



PUBBLICATO 05/01/2016 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

NEWS   |  LETTO 929  
Sms di Amazon per riceve in regalo un I Phone. Ma è una truffa
L’Sms incriminato, lo hanno ricevuto anche alcuni componenti della nostra redazione e chissà quanti lettori. L’inesistente Cristina di Amazon, invia un Sms con un link a cui cliccare ...
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 1315  
Covid19. Tutti negativi i tamponi effettuati sulle persone entrate in contatto con la persona 'positiva'
Una buona notizia. I tamponi effettuati sulle persone entrate in contatto con la signora albanese, hanno dato tutti esiti negativi. La comunità può tirare un sospiro di sollievo. ...
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 1362  
Sibari-Sila, cantiere fermo ma i soldi ci sono
Della Sibari-Sila, Acri in rete se ne è occupata spesso facendo rilevare inchieste giudiziarie, errori tecnici, problemi ambientali. Oggi riportiamo una ota di Rosa Abate (M5S). ...
Leggi tutto

RACCONTI  |  LETTO 281  
La Luna di fragola
Sapete perché il volto della luna non è mai lo stesso? Come mai la scorgiamo di giorno? Perché alcune volte si tinge di rosa o si assenta dal cielo? Scopriamolo insieme. La luna pensa tra sé: ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 2107  
Covid19 e scuola. Ecco dove poter effettuare il test sierologico
Per garantire l’esecuzione dei test sierologici al personale scolastico il cui medico di medicina generale abbia manifestato l’impossibilità all’esecuzione, l’azienda sanitaria provinciale di Cosenza, ...
Leggi tutto