POLITICA Letto 3427  |    Stampa articolo

Arena incassa il si dell’Anac. Per l’Anticorruzione non c’era incompatibilità

Foto © Acri In Rete
Rosanna Caravetta
condividi su Facebook
L'ex consigliere comunale in forza all’Udc ,  Vincenzo Arena, sarebbe  stato espulso impropriamente dall’assise comunale. Non c’è incompatibilità tra il ruolo di consigliere comunale e quello di direttore del distretto sanitario Pollino-Esaro.  A sancirlo è l’Autorità  Anti Corruzione con una delibera a firma di Raffaele  Cantone con la quale si  disciplinano  " Ambito e limiti di applicabilità  delle disposizioni in tema di inconferibilità  ed incompatibilità  ai dirigenti medici......".
Le ipotesi di inconferibilità  e di incompatibilità di  incarichi presso Asl devono intendersi , si legge nella delibera,  "applicare solo con riferimento agli incarichi di direttore generale, amministrativo e sanitario". Pertanto alla luce di tutto ciò il centrista Arena , attraverso una nuova richiesta protocollata nei giorni scorsi in Municipio e indirizzata  al sindaco, al  presidente del Consiglio e al segretario generale , al  prefetto e al presidente dell’Autorità  , chiede che venga applicata la delibera numero 149 del 22 dicembre 2014 dell'Anac e conseguentemente  revocata la delibera consiliare numero 26 del 21 agosto 2013. Delibera con la quale  la maggioranza fece decadere Arena  ritenendo  incompatibile i due ruoli e  applicando il decreto legislativo dell’aprile 2013 che riguarda le incompatibilità tra amministratori e dirigenti di enti pubblici. Iniziò a quel punto una battaglia legale tra la giunta e Arena.  
Poi la sentenza del Consiglio di Stato che, ha ricordato Arena,  "escluse l’incompatibilità  tra la qualifica di direttore sanitario e la carica di consiglieri. In particolare il Consiglio di Stato  dettò una disposizione speciale assoggettando al regime di incompatibilità solo i tre incarichi di vertice escludendo - ha precisato  Arena- il personale ad esso subordinato anche se con incarichi dirigenziali".  Ma,  nonostante quella sentenza e la richiesta di Arena di rientrare nel civico consesso,  la maggioranza non fece nessun passo indietro.
Oggi , a sostegno delle ragioni di Arena,  anche l’Anac che con la nuova delibera , sostitutiva della numero 58 del 2013,  ha cercato di fare chiarezza evitando ulteriori dubbi interpretativi e applicativi.  

PUBBLICATO 08/06/2016 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 563  
Uffici postali. Ecco il nuovo orario
Continua il progressivo ritorno alla normalità anche negli uffici postali della provincia di Cosenza. Da ieri, lunedì 21 settembre, le sedi di Mandatoriccio, Acri, Dipignano, Casali del Manco, Monta ...
Leggi tutto

CRONACA  |  LETTO 4516  
Giornalista acrese minacciata ad un seggio elettorale
Brutta vicenda accorsa a Giulia Zanfino (nella foto), nostra concittadina nonchè giornalista de Il Fatto Quotidiano e Repubblica.it. La notizia è riportata da Lo Strillone news che così scrive; guai a ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1603  
Referendum. Ad Acri vince il SI
L'Ufficio elettorale del Comune ha appena diramato i risultati definitivi riguardanti il Referendum Costituzionale sul taglio dei Parlamentari. Ha votato il 38,8% ovvero 6377. ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 302  
Arci Cosenza offre sostegno e supporto alle scuole del territorio
In un periodo tanto complesso e complicato in cui non bisogna identificare solo un buon mash up di tutte le competenze, le capacità e le conoscenze possibili e disponibili per rendere migliore questo ...
Leggi tutto

RELIGIONE  |  LETTO 294  
Sapere meglio, è meglio
Un mio lontano parente, proveniente da Troia, ma di origine greca, per certe malintese con Nettuno ed altri abitanti dell’Olimpo, fu costretto a vagabondare nei dintorni della Calabria e per intervist ...
Leggi tutto