SPORT Letto 5199  |    Stampa articolo

Fc Acri - Castrovillari: 1 - 1

Foto © Acri In Rete
Francesco Spina
condividi su Facebook


CALCIO ACRI: Puterio (’97) 6,5, Mancino 6,5, Luzzi 6,5(28’ st Fanigliulo 6), Petrassi 6,5, Levato 6, Perri 7 ,O.Viteritti 6, Sposato 6, (18’st Caruso 6), Petrone 6, Caputo 6,5, Siciliano (’96) 6 (35’st VIsani (’96) sv). In panchina:Simari, Pipieri, Filippo, Giudice (’98). Allenatore: Pascuzzo 6,5
CASTROVILLARI: Panuccio 6, Perri (’97) 6, Gambi 6, D’Angelo 6, Miceli 6, Nigro (’96), 5,5, Vitale 5,5 (22’st De Simone 5,5), Opoku 6,5, Musacco 5,5, De Angelis(’96) 5,5. In panchina: Voce (’96),Saccà, Lombardi, De Marco (’97), Micieli, Settembrino (’96). Allenatore: Viola 6
MARCATORI:21’pt rigore Opoku (C), 31’pt Caputo (A)
ARBITRO: Mazzarà di Palermo 5 (Assistenti: Roperto e Paradiso di Lamezia Terme 6)
NOTE: Spettatori 1200 circa di cui 150 ospiti. Ammoniti: Miceli e Leta (C). Angoli: 4-2 Recupero: 1’pt;4 st.

Acri (CS) – Finisce in parità il derby tra i lupi acresi e quelli del Pollino, un risultato giusto per quello che si è visto in campo , con l’Acri che davanti al pubblico delle grandi occasioni mette più volte in difficoltà gli ospiti , seguiti ad Acri da quasi 200 supporters .Partita rovinata nel finale, quando le due tifoserie sono venute al contatto nel piazzale dello stadio, a farne le spese le auto parcheggiate. Per quello che riguarda il calcio giocato, il primo tempo inizia con le squadre che timorose, giocano prevalentemente nella parte centrale del campo. L’Acri sembra avere qualcosa in più, il Castrovillari sornione, cerca invece di proporsi in avanti in ripartenza.
Al 12’ gli ospiti sono pericolosi con Opoku, mentre due minuti più tardi, l’Acri si fa vedere in avanti con Mancino in una delle sue solite discese sulla destra. Al 21’ l’episodio che sblocca il derby: il Castrovillari conquista un angolo battuto alla sinistra rispetto alla porta difesa da Puterio, il pallone nella sua traiettoria viene intercettato in mischia dalla mano di un difensore acrese, l’arbitro decide di concedere la massima punizione, dal dischetto Opoku realizza il vantaggio per i suoi. I rossoneri di Pascuzzo, non si lasciano comunque intimorire dal vantaggio ospite e cercano subito la reazione. Dopo qualche pericolo creato soprattutto sugli esterni l’Acri riesce a trovare il pareggio con uno splendido calcio di punizione dai trenta metri battuto da Caputo (31’).
Il secondo tempo regala poche emozioni, le uniche degne di note sono di marca acrese: al 3’ ed al 22’ con Viteritti. Il Castrovillari non ha la fame giusta della capolista, la squadra di Viola ci prova al 34’ con De Angelis, ma Puterio legge bene l’azione e sventa la minaccia.



























































Foto Giuseppe De Marco


PUBBLICATO 29/02/2016 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

FOCUS  |  LETTO 1997  
Focus. Così immagino il centro anziani
Da qualche settimana Tina Turano è la nuova presidente del Centro anziani di piazza della Democrazia. L'abbiamo incontrata nella struttura dotata di tutti i comfort compresi i servizi igienici per i d ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 1165  
Finalmente il dado è tratto. La Regione dice "No" all'eolico a Serra Crista
È di ieri la notizia dell'esito negativo della conferenza dei servizi della Regione Calabria in merito al progetto presentato da Enel green power che prevedeva la realizzazione di un impianto eolico, ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 917  
Tutta un'altra storia
Ed è così che la Lega e il noto cazzaro oggi gongolano! Il DDL "dell’aprostata" Calderoli, predicatore del, “prima il nord” (il verbo secondo Matteo), è passato al Senato. Evviva!! Questo, nonostante ...
Leggi tutto

AMBIENTE E TERRITORIO  |  LETTO 1060  
La Conferenza dei Servizi dice no all’Impianto eolico di Serra Crista. Il comune era per il sì
La Conferenza dei servizi, tenutasi oggi, ha detto no alla realizzazione dell’Impianto eolico di Serra Crista che nei mesi scorsi ha visto di fronte favorevoli, l’amministrazione comunale ...
Leggi tutto

USI E COSTUMI  |  LETTO 518  
Settimana di commemorazione dei defunti nei paesi arbëreshë di rito greco - bizantino
Nei paesi italo-albanesi di rito greco - bizantino i morti vengono commemorati quasi all’inizio della primavera, nel mese che gli antichi greci chiamano “Antesterione”. Il riferimento storico è la fes ...
Leggi tutto